.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 25 ospiti collegati

.: Eventi

« Aprile 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Antonella Fachin
Venerdì, 8 Ottobre, 2010 - 20:02

LETIZIA MORATTI, VIOLATRICE SERIALE DELLE REGOLE SU INCARICHI E CONSULENZE

Per opportuna informazione.
Cordiali saluti a tutti/e
Antonella Fachin

-------------------------------------------
DICHIARAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE BASILIO RIZZO

LETIZIA MORATTI, VIOLATRICE SERIALE DELLE REGOLE SU INCARICHI E CONSULENZE

Ho  appreso  da un lancio dell’agenzia Radiocor che Letizia Moratti è stata condannata  dalla  Corte  dei Conti del Lazio in appello per una consulenza affidata a Ernst&Young nel 2001 quando era Ministro dell’Istruzione.
Non volevo crederci, ma una verifica sul sito della Corte dei Conti, a meno di improbabile omonimie, lo conferma.
Quando  dunque  la  Corte  dei  Conti  Lombarda  la indagò per i cosiddetti incarichi  d’oro  –noi non sapevamo (ma Lei si)- eravamo in presenza di una “recidiva”.
Al di là dell’entità monetaria della condanna (ovviamente spiccioli per chi può spendere milioni di euro per una campagna elettorale) è determinante il giudizio inequivocabile sulle violazioni delle regole.
Per  i  milanesi  non è certo gradevole sapere che il proprio sindaco ha il “vizietto”  di  affidare incarichi e consulenze al di fuori della legalità, soprattutto   in  vista  del  futuro  ruolo  di  commissario  straordinario all’Expo.
E’  tuttavia  possibile  che  non  tutti soffriranno per questa notizia: si immagini  il  pensiero  dei “signori dei grandi eventi”. Visti i precedenti (L’Aquila,  G8, etc.) quale migliore nuova che sapere che sull’Expo regnerà un  commissario  ben  predisposto ad assegnare incarichi e consulenze senza troppe fisime di rispettare regole, procedure, legalità.
Si saranno congratulati a vicenda: “anche stavolta un’ottima scelta….”.

Milano, 8 ottobre 2010