.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati

.: Eventi

« Novembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 24 Gennaio, 2007 - 23:49

UNA RIFORMA PER LA PERIFERIA

International Workshop Ferrara, 6 Marzo 2007 http://www.edilbase.com/argomento_news.php?id=1541
Ad un anno dal lancio della Campagna Europea dedicata alla Rinascita della Periferia nata sull'onda delle rivolte nelle periferie francesi di Evry, Aulny -sous-Bois, Ivry, la Corneuve nell'inverno del 2005, politici, amministratori pubblici e privati, imprenditori, tecnici e cittadini si incontrano nuovamente nel secondo Workshop dedicato alle più recenti tecniche di recupero urbano delle periferie europee e statunitensi.
La crescita accelerata di Ipermercati e Mega-centri commerciali al di fuori delle aree urbane, fenomeno che si è diffuso dagli Stati Uniti al resto del mondo, sta causando danni notevoli al sistema economico, ambientale e sociale della maggior parte delle città, impoverendo i centri storici e allargando a macchia d'olio l'estensione delle periferie sub-urbane.
Il livello di crisi del sistema del traffico e i valori d'inquinamento ambientale in aumento con cui le nostre amministrazioni si devono confrontare, sono le manifestazioni più evidenti di una profonda patologia che determina, come ultimo risultato, il crescente senso d'insicurezza nelle strade sempre più desertificate a causa della sparizione del commercio diffuso.
L'esperienza americana e il fallimento dei "Petrol-Slums" - i sobborghi periferici che dipendono per la loro sopravvivenza dal petrolio - ci dimostrano come siamo entrati in una nuova fase di sviluppo, in cui molti grandi centri commerciali periferici, complessi di stecconi, grattacieli e villettopoli vengono demoliti e trasformati in quartieri urbani integrati.
Galina Tahchieva, direttore dello studio Duany & Plater-Zyberk (DPZ), esporrà numerosi esempi di interventi strategici di Sub-urban Retrofit (trtasformazione di aree periferiche orientate all'uso dell'automobile in comunità basate sul principio del quartiere tradizionale). DPZ è autore di più di 250 progetti di nuove città e villaggi negli Stati Uniti, Canada, Germania, Spagna, Belgio, Turchia, Messico, Brasile, Argentina, Filippine, Cina. Co-fondatore del Congress for the New Urbanism (CNU), lo studio è consulente urbanistico della senatrice Hillary Rodham Clinton, vincitore di
numerosissimi concorsi e premi internazionali tra cui 2 National AIA Awards e 2 Governor's Urban Design Awards for Excellence, nonché attualmente coordinatore di oltre 100 architetti e urbanisti nel progetto di ricostruzione delle coste del Golfo del Messico dopo l'uragano Katrina su incarico del Governatore.
Charles Bohl, direttore del Knight Program in Community Building presso l' University of Miami e membro della Task Forces del CNU, mostrerà il percorso progettuale che porta alla realizzazione delle operazioni di Mall-Retrofit (Ri-urbanizzazione della aree periferiche dei Centri Commerciali) attraverso un approccio interdisciplinare, indispensabile per la risoluzione dei molteplici problemi di natura tecnica, economica, ambientale, sociale e burocratica che le amministrazioni si trovano a dover affrontare per il recupero di queste aree sub-urbane. Mizner Park in Florida, Mashpee Commons nel Maryland, The Crossing, Eastgate nel Tennessee, Redmonton in California, sono
solo alcuni degli esempi che verranno esaminati.
Sviluppatosi negli ultimi 15 anni, il New Urbanism presenta una piattaforma operativa per una riforma radicale delle periferie sub-urbane. Riconoscendo il fallimento del sistema sub-urbano caratterizzato dalla triade villettopoli-centro commerciale-autostrade, la principale fonte d'inquinamento e di spreco di risorse, il New Urbanism propone il recupero delle aree degradate periferiche e lo sviluppo di un sistema metropolitano basato su una federazione organica di città, quartieri, distretti, borghi e villaggi in equilibrio con l'ambiente naturale.
Oltre ad avere al suo attivo il recupero di centinaia di quartieri sub-urbani e la fondazione di nuovi insediamenti, il New Urbanism è oggi diventato il riferimento normativo per la progettazione e il finanziamento d'interventi di edilizia economico-popolare negli Stati Uniti attraverso il programma Hope.
I principi del New Urbanism sono già condivisi e applicati nella realizzazione di numerosi interventi di ri-vitalizzazione delle periferie europee, attraverso la costruzione di nuovi centri urbani, nuovi quartieri, nuove città: a Plessis-Robinson in Francia, come spiegherà Maurice Culot, Presidente della Fondation pour l'Architecture di Bruxelles e Direttore del Dipartimento Archives Histoire all'Institut Français d'Architecture, nonché attuale consulente del ministro per le Aree Urbane Jean Louis Borloo, sono stati costruiti un nuovo centro urbano con piazze e servizi di qualità accanto ad edifici economico
popolari; Brandevoort nei Paesi Bassi è una nuova città sorta nel rispetto della tradizione fiamminga fedele ai principi della Carta del New Urbanism; in Germania sono state recentemente demolite alcune brutali torri e sostituite da edifici tradizionali;
in Spagna come nel Regno Unito o in Belgio come nella Penisola Balcanica nuovi villaggi vengono realizzati in linea con quanto indicato dal New Urbanism. L'architettura del New Urbanism rispetta le tradizioni e le tipologie locali, offrendo alla comunità un'alternativa sostenibile per la vita quotidiana. I numerosi esempi realizzati che verranno esposti e i milioni di metri cubi costruiti, sono la dimostrazione che questa scelta è una realtà concreta anche nel mondo della Governance e dello
Sviluppo Territoriale europeo.
Il Workshop Internazionale ha lo scopo di fornire a politici, amministratori pubblici e privati, imprenditori, tecnici e cittadini una serie di casi di studio relativi a interventi di successo in città europee e statunitensi basati sul nuovo modello di sviluppo di comunità compatte ed efficienti: il quartiere urbano integrato.
Si affronteranno numerosi casi di studio a differenti scale:
- il completamento urbano di aree periferiche e la loro trasformazione in quartieri integrati
- l'ampliamento di una città media
- la realizzazione di nuovi centri urbani in comuni periferici all'interno di un'area metropolitana
- la fondazione di una nuova città

Ing. ALESSANDRO BUCCI, PhD
University of Ferrara
ENDIF - Engineering Department in Ferrara
CIVICARCH - Laboratory of Architectural Design and Building Technology
Office 28, ground floor
Via Saragat 1 - 44100 Ferrara

Phone 0532-1912089
Mobile 349-1278580
Fax 0532-974870

e-mail CIVICARCH: civicarch@unife.it
personal e-mail: alessandro.bucci@unife.it
http://www.avoe.org/civicarch.html
www.avoe.org/civicarch.html