.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 75 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Fabrizio Casavola
Venerdì, 12 Maggio, 2006 - 09:20

Mi scrive un'amica

Ricevo da Rossana Porretti:

Milano 6 maggio 2006

Ciao, mi permetto di scriverti perché so che  prenderai il tempo per leggere queste poche righe.

Come sai, io sono in Italia da molti anni e a mio modo credo di dare un  contributo alla vita economica, sociale e culturale della società italiana.

Sono da molto tempo  residente a Milano ma non ho ancora  il diritto di  votare alle elezioni amministrative di questa città.

Ti sembra giusto?

Il diritto di voto alle elezioni amministrative per gli straniere residenti da almeno sei anni nelle città italiane è una battaglia che ritengo giusta e vorrei chiederti di condividerla.

Se noi siamo regolarmente residenti, contribuiamo alla composizione del PIL e al finanziamento dell‘INPS, paghiamo le tasse e magari anche l’ICI, seguiamo con passione le vicende politiche italiane, partecipiamo alla vita dei quartieri, rispettiamo le leggi di questo paese e in molti casi diamo un apporto alla vita culturale e sociale, non è anche giusto che si possa esprimere un’opinione su chi ci amministra e che si possa scegliere democraticamente con il voto sindaco e consiglieri?

In attesa di ottenere questo diritto qualcosa possiamo comunque fare ed io in proposito ti chiedo e ti propongo di votare al posto mio, alle elezioni amministrative a Milano il prossimo 28 e 29 maggio scegliendo come farei io.

Col cuore e con la testa non  potrei non votare a sinistra.

Voterei quindi per Bruno FERRANTE Sindaco e come Consigliere comunale  ho scelto una donna che conosco personalmente e di cui ho enorme stima.

Ainom MARICOS, assistente sociale, imprenditrice responsabile della Cooperativa il Tropico,  nata in Eritrea, è stata Consigliera comunale di opposizione alla prima gestione Albertini.

Prima, durante e dopo questa sua esperienza, Maricos è sempre stata in prima linea sui temi che mi sono cari (la mediazione nei conflitti sociali, la costruzione di una società interetnica basata sul rispetto per le diversità, la difesa dei diritti dei più deboli, la solidarietà internazionale, la pace e l’opposizione alla guerra), ma  anche  sui problemi della città e dei quartieri, sempre disponibile a farsi carico delle battaglie individuali e collettive, dimostrando sempre grande eticità e onestà, sensibilità e passione.

Ti chiedo quindi di raddoppiare il valore dei tuo voto: se vorrai scrivere MARICOS sotto la lista dell’Ulivo non solo sceglierai automaticamente il candidato Ferrante, ma voterai anche per conto mio.

Grazie davvero

Aziz Mbengue

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 10:41

La mangiatoia (II)

Come proposta abitativa, la comunità di via Idro propone al comune di Milano di passare alle microaree. Non solo sono soluzioni già esistenti in Italia, ma comportano anche un notevole risparmio sui costi di approntamento e di gestione. Recentemente, avevo scritto su come spariscono i soldi DI TUTTI, per la gestione di una specie di moderno lager. Quanto segue riguarda il campo di Barzaghi/Triboniano, non a caso è quello nelle condizioni più spaventose, ma anche quello che ha visto più soldi buttati dalla finestra

21 marzo - Ci sono lavori in corso, ne parlava un recente comunicato di Aven Amentza: ... si è cominciato dai Rom bosniaci, una famiglia allargata di 50 persone. Essi hanno assistito, dal fango del prato, in cui hanno trascorso questi mesi di pioggia e gelo, alle varie fasi dei lavori e, con grande sconcerto, a quella che ha portato all’installazione dei containers...
L'incendio dell'8 marzo scorso ha provocato nel settore dei Rom rumeni un gran rimescolamento, se il campo era prima un labirinto inestricabile, ora la situazione è persino peggiorata: come ricordava una recente denuncia: "Non corrisponde al vero anzi, è una palese e sfacciata menzogna, che vi fosse la possibilità di accogliere quanti si fossero rivolti per chiedere un riparo. [...] Solo 7 o 8 persone, compresi alcuni bambini, hanno potuto occupare un letto in camerata." Nel settore dei Khorakhané (Bosniaci) quanto scritto a febbraio è praticamente uguale. Davanti a un camper, fa bella mostra uno scaramantico estintore.
Sono gli stessi Rom, con i volontari di Aven Amenza, che mi accompagnano nel cantiere dove si sta costruendo il loro nuovo campo. Subito prima dell'ingresso, due segnali forti e di segno opposto:
- tre famiglie si sono accampate accanto al muro di cinta esterno. Le loro roulottes sono bruciate nell'incendio dell'otto marzo e da allora vivono in tenda. Avevano perso tutto e un negoziante lì vicino ha dato loro tre tende nuove, per 18 euro. Non so se questo negoziante posso chiamarlo benefattore, o soltanto una persona onesta.
- questo cartello fa bella mostra di sé:
Comune di Milano - Lavori di messa in sicurezza e adeguamento igienico sanitario campo nomadi - 2° intervento - campo nomadi di via Triboniano
Importo progetto Euro 1.000.000,00
Importo base d'asta Euro 749.662,51
Oneri per la sicurezza Euro 42.237,83
Importo del contratto Euro 611.349,78
Inizio lavori 29/08/05
Fine lavori 28/08/06
Sospensione lavori dal 30 /08/05 al 14/09/06
Gara in data 15/04/05 Euro 611.349,78. Gara al ribasso del 18,45%

Preciso di non avere competenze in materia, ma che mi sfugge la logica di come sono stati spesi un miliardo e due del vecchio cono.
I 50 Khorakhané sono accampati da questo inverno in una spianata, attrezzata di 6 bagni chimici (tutti funzionanti per fortuna). Al cantiere lavorano 5 operai. Il nuovo campo è un rettangolo di circa 20/25 metri per lato, con una gettata di cemento e una rotonda. Al centro è stata ricavata una strada vagamente circolare, con in mezzo una fontanella comune. Nella rotonda forse potrebbe manovrare un Ape piaggio, non di più.
Il resto dello spazio è occupato dal blocco dei bagni e da 6 container, staccati di un paio di metri (e anche meno) l'uno dall'altro. Se per caso dovesse scoppiare un incendio, diventerebbero una trappola micidiale.
PIANTINA
I 6 container. ...mentre la gru li sollevava per collocarli sul terreno, hanno potuto constatare che essi erano ampiamente danneggiati nella parte sottostante. Alcuni lo sono anche nell’interno e nel soffitto. Insomma, ci piove. Uno dovrà essere sostituito, perché i suoi allacciamenti non corrispondono a quelli che l’impresa ha realizzato nel terreno. (op. cit.).
Controllo le targhette su ogni container: provenienza Commissariato del Friuli, costruiti nel 1992, ultima revisione nel 1993.
OK, ho fatto una rapida ricerca. Container simili, ma nuovi li vendono proprio in via Triboniano (hanno persino un sito web, cercatelo con google) i costi variano tra 1.400 e 5.800 euro l'uno a seconda del modello. Rimane da capire dove siano spariti gli altri soldi da quest'estate: tra bagni chimici, una passata di ruspa e una gettata di cemento.

27 marzo - Il "TRASLOCO" prosegue in maniera tranquilla. La polizia era già ai margini del campo ieri sera. Stamattina sono arrivati gli incaricati del comune. Chi era senza permesso di soggiorno aveva già levato le tende da qualche giorno.
Uno spazio sterrato (grossomodo, netà campo di calcio) assolutamente spoglio di servizi e strutture, viene man mano riempito con le roulottes di tutti i residenti, anche chi è arrivato da meno di 4 anni. La polizia comunale sta mediando con le famiglie, i problemi più grossi al momento sono il trasporto delle roulotte + vecchie (alcune sono senza ruote, altre senza gancio, altre ancora rischiano di disfarsi per strada) e la sistemazione dei nuclei familiari, per evitare che sorgano conflitti tra loro.
La Protezione Civile vorrebbe terminare il lavoro entro stasera, ma non credo che si a possibile.
Inoltre, l'area sterrata non è in grado di accogliere tutte le roulottes e penso che dovrà essere predisposto uno spazio ulteriore.

4 aprile - L'area del trasloco è praticamente una spianata non asfaltata ottenuta con materiale di recupero per far filtrare l'acqua piovana. Il giorno stesso del trasloco sono arrivati 12 bagni chimici. Come previsto già nella prima mattinata di settimana scorsa, l'area predisposta non poteva accogliere tutti i residenti. Facendo una stima approssimativa, attualmente "ospita" circa 150/200 persone; circa altre 200/250 (quelli che risultano residenti, ma da meno di 4 anni) sono accampate in un prato ricavato all'ultimo momento.
Facile prevedere che il prato finirà allagato alle prime piogge. In compenso la prima area attrezzata è fornita di un solo punto di prelievo idrico (l'acqua viene prelevata da un tubo), i tecnici comunali stanno valutando se vale la pena prevedere un altro sistema sempre di tubi di plastica, per avere qualche punto di prelievo in più. Mancano totalmente le bocchette anti-incendio, davanti ad alcune roulottes ci sono degli estintori, parte dei quali sono quelli distribuiti dal Comune anni fa. In ogni caso, su tutta l'area non ci sono allacciamenti alla corrente elettrica e non sono previsti per tutta la durata dei lavori.
Nessuna variazione riguarda la situazione igienica: 3 cassoni per la raccolta dei rifiuti, che sono svuotati in maniera irregolare.
Si suppone che il gruppo dei Rom rumeni rimarrà in questa situazione per circa 6 mesi, quindi i lavori di sistemazione dovrebbero terminare entro la data prevista (14/09/06). La spesa rientrerà nei 611.349,78 euro stanziati. Tuttora, il Comune non ha fornito planimetrie o relazioni su come sarà l'area al termine dei lavori. Si sa solo che verrà attrezzata con container, come nel settore adiacente dei Rom Khorakhané, quindi si presume con pezzi vecchi di una quindicina d'anni. Ultima annotazione per chi sinora era in roulotte o ha perso le sue proprietà nell'incendio dell'8 marzo scorso: i container vengono forniti vuoti e ogni assegnatario dovrà provvedere al mobilio.

Martedì, 9 Maggio, 2006 - 10:28

Coesione sociale ed immigrazione in ZONA 2

Immigrazione, sicurezza, accesso alla scuola, al lavoro, alla sanità, diritti di tutti,

sono i temi che da anni caratterizzano le campagne elettorali e il dibattito politico, tanto a livello nazionale che locale.

Il gruppo di lavoro dell'Ulivo sull'immigrazione, che si è costituito in zona 2, vuole affrontare questi argomenti in chiave propositiva e col contributo dei diretti interessati e delle loro associazioni, come pure del volontariato che quotidianamente affronta questi temi.

Per questo, il

Programma
dell’immigrazione e delle politiche di coesione sociale Dell’Ulivo

verrà presentato pubblicamente


giovedì 18 maggio alle ore
17.00, presso


Teatrino del parco Trotter


Via Giacosa 46 – via Padova

Dopo una presentazione generale delle dinamiche migratorie, abbiamo anche tentato di raccogliere alcuni dati sulla presenza di migranti nei nostri quartieri. Segue la parte politica del documento, che individua i punti caldi da affrontare senza indugio e gli strumenti da adoperare.

E' gradita la presenza, il contributo e i commenti di quanti si occupano fattivamente di immigrazione e coesione sociale nella zona.

Potete scaricare QUI un riassunto delle proposte (in formato .pdf). Prima del dibattito, verrà consegnato il programma integrale, che verrà messo online a seguito dell'iniziativa

Sabato, 6 Maggio, 2006 - 20:11

Grazie Giulio

Nei forum, resiste una vecchia discussione per il voto agli immigrati.
L'ultimo intervento è di un candidato al Consiglio di Zona 3, Giulio di Giulio. Per curiosità, sono andato a leggere il suo profilo, e ho trovato una cosa che mi ha colpito: ... La vocazione culturale di Parigi, la lotta all'inquinamento di Londra, il clima di comunità di Madrid, è mio obiettivo cercare di portarli, per quanto sarà nelle mie possibilità, anche nella grigia Milano.
Ecco, se leggete il motivo per cui mi candido nella zona 2, potrete forse pensare che la cosa è possibile, o viceversa che siamo dei pazzi.
Ma provate a immaginare, di non essere nella grigia Milano, ma nell'altrettanto disumana Marsiglia: hanno preso la palude più schifosa che avevano, l'hanno data ai Kalé (i Gitani) e ora è un patrimonio ambientale visitato da tutto il mondo.
L'integrazione è possibile, se i benefici sono condivisi! C'è qualcuno disposto a scommettere su questa pazzia?

Venerdì, 5 Maggio, 2006 - 10:17

Gabrio Rosa e periferie

Nel forum permanente sulla Città è apparsa una discussione interessante (a mio giudizio) su questo fatto recente.
In precedenza alcuni candidati ne avevano scritto nei loro blog. Inviterei a proseguirla , per non disperdere l'argomento in tanti rivoli.

Giovedì, 4 Maggio, 2006 - 10:48

Gli immigrati e Milano

Lo scorso 9 aprile, avevo riportato la bozza di un documento Città per tutti, inizialmente proposto da Naga, Arci, Sincobas e successivamente emendato e rielaborato dalla miriade di associazioni di volontariato e dalle comunità di immigrati di Milano.

Al termine di questo percorso, il documento sarà presentato ufficialmente mercoledì 10 maggio alla Casa della Cultura al candidato sindaco Ferrante.Qui gli altri riferimenti (nota bene, causa un fraintendimento risulta ancora firmato dalla Comunità Rom di via Idro, che in realtà non è stata consultata, per cui l'adesione verrà tolta dal documento finale)

Ricevo ora un contributo di Maurizio Pagani, Vicepresidente Opera Nomadi Milano, che ha seguito l'evolversi della discussione durante l'ultimo mese, e quindi può fornire indicazioni utili:

Non so se Milano sia una città più di “destra? o di “sinistra? per censo o vocazione elettoralistica, ma di sicuro di questi tempi non è un fatto trascurabile. Sta di fatto che la più parte “di sinistra e progressista, meglio se un po’ smoderata o radicale? dell’associazionismo, quella a cui sono più affezionato, impegnata sul fronte dei diritti, casa, nuove povertà e migranti, sembra essere fin troppo prudente o razionale.
Di sicuro ha avuto un merito importante, quello cioè di invitare il candidato alla poltrona di Palazzo Marino, Bruno Ferrante, alla discussione di un documento dal titolo “una città per tutti?, con chiaro riferimento a chi ne è ordinariamente “escluso?.
Ma è stata presa da una grave amnesia: la “questione Rom?.
E non è un problema di poco conto, anche se tenuto generosamente “dentro? al documento ma sempre come tema “trasversale? ai contenuti più generali.
E come non parlarne altrimenti, vista l’enfasi che normalmente gliene viene attribuita sugli organi di stampa o nelle raccomandazioni della Comunità Europea che circolano abbondanti nella rete?
Non vorrei sembrare ingeneroso con chi ha sottoscritto il documento, non da me per i motivi che vi ho sopra citato, ma avrei trovato giusto e doveroso indicare questo tema tra le priorità che attendono chi dovrebbe guidare la città con un senso etico e programmatico profondamente diverso dai precedenti sindaci.

Avendo seguito anch'io parte del lavoro preparatorio, ed avendo aderito al documento finale (a titolo personale), fornisco una mia risposta (sempre personale e che in ogni caso non coinvolge il comitato promotore):

Capisco la tua preoccupazione, ma il documento che verrà presentato il giorno 10 è già un lungo elenco di legittime richieste, e si rischia di ottenere l'effetto "lista della spesa" aggiungendo voci ulteriori. Un lungo elenco, che sarebbe valido a Milano come a Palermo. Ma, quel che è peggio, il rischio è di ottenere dal candidato sindaco un assenso di facciata, senza che questo si tramuti in un impegno fattivo.
Ritengo quel documento importante per quanto riguarda il tema generale dei diritti, della cittadinanza, dell'uso degli spazi e delle risorse pubbliche da parte di tutti i cittadini, e che il ruolo importante delle organizzazioni dei Rom, è di appoggiare e spingere per quelle rivendicazioni, nell'interesse dei Rom stessi, nel loro doppio ruolo di persone emarginate dai processi politici e sociali e spesso di persone migranti.
Esiste, è innegabile, una specificità che distanzia le istanze della comunità Rom, autoctona o migrante, dalle richieste che possono portare gli altri nuclei. Per questo, già a novembre, avevo offerto la mia disponibilità a organizzare incontri con i candidati alle primarie cittadine. Purtroppo, tale disponibilità non ha trovato ascolto.
Occorre quindi ripartire dall'opportunità offerta da questo documento, prima che vada persa un'ulteriore occasione. Occorre anche, e io spero che le varie comunità presenti all'incontro si esprimano in questo senso, che si superi la logica "emergenziale" della questione Rom e stranieri, per illustrare il ruolo che già oggi le varie comunità e le loro associazioni hanno nella vita politica cittadina, nella gestione, nell'uso, nella valorizzazione degli spazi periferici, nel rilancio dell'occupazione e del
ruolo del decentramento.
Occorre infine, arrivare ad una sintesi tra le tante richieste, anche particolaristiche, e le richieste di spazi, di rappresentanza, di migliori possibilità economiche e sociali che arrivano da tanti cittadini, per non trovarsi tutti sconfitti ed isolati. Per farlo, ritengo che sia necessario uscire da una logica che vede la metropoli come un tutt'uno omogeneo, affrontando invece le specificità offerte dalle varie zone.

Martedì, 2 Maggio, 2006 - 13:46

Dedicato a chi ha voluto la bicicletta...

In via Idro stiamo "smazzandoci" la campagna elettorale milanese almeno da febbraio; tutto è iniziato con grande entusiasmo, ma il rischio è di arrivare al momento cruciale con le gambe molli e finire fregati in volata.

Come si ragionava un po'di tempo fa, ci sono due difficoltà:

* in periodo elettorale non si trova nessuno che ti dica di no, in compenso ogni incontro, ogni discussione, dev'essere pietita con telefonate interminabili, agende impossibili, poca voglia di impegnarsi;
* i partiti e le liste da una parte si uniscono, dall'altra hanno una paura folle che uno rubi i voti all'altro. Così ognuno viaggia per conto suo.

Non so se nel resto d'Italia è così, questo è il clima che si respira a Milano (nessuna sorpresa se qui il centro destra governa dal tardo medioevo!)

Le prospettive per il mese di maggio sono ancora individuare degli interlocutori affidabili al Comune e in Provincia, e nel contempo ottenere il favore delle tante forze che si riconoscono nello schieramento dell'Unione.

Per il momento, si è fatto un piccolo asso avanti: Dijana Pavlovic, candidata per il comune con un'altra lista, è disposta a spendersi sulle nostre richieste

Nella foto, tre facce, un unico programma

Sabato, 29 Aprile, 2006 - 23:53

Botte e ordinaria amministrazione

Premessa: un paio di giorni fa, ho ricevuto la mail seguente, che riporto come mi è arrivata:

Sequestrato e picchiato degli Carabinieri: Marin Costantin (Ventila) cittadino Rumeno (Rom) 56 anni residente lavoratore edile in Italia da 16 anni padre di cinque figli picchiato e sequestrato per 3 ore al reparto di Carabinieri di zona Bongola Milano

Nuova Multietnica 2001

a cui segue un rapido e concitato giro di telefonate, perché Ventila è rispettato e conosciuto da tutti nella comunità dei Rom rumeni di Milano, è socio attivo di diverse associazioni e partecipe a manifestazioni ed iniziative a Milano ed in Italia. Al momento, non ho divulgato la notizia, sia per ricostruire i fatti, che per capire se Ventila intende sporgere denuncia o informare i mezzi di comunicazione.

I fatti, dopo aver sentito un po' di persone, sono di una semplicità disarmante: Ventila ha portato la macchina (di sua proprietà, in regola con bollo e documenti) all'autolavaggio, ma per qualche disattenzione la macchina al posto di incamminarsi nel tunnel è scivolata indietro, ammaccandosi. Alle proteste di Ventila, il benzinaio ha telefonato ai carabinieri di Rho (non di Bonola), che l'hanno trattenuto qualche ora in centrale, tirandolo per la barba, scaricandogli un po' di botte nel costato e minacciandolo di rimpatrio.

Ora, col consenso del diretto interessato, è uscito un primo comunicato, firmato da Opera Nomadi Milano. Non escludo che a breve ne seguano altri:

Gent.le Direttore, 

in merito al grave episodio denunciato dal nostro socio e componente del Direttivo dell’Opera Nomadi di Milano, Sig. Constantin Marin, vogliamo innanzitutto esprimere pubblicamente al medesimo Constantin detto “Ventila?, il nostro incondizionato sostegno perché è persona stimata e conosciuta per la propria onestà e il proprio generoso impegno in campo sociale, profusi sempre nel rispetto delle persone e delle istituzioni di questa città.

Il fatto da lui denunciato, ovvero un presunto atto di abuso e intimidazione subito da parte di un ufficiale del Comando dei Carabinieri nel corso di una normale operazione di accertamento di responsabilità per un danno materiale di modesta entità, per altro subito passivamente dallo stesso Ventila, provoca la nostra indignazione e solleva dei seri interrogativi di carattere più generale circa la condizione dei cittadini socialmente più “deboli?di questa città.

L’episodio in sé và certamente circoscritto in un misero atto arrogante e offensivo della dignità personale da parte di un singolo tutore dell’ordine che, per altro, avrebbe potuto riguardare anche un qualsiasi altro nostro concittadino.

Tutto ciò ci riporta però alla constatazione di come molti Rom subiscano, in forme molteplici, delle sistematiche angherie, particolarmente odiose e inaccettabili se perpetrate da esponenti delle forze dell’ordine, rappresentanti dei pubblici poteri o da singoli cittadini, come i molti datori di lavoro che senza scrupolo alcuno e approfittando di una condizione di “oggettiva diversità o discriminazione? di fronte all’applicazione e al rispetto delle leggi, favoriscono il lavoro nero e lo sfruttamento attraverso il più bieco “caporalato?.

Non possiamo quindi non sollevare l’attenzione su un più generale stato di involuzione dei rapporti tra la comunità cittadina, gli apparati di controllo addetti all’ordine pubblico e le molte minoranze, tra cui quella dei Rom continua ad essere la più stigmatizzata, relegata com’è in una condizione di esclusione ed emarginazione che non ha precedenti.

Non solo quindi ci sentiamo allarmati dagli ultimi tragici episodi di cronaca cittadina, è di pochi giorni or sono la notizia della morte di una bambina di appena un mese di età in via Triboniano, ma ci facciamo portavoce di una indignazione morale e di una denuncia pubblica che troppo poco e faticosamente viene raccolta dalle istanze civili di questa città.

Non è un caso che tale argomento non trovi spazio, se non in termini prettamente scandalistici, nemmeno nella imminente competizione elettorale per il governo della città, che pure potrebbe essere una buona occasione per manifestare l’intenzione concreta di sviluppare un diverso approccio ai problemi che ogni giorno vengono sollevati dai nostri concittadini rom e dagli abitanti dei quartieri delle periferie.

A noi semplici cittadini dunque il compito di vigilare e intervenire con attenzione e puntualità nella condanna di quelli che sono piccoli o macroscopici episodi di intolleranza e discriminazione quotidiana, ma anche l’onere di saper indicare modalità e contenuti diversi che aiutino a costruire e migliorare la convivenza e la coesione sociale tra tutti i cittadini di Milano. 

Il Vicepresidente – Opera Nomadi Sezione di Milano

Venerdì, 28 Aprile, 2006 - 11:42

Stupire o ragionare?

Uno degli sport nazionali in Italia sono le campagne elettorali.
Durante questa specie di campionati interregionali, i giocatori delle varie squadre cercano argomenti per far presa sui loro elettori. Purtroppo x noi, un argomento che ha sempre molta presa sulla folla è la polemica contro gli zingari brutti, sporchi e ladri. Visto che l'Italia non è ancora il Kossovo (dove il problema zingari viene risolto bombardandoli), non potendo parlare in campagna elettorale di "soluzione finale o altre amenità", la polemica si sposta spesso sul rendere impossibili gli insediamenti nomadi nel territorio. Quindi, Rom e Sinti hanno il diritto di vivere, ma il + lontano possibile.

Questa polemica anti-zingara è manifesta in ogni periodo dell'anno, così le elezioni svolgono la funzione di cassa di risonanza per questo e per tutta una serie di malcontenti presenti nel corpo elettorale; ciò è dovuto anche al fatto che gli stessi mezzi di informazione danno scarsissimo risalto alle comunicazioni che arrivano dai Rom e dalle loro organizzazioni. Per ovviare a questa mancanza di comunicazione, bisogna quindi utilizzare le varie occasioni di incontri politici per "saltare fuori dai nostri buchi".

COSA FARE:
Occorre preparare un calendario delle iniziative pubbliche in programma nella propria città, quartiere, provincia (privilegiare quelle con rinfresco - dopo vediamo il perché). Preparare e coinvolgere una squadra di intervento nei campi sosta (dalle 5 alle 10 persone), se possibile anche con minori. Studiare gli interventi possibili e documentarsi - individuare chi può fare gli interventi (consiglio di restringere il campo a 3/4 persone massimo).

OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE:
Per la comunità Rom e Sinta:
- capire che la partecipazione alla vita sociale può essere utile e divertente
- familiarizzare con le regole civili e i componenti attivi della società

Per la società gagé:
- è molto facile essere offensivi e razzisti verso chi è assente. Viceversa, se tra il pubblico (che di solito può anche porre domande) ci sono Rom, e sappiamo che è facile identificarli, allora i toni si ammorbidiscono,talvolta l'oratore pur guardandoci come bestie da circo, alla fine aggiunge qualche parola di circostanza sulle tristi condizioni degli zingari. L'importante è che lo faccia in un'occasione pubblica.
- il razzismo è sempre la maschera di altri problemi. Dietro un campo sosta che i cittadini non vogliono, c'è quasi sempre l'ennesimo centro commerciale, un grattacielo, un parcheggio da costruire, quasi mai quell'area sarà a disposizione della cittadinanza... informatevi sugli interessi immobiliari!
- i candidati si fanno belli coi soldi stanziati dagli altri (e pagati dai cittadini). Possono dire che sono stati spesi miliardi per i Rom (che quindi dovrebbero essere dei signori), o lamentarsi perché quei soldi sono stati spesi. Informatevi su quanti soldi effettivamente hanno visto i Rom, su quanto costa una fontanella o l'allaccio dell'acqua. Insomma, mostrarsi attenti e partecipi, come è necessario in ogni democrazia. Se queste spese apparissero gonfiate, proporre, nel quadro democratico, una regolare gara d'appalto, a cui poter partecipare anche come comunità destinataria dell'intervento, nel piano di una razionalizazione degli investimenti. Dimostrare che in un campo vivono manovali, camionisti, muratori, senza lavoro, che potrebbero essere in grado di badare a se stessi.
- comprendere che se quei Rom, che sono lì a discutere, dovessero essere cacciati, dovrebbero ricominciare con gli stessi problemi da un'altra parte, mentre probabilmente nella stessa area o poco distante, arriveranno altre persone, anche di un'altra etnia, ugualmente disperate. Quindi, i problemi non cambierebbero, mentre c'è la possibilità di iniziare a risolverli. Se tra il pubblico c'è un aspirante Bruno Vespa, coinvolgerlo nel siglare un patto con gli elettori... non sarebbe il primo. In caso mancasse questo personaggio, servirà qualcuno che faccia la cronaca dell'incontro (e magari spedisca QUI il riassunto)

La base di questi ragionamenti è che anche a livello locale, non esistono problemi isolati, e ogni appiglio è buono tanto per presentare il "problema zingari" in chiave positiva o viceversa negativa. Solo che "gli zingari" (e anche il resto della popolazione) esistono indipendentemente dal fatto di essere un problema.

NOTE AGGIUNTIVE:
Scrivevo prima di privilegiare le riunioni con rinfresco. Ecco alcune ragioni:
- chiudere la giornata in attivo e mettere qualcosa nello stomaco.
- a tavola, con calma, siamo tutti meno aggressivi e più facili a socializzare. Quello che non si ottiene nel dibattito politico, può essere raggiunto buttandosi sulle patatine, e ci sarà sempre qualche gagio che alla fine vi avvicinerà e comincerà a parlarvi.
- attenzione al vino... se qualcuno non lo regge, può rovinare tutto il lavoro fatto. Viceversa, un bicchiere offerto all'oratore (se non è astemio) può renderlo loquace il sufficiente.
- nel caso l'iniziativa politica si svolga presso un'associazione "amica", è possibile accordarsi per portare qualcosa di tipico al rinfresco

Giovedì, 27 Aprile, 2006 - 00:45

I Rom alla manifestazione del 25 aprile

1 2
RSS feed