.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 40 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Domenica, 10 Giugno, 2007 - 13:20

Metroweb e il Sindaco Moratti

Metroweb e il Sindaco Moratti, tra parole e fatti

http://www.davidecorritore.it/archives/2007/06/metroweb_e_il_sindaco_moratti.shtml

L’affaire Metroweb, la generosa cessione della società milanese di fibre ottiche effettuata da AEM a favore di una società domiciliata nei paradisi fiscali, porta con sé – oltre alla curiosità sull’identità anonima di chi beneficerà delle prevedibili plusvalenze milionarie realizzate nell’isola off-shore di Jersey – il ricordo delle dichiarazioni del Sindaco Moratti. Difficile dimenticare le parole solennemente pronunciate in consiglio comunale per giustificare la vendita: “Gli investimenti in fibra ottica non sono più strategici nel settore delle telecomunicazioni”
Parole che fecero trasalire gli esperti, e in questi giorni clamorosamente sconfessate alla prima operazione annunciata da Metroweb dopo l’uscita dall’orbita pubblica: Telecom investirà a Milano 50 milioni di Euro per portare banda larga in 70.000 edifici affittando la rete in fibra di Metroweb. Non può sfuggire la sproporzione: 50 milioni di investimenti di Telecom sulla fibra ottica quando sei mesi fa l’intera proprietà di Metroweb fu ceduta da AEM a 34 milioni di Euro (!!!). Per di più senza che Telecom – che aveva già annunciato miliardi di investimenti sulla fibra - venisse contattata per sondare un suo interesse all’acquisto della società. E a proposito delle modalità competitive di vendita, vengono alla mente altre parole pronunciate in aula dal Sindaco Moratti: “Le offerte per l’acquisto di Metroweb sono state 19”, una quantificazione smentita da un dossier riservato pubblicato successivamente da Il Sole-24 Ore. E ancora, altre parole pronunciate in aula del Sindaco a giustificazione della vendita: “E’ stato negoziato un contratto decennale di uso gratuito della banda a favore del Comune”. Successivamente emerse che il contratto non esisteva ancora, e i suoi contenuti non erano stati inseriti nei patti parasociali firmati da AEM con gli acquirenti. Dunque, l’affaire Metroweb è stato accompagnato da una successione di parole di Letizia Moratti non confermate dai fatti. Difficile capire, considerati i possibili rischi, perché il Sindaco abbia esposto la propria reputazione su una vicenda nata intricata.