.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 27 ospiti collegati

.: Eventi

« Febbraio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Fabrizio Casavola
Sei nella categoria Ambiente e lavoro - Torna indietro »
Sabato, 6 Maggio, 2006 - 20:11

Grazie Giulio

Nei forum, resiste una vecchia discussione per il voto agli immigrati.
L'ultimo intervento è di un candidato al Consiglio di Zona 3, Giulio di Giulio. Per curiosità, sono andato a leggere il suo profilo, e ho trovato una cosa che mi ha colpito: ... La vocazione culturale di Parigi, la lotta all'inquinamento di Londra, il clima di comunità di Madrid, è mio obiettivo cercare di portarli, per quanto sarà nelle mie possibilità, anche nella grigia Milano.
Ecco, se leggete il motivo per cui mi candido nella zona 2, potrete forse pensare che la cosa è possibile, o viceversa che siamo dei pazzi.
Ma provate a immaginare, di non essere nella grigia Milano, ma nell'altrettanto disumana Marsiglia: hanno preso la palude più schifosa che avevano, l'hanno data ai Kalé (i Gitani) e ora è un patrimonio ambientale visitato da tutto il mondo.
L'integrazione è possibile, se i benefici sono condivisi! C'è qualcuno disposto a scommettere su questa pazzia?

Sabato, 22 Aprile, 2006 - 10:55

la cooperativa Laci Buti 2

Laci Buti in lingu romaneés significa buon lavoro.
Nasce agli inizi del 1990 nel campo sosta di via Idro 62 a Milano, PERCHE' SE LE OCCASIONI NON CI SONO, BISOGNA CREARSELE.
Nel 1999 si trasforma in "Laci Buti due", sempre in una prospettiva di emancipazione, autonomia e corretta integrazione sociale della popolazione rom residente al campo. L’impegno dei soci della cooperativa è finalizzato alla ricerca di risposte reali al bisogno di lavoro.
Questo impegno si è tradotto, inizialmente, in un percorso di analisi e confronto tra i soci del "lavoro" come "bisogno"; si è rinforzata una maggiore consapevolezza nei soci del bene "lavoro" quale strumento di crescita e sviluppo della propria famiglia e della comunità, di integrazione con la cultura non Rom, di prefigurazione del proprio futuro non più vincolato al ricorso ad espedienti, questua, od anche ad attività illegali.
Si è così costituito un processo che ha generato fiducia nella possibilità di individuare ambiti e attività lavorative con reali prospettive di sviluppo e valorizzanti della specificità culturale.
L’area lavorativa individuata è rivolta alla manutenzione di aree verdi e alla coltivazione florovivaistica, la scelta è stata favorita dal possesso di competenze professionali pregresse e dalle caratteristiche dell’attività professionale particolarmente adatte quali una attività all’aria aperta e a contatto con l’ambiente naturale.
Al fine di implementare le competenze professionali esistenti un gruppo numerosi di soci della cooperativa ha partecipato nel 1999 al corso del Fondo Sociale Europeo promosso dal Settore Servizi Sociali del Comune di Milano Ufficio Nomadi e gestito dal Centro di Formazione Professionale Enaip per "Manutentori di aree verdi".
Nello stesso anno il Settore parchi e Giardini ha stipulato con la cooperativa un contratto di fornitura di piante, fiori e arbusti a seguito di iniziativa promossa dal Comune di Milano al fine di sostenere, mediante l’affidamento di contratti per la fornitura nel campo del verde, realtà operanti per il recupero di persone svantaggiate; la nostra cooperativa è stata individuata a seguito dell’utilizzo dei dati forniti e delle verifiche effettuate dal Settore Servizi Sociali Formazione Lavoro, Area Handicap e Area Giovani e Adulti.
L’opportunità accordata alla cooperativa ha sostenuto la motivazione all’impegno dei soci Rom ed all’investimento nell’acquisto di una serra di 270 mq, delle esigue risorse economiche pur di concretizzare delle reali e stabili possibilità occupazionali, inoltre ha prodotto un forte incentivo verso corrette forme di integrazione sociale favorendo la costruzione di relazioni significative con parti attive e sane della società, contrastando il fenomeno della coesione con realtà marginali e a rischio di devianza. Il positivo e graduale incremento delle attività di lavoro ha sostenuto la possibilità di dotarsi di mezzi e strumenti per elevare efficienza e professionalità nell’espletamento dei lavori assunti.

Tutto ciò ha portato la Cooperativa a sviluppare ulteriormente i propri contatti, nel 2001 è entrata a far parte del "Consorzio Cascina Sofia" un insieme di Cooperative sociali impegnate nel settore del verde. Nello stesso anno la Zona 2 ha concesso un piccolo finanziamento per acquistare alcuni macchinari; nel 2002 dopo il primo contratto stipulato con il Comune di Milano si è deciso di acquistare due camion e ulteriori macchinari.

Attualmente queste sono i principali servizi che offre la Cooperativa:

    Manutenzione delle aree verdi (taglio dell’erba e delle siepi)
    Potatura piante alto fusto
    Pulizia di aree urbane
    Sgombero cantine e magazzini
    Creazione recinzioni
Attualmente la Cooperativa vanta due responsabili, tre capo squadra e 12 soci lavoratori, inoltre in caso di neccessità si collabora con le Cooperative iscritte al Consorzio Cascina Sofia, il presidente e il vice presidente sono naturalmente di etnia Rom.
Ciò nonostante è ancora necessario il sostegno di questa Amministrazione per il consolidamento delle prospettive lavorative e l’ampliamento dei lavori anche nel settore privato, dove per ora la "diffidenza" nei confronti dei Rom è ancora molto forte e radicata.

Cod. Fisc. / Part.IVA 13244160159 CCIAA n. 1341326

Giovedì, 20 Aprile, 2006 - 21:03

Milano senza Zingari?

Articolo completo

Allegato Descrizione
ambiente_lavoro.doc
1.17 MB
RSS feed