.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati

.: Eventi

« Settembre 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Angelo Valdameri
Sabato, 6 Ottobre, 2007 - 08:25

Expò 2015:democrazia e consenso sociale

Il sindaco Moratti ha deluso un pò tutti quando in Consiglio Comunale ha fatto la relazione sull'Expò 2015. Non sono state fatte vedere le carte, ci sono solo delle belle cifre - n°visitatori, impegno di spesa,nuovi posti di lavoro (precari?) ecc. ma non si parla se non molto astrattamente delle ricadute sulla città.Sia maggioranza che opposizione hanno lamentato la scarsa trasparenza, il non aver informato il Consiglio Comunale, ma soprattutto il mancato coinvolgimento anche in questa prima fase della città. L'unico invito che è venuto dal Sindaco è stato quello di fare "corpo unico" a sostenere la candidatura. Si parla già di oltre 90 milioni di spesa solo per promozione e comunicazione. Il rischio è si finisca come Siviglia o Atene che dopo l'Expò hanno visto i padiglioni abbandonati senza alcun progetto di utilizzo e con tanti soldi della comunità buttati. L'altro rischio reale è che vengano espropriate e rese edificabili le aree del Parco agricolo Sud -con la scusa dell'Expò e come x i Mondiali '90- per facilitare i soliti amici costruttori.Non è un bel metodo soprattutto per chi ha impostato la sua campagna elettorale sull'ascolto e la partecipazione: peccato che il giorno dopo essere stata eletta si sia dimenticata di percorrere questa strada. Il coinvolgimento popolare è lo spirito della democrazia e quando la gente è chiamata solo a far da spettatore si rompe un equilibrio che non può portare altro che alla protesta, alla nascita di comitati che rivendicano scelte diverse, con la gente, per la gente.

A.Valdameri, consigliere di zona 6 Lista Fo