.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 32 ospiti collegati

.: Eventi

« Maggio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Giovedì, 15 Marzo, 2007 - 01:10

Car Sharing

"La vera ricchezza sta nell'uso e non nella proprietà"  - [Aristotele]
Otto città, 4300 utenti, 312.000 chilometri percorsi ogni mese. Il Car Sharing cresce in Italia. Il servizio consente agli abbonati di condividere una flotta di automobili disponibili 24 ore su 24 ore e rappresenta una valida alternativa al veicolo privato. In Italia le auto di car sharing hanno accesso alla ZTL, possono circolare durante i blocchi del traffico, possono utilizzare le corsie preferenziali e sostare gratuitamente nei parcheggi a pagamento.

http://www.ecotrasporti.it/

Manca una informazione importante: chi le usa? Se venissero usate da chi viene a Milano e, invece della solita auto a nolo, utilizza il car sharing tutto questo can-can non è servito a nulla. Se invcece viene utilizzato da chi non ha un'auto di proprietà e risiede a Milano allora è diverso. Mancando questi dati, i numeri non hanno senso.

Commento di Paolo Ramella inserito Gio, 15/03/2007 11:21

Caro Paolo,
il problema che hai sollevato è di rilevante importanza, ma credo che la pratica del car sharing, anche se non diminuisce in termini quantitativi il numero delle auto, almeno nella prima fase della sua applicazione, perlomeno diminuisce il tempo di utilizzo mirato, ripeto mirato, dell'autovettura. Ossia, per dirla concretamente, una persona utilizza l'auto che preleva dai parcheggi in cui è attivata questa tipologia di convenzione, per spostarsi in un determinato posto, per andare verso a una determinata meta, per fare una determinata commissione nei tempi e nei modi già predefiniti. Se l'utilizzo diventa solo individuale e privato, tramite macchina di proprietà, la persona che ne usufruisce si sposterebbe in più parti, dato che non esisterebbe alcun vincolo in termini di tempo e di orario, non essendoci nessun dispendio e nessuna tariffa e, inoltre, non essendoci nessuna regola di utilizzo prestabilità. Pertanto il car sharing determinerebbe comunque un certo beneficio all'utilizzo dell'automobile, in quanto diminuirebbe la presenza di automobili, magari utilizzate singolarmente, ecco che, in questa circostanza, sarei propenso ad attivare anche l'altra pratica, già pesente a Londra e a Barcellona, ossia il "car pooling", ossia l'utilizzo del mezzo in senso collettivo, nell'ambito urbano e viabilistico.

Non è la pancea di ogni male inerente al traffico, alla soluzione del suo congestionamento, all'inquinamento aereo e acustico che ne derivano, ma è un primo passo sostanziale e importante verso un graduale miglioramento del problema del congestionamento, da cui derivano le emissioni di polveri sottili e di PM10.

Un caro saluto
Alessandro Rizzo

Commento di Alessandro Rizzo inserito Gio, 15/03/2007 16:09