.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 129 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Lunedì, 20 Aprile, 2009 - 15:30

Amnesty: Fujimori condannato, onore alla giustizia

Perù: secondo Amnesty International la condanna dell'ex presidente Fujimori rappresenta una pietra miliare nella lotta per la giustizia

CS051: 07/04/2009

www.amnesty.it

Amnesty International ha dichiarato oggi che la condanna dell'ex presidente peruviano Alberto Fujimori è una pietra miliare di straordinaria importanza nella lotta contro l'impunità e mostra come nessuno sia esente dal rendere conto del proprio operato.

La Sezione criminale speciale della Corte suprema peruviana ha emesso il verdetto di colpevolezza in relazione ai casi di Barrios Altos (15 persone assassinate nel 1991), de La Cantuta (nove studenti e un docente universitario sequestrati e poi uccisi nel 1992 da un gruppo paramilitare legato all'esercito) e dei sotterranei SIE (dove vennero tenute due persone sequestrate). I tre giudici, all'unanimità, hanno concluso, che l'ex presidente Fujimori è responsabile personalmente e penalmente in ciascuno dei tre casi, avendo all'epoca comando militare effettivo su coloro che commisero i crimini in giudizio.

"È stata fatta giustizia in Perú" - ha dichiarato Javier Zuñiga, osservatore di Amnesty International al processo nei confronti di Alberto Fujimori. "Oggi è una giornata storica. Non capita tutti i giorni di vedere un ex capo di stato condannato per violazioni dei diritti umani quali torture, sparizioni e sequestri di persona. Speriamo sia solo il primo di molti processi del genere in America Latina e nel resto del mondo".

"Ora è fondamentale che tutti i responsabili delle violazioni dei diritti umani commesse in Perú, comprese quelle che chiamano in causa i governi che precedettero quello di Fujimori, siano chiamati a rispondere di fronte alla giustizia. Sparizioni, torture, stupri sono crimini che non cadono in prescrizione se commessi su vasta scala, com'è il caso del Perú" - ha aggiunto Zuñiga.

FINE DEL COMUNICATO                                                             Roma, 7 aprile 2009

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it