.: Eventi

« Gennaio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

.: Categorie

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Donatella Elvira Camatta
Domenica, 2 Settembre, 2007 - 13:39

Trasporti pubblici:No,agli adeguamenti tariffari automatici

    Dal 1 settembre 2007 sono previsti aumenti sul trasporto extraurbano che riguarderà tram, bus e metropolitane.
L'aggravio di spesa interesserà quindi cittadini abitanti fuori Milano, già notoriamente  penalizzati da un servizio non all'altezza delle esigenze per vari motivi, anche storici.
In questa occasione si è assistito ad un ennesimo rimpallo di responsabilità tra diversi enti locali in merito ad una scelta certamente impolare.
Noi non intendiamo attribuire particolari responsabilità a chicchesia. Ci limitiamo ad esprimere la nostra critica per scelte che non derivano, a stesso dire dagli enti interessati, da precisi ragionamenti tecnico  organizzativi, ma dalla semplice applicazione di meccanismi di adeguamento dei prezzi.
Il legislatore deve avere delle idee chiare sull'opportunità di mantenere o modificare o eliminare del tutto questi meccanismi di adeguamento tariffari, che altrimenti vivono di una incomprensibile, agli occhi dei cittadini, vita propria con nessun riferimento al miglioramento del servizio trasporti.
Non riteniamo all'altezza dei compiti di una qualsiasi amministrazione alzare le mani in segno di impotenza nei confronti di problemi la cui gestione è senza dubbio, alcuno, nei loro poteri e doveri.  
In secondo luogo vogliamo far notare, che questi aumenti tariffari, contribuiscono a creare un sistema di trasporto pubblico ancora più complesso e di difficile fruizione contro tutte le buone dichiarazione di principio, miranti ad avvicinare sempre più i cittadini all'utilizzo del mezzo pubblico. Quindi anzichè aumentare gli oneri per coloro che vengono da fuori città riteniamo che una risposta adeguata ai ben noti problemi legati al traffico sia l'introduzione della tariffa unica in tutta l'area metropolitana e una gestione coordinata di tutti gli enti preposti all'organizzazione del servizio trasporti.
Ribadiamo che i problemi del trasporto non possono essere adeguamente risolti se non anche con il contributo di coloro che li vivono in prima persona, da ciò rinnoviamo la nostra richiesta come Comitato Trasporti Puntuali e Civili di poter interloquire con tutti gli Enti locali, riproponendo un lavoro di indagine e denucia realizzato da noi quest'anno, sottoforma di LIBRO BIANCO, sulla base delle segnalazioni di centinaia di cittadini e consegnato a tutte le istituzioni : Comune, Provincia e Regione.    

Anna Celadin
Presidente Dialoghi Necessari