.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 21 ospiti collegati

.: Eventi

« Gennaio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Sabato, 19 Aprile, 2008 - 18:28

Come si fanno le città sostenibili? Intervista a Federico Butera

Come si fanno le città sostenibili? - Intervista a Federico Butera

www.lifegate.it


Come si risolverà, nel futuro, il problema dell'energia nelle nostre città? Che ruolo avranno le nuove tecnologie? Ecco le risposte di Federico Butera, professore di Fisica e Tecnica ambientale del Politecnico di Milano.
Al convegno "Energetica 2008" l'autore dell'interessante e divertente libro "Dalla caverna alla casa ecologica", scritto per le Edizioni Ambiente, appare fiducioso e positivo. Le nostre case e le nostre città possono consumare meno e a costi contenuti. Bisogna solo imparare a utilizzare l'energia che ci serve in modo più intelligente.
- Quali sono i problemi energetici delle città?
Le città sono il luogo in cui si consuma il 70% e anche più dell'elettricità e dell'energia che complessivamente si utilizza - per riscaldare gli edifici, per illuminarci - pertanto sono proprio il luogo da cui partire.
La città è anche il luogo dell'innovazione. E' vero che consumano di più ma sono anche i luoghi dove è più facile far qualcosa.
- Quali sono i principi da adottare per rendere le città sostenibili?
Va rivisto il modello di progettazione urbana, vanno riprogettate le funzioni urbane. Bisogna fare in modo che si possano ottenere i servizi necessari spendendo il minimo di energia possibile.
- Cosa significa?
Se la casa c'è già, coibentarla meglio, se è da costruire, progettarla meglio, rivedere anche il modo in cui si pianifica l'esistente. Bisogna favorire una migliore distribuzione di ciò che occorre, in modo tale da avere tutti i servizi di cui si ha bisogno sotto casa, come si faceva una volta.
Mettendo insieme uffici, abitazioni e terziario, migliora la qualità urbana, si consuma meno energia per gli spostamenti, e si può riavere quella vivacità urbana che era tipica delle nostre città una volta.
- Quali sono gli edifici del futuro?
Sono edifici non tanto diversi da quelli di oggi. Cambiano le regole del buon costruire, che saranno quelle di una volta: ad esempio si dovranno orientare in modo intelligente gli edifici per sfruttare tutta l'energia solare disponibile. Insomma, somiglieranno più agli edifici di prima che a quelli degli ultimi 100 anni.