.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 73 ospiti collegati

.: Eventi

« Ottobre 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Domenica, 16 Novembre, 2008 - 17:42

sicurezza e utilizzabilità dei mezzi pubblici ATM

Milano, 6 novembre 2008

 
Alla c.a.
Della Direzione dell’ATM di Milano;
dell’Assessorato alla Mobilità, Trasporti e Ambiente del Comune di Milano;
del Settore Mobilità del Comune di Milano;
della Commissione Trasporti e Viabilità del Consiglio di Zona 4 di Milano;
del Consiglio di Zona 4 e di tutte le sue Componenti
 
Oggetto: sicurezza e utilizzabilità dei mezzi pubblici ATM, a fronte di ultimi disagi e incidenti e a fronte delle ultime dichiarazioni dell’Amministratore Delegato, Elio Catania
 
Considerato
 
Che si stima a livello cittadino un aumento degli incidenti e dei malfunzionamenti a cui sono soggette le vetture dei mezzi pubblici ATM, in particolare si stima che sulla rete di superficie i guasti per ogni milione di chilometri siano stati quasi 1000 nel 2007, mentre per il 2008 la presente soglia sarà superata
 
Si considera inoltre
 
Che anche per quanto concerne la rete dei trasporti pubblici suburbana, la metropolitana nel suo complesso, i guasti e i malfunzionamenti avutisi siano aumentati nell’ultimo anno, dato che la soglia dello scorso anno di 310 sia ormai abbondantemente superata; mentre nel 2006 si stimava un numero di 206 guasti, salendo a 310, appunto, nel 2007
 
Preso atto
 
Che gran parte del territorio della nostra circoscrizione è attraversata da linee della metropolitana, la linea 3, e tranviarie lungo la circonvallazione interna di confine con la limitrofa zona 1, nonché da diverse linee di superficie, nelle cui tratte si presentano autovetture, filovie e autobus, anch’esse spesso soggette a guasti e malfunzionamenti di varia natura, spesso causa di congestionamento del traffico e importanti ritardi nelle corse e nei tragitti
 
Considerate
 
Le dichiarazioni del sindaco avutesi in occasione di un ultimo incidente verificatosi in Viale Bligny, dove si sono avuti diversi feriti tra i passeggeri e un notevole congestionamento del traffico urbano, in cui si ravvisano e denunciano i ritardi negli investimenti derivati dalla disponibilità di un piano industriale dell’Azienda di 800 milioni di investimenti complessivi
 
E considerate
 
Le dichiarazioni avutesi da parte dell’Amministratore ATM, Elio Catania, il quale ha negato l’esistenza di questione di sicurezza per i passeggeri e i conducenti delle linee di trasporto pubblico, affermando l’inadeguatezza e l’inaffidabilità di un notevole numero di mezzi pubblici e vetture da poco acquistate dall’azienda, si stimano essere 199 le nuove macchine, dai treni metropolitani ai tram Sirio, fortemente soggetti, questi ultimi, a pericolo di deragliamento nelle tratte in cui non procedono in rettilineo, e “Sirietti”, da autobus a filobus, per un investimento di 122 milioni
 
Preso atto
 
Delle dichiarazioni di alcuni consiglieri comunali avutesi a riguardo e in occasione del convegno a Palazzo Marino dedicato al tema della sicurezza dei mezzi pubblici di trasporto, a cui ha presenziato l’Amministratore delegato ATM, Elio Catania, i quali hanno ravvisato unanimemente l’assenza di un’adeguata azione di manutenzione dei macchinari, che dovrebbe ritornare a essere una priorità, come afferma il Consigliere del PD Aldo Ugliano
 
In particolare
 
Si denuncia da parte dell’opposizione in Consiglio Comunale un’inadeguatezza della rete dei binari, e un investimento tardivo in materiale rotabile dei fondi messi diversi anni fa in un deposito titoli, come afferma Davide Corritore Consigliere del PD
 
Preso atto
 
Delle dichiarazioni dell’Assessore alla Mobilità, Croci, il quale afferma di avere chiesto all’ATM «un rapporto preciso e dettagliato, perché la formazione del personale va curata quanto la manutenzione», considerando giustamente opportuna un’adeguata cifra messa a disposizione della formazione qualitativa e professionale dei conducenti delle autovetture, conditio sine qua non si potrebbe adempiere a un intervento completo nel miglioramento in materia di sicurezza dei mezzi di trasporto pubblico, confermando la contraddizione tra le prospettive e le dichiarazioni avutesi da parte dell’Azienda e quelle avutesi da parte dell’Amministrazione Comunale
 
si chiede
 
-         all'Assessorato alla Mobilità del Comune di Milano se esista un programma e un progetto finalizzato a intervenire al fine di assicurare un miglioramento delle condizioni di sicurezza nell’utilizzo delle macchine dei mezzi di trasporto pubblico oggi disposte, nonché un piano di aggiornamento più completo e continuativo, coinvolgendo chiaramente l’azienda e le rappresentanze delle lavoratrici e dei lavoratori (RSU), al fine di assicurare un implemento della qualità professionale dei conducenti, spesso poco assicurati e soggetti a pericoli per la propria incolumità personale;
-          all’Azienda ATM di provvedere a comunicare i Piani Industriali e Aziendali di investimento eseguiti negli ultimi 3 anni e a rendere note le cifre stanziate e le voci di spesa e di investimenti effettuate al fine di avere una maggiore e complessiva chiarezza della situazione dell’Azienda e delle strategie da essa perseguite, per l’interesse collettivo dei passeggeri e dei conducenti;
-         Alla Commissione Trasporti e Ambiente del Consiglio di Zona 4 di provvedere a inserire all’ordine del giorno di una prossima riunione l’analisi della questione sicurezza dei mezzi di trasporto pubblico, invitando anche dirigenti dell’Azienda e dirigenti del Settore Mobilità e dell’Assessorato Mobilità del Comune di Milano, al fine di prevedere una conoscenza e opportune proposte integrative che possano essere funzionali al miglioramento complessivo del servizio, soprattutto in termini di sicurezza e di qualificazione del personale.
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano