.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 15 ospiti collegati

.: Eventi

« Febbraio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 14:27

lavori intervento strutturale presenti presso il Parco Formentano

 
 
5 giugno 2008

c.a del Settore Parchi e Giardini del Comune di Milano;
del Settore Lavori Pubblici del Comune di Milano;
del Settore Arredo Urbano del Comune di Milano;
della Commissione Territorio del Consiglio di Zona 4 di Milano.

 
 
 
 
Interrogazione in merito ai lavori di intervento strutturale presenti presso il Parco Formentano e, in particolare, adibita all’area giochi per le bambine e i bambini
 
considerato che
 
avevo già presentato in data 17 aprile un’interrogazione dove si richiedeva la motivazione, il tempo, la durata, i costi e la finalità dei lavori presenti presso il Parco Fomentano e, in particolare, nell’area adibita ai giochi per le bambine e per i bambini
 
preso atto
 
che tale area, già abbastanza esigua vista la copiosa portata della richiesta e dell’utilizzo del servizio, è frequentata da un’ampia utenza data la presenza vicina di istituti scolastici, quali una scuola per l’infanzia, una scuola primaria e un asilo nido, e che in tale area giochi molte strutture erano state rese inagibili e altre erano state estratte per l’esecuzione dei lavori
 
preso atto
 
che tali lavori proseguono e che, in base ad alcune istanze e osservazioni di alcuni residenti della zona, spesso genitori dei piccoli utenti dell’area, sono stati sigillati uno scivolo e un’altalena, nonché alcune strutture, come l’attuale altalena accessibile è fortemente instabile arrecando, così, pregiudizio all’utenza
 
si chiede
 
-  al Settore Parchi e Giardini e al Settore Lavori Pubblici la motivazione del proseguimento dei lavori e la funzione degli interventi ancora presenti e insistenti sull’area giochi;
- agli stessi settori se è previsto il ripristino in tempi molto ristretti della situazione precedente, disponendone anche un congruo ampliamento strutturale dell’area, data la presenza abbondante di utenti;
- agli stessi settori se tali interventi siano funzionali alla realizzazione di una riorganizzazione complessiva del Parco e a una sua riqualificazione, leggendo e documentando le volontà di progettare aree adibite a performance artistiche e letterarie, nonché culturali e ad adibire il parco alla copertura del servizio di connessione wireless e, in caso affermativo, testimoniando ed esprimendo la forte utilità di tali progetti di intervento di adempiere a un’organizzazione complessiva del parco che non pregiudichi ulteriormente e ultroneamente l’area giochi presente, garantendone un ampliamento in risposta alle esigenze e alle necessità ivi presenti.
 
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 14:26

Comitato Paritetico per il mobbing del Comune di Milano

 
 
Milano 5 giugno 2008

c.a della Presidenza della commissione Consiliare Nr 03  PARI OPPORTUNITA' del Comune di Milano;
della Presidenza della commissione Consiliare Nr 15  POLITICHE DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE - PERSONALE - FORMAZIONE - RICERCA E INNOVAZIONE del Comune di Milano
dell’Assessorato alle Politiche dell’Occupazione e al Lavoro del Comune di Milano;
del Settore al Lavoro del Comune di Milano;
della presidenza del Consiglio Comunale di Milano;
della Commissione Servizi Sociali del Consiglio di Zona 4 di Milano.

 
 
 
 
Interrogazione in merito al punto all’ordine del giorno della riunione di commissione Consiliare congiunta Nr 03  PARI OPPORTUNITA' e Nr 15  POLITICHE DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE - PERSONALE - FORMAZIONE - RICERCA E INNOVAZIONE di martedì 20 maggio avente come punto all’ordine del giorno “Audizione del Comitato Paritetico per il mobbing del Comune di Milano”
 
considerato che
 
martedì 20 maggio alle ore 16,00 presso la Sala Commissioni di Palazzo Marino è stata indetta la commissione consiliare congiunta Nr 03  PARI OPPORTUNITA' e Nr 15  POLITICHE DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE - PERSONALE - FORMAZIONE - RICERCA E INNOVAZIONE avente come punto all’ordine del giorno la discussione “Audizione del Comitato Paritetico per il mobbing del Comune di Milano”
 
constatato
 
che nell’ordine del giorno si considera l’attività svolta da parte del Comitato Paritetico per il mobbing del Comune di Milano
 
preso atto
 
che il tema di cui il Comitato è competente in materia è di grave portata e complesso aspetto, dato anche il fatto di provvedere ad attivare forme e regole indirizzate a tutelare la dignità personale delle lavoratrici e dei lavoratori, in un’ottica di rispetto della persona e dei propri diritti
 
visto in diritto
 
che esiste una letteratura giuridica e normativa ricca in ambito di difesa dal mobbing e di contrasto a fenomeni discriminatori e di esclusione all’interno della struttura organizzativa del lavoro, in ogni ambito si consideri, sia essa pubblica, sia essa privata, partendo come riferimento primario alla legge per la sicurezza sui luoghi di lavoro, legge n° 626/94
 
si chiede
 
-  alla Presidenza delle rispettive commissioni di tra i destinatari della presente quali siano stati i punti discussi in merito al punto all’ordine del giorno e quali siano state le decisioni prese a riguardo, qualora si ipotizzi la redazione di un testo di relazione da sottoporre al consiglio comunale in merito a disposizioni utili e funzionali a reprimere e prevenire fenomeni di mobbing all’interno della struttura comunale;
- all’Assessorato alle Politiche dell’Occupazione e al Lavoro del Comune di Milano se è prevista una proposta di delibera in riferimento e prendendo come base la normativa vigente a livello nazionale, le disposizioni in materia, la letteratura giurisprudenziale in materia di cause giuslavoristiche e, infine, utile e funzionale a prevenire e reprimere fenomeni di mobbing all’interno della struttura comunale;
- all’Assessorato stesso, al settore di riferimento e alla Presidenza del Consiglio Comunale quali siano le funzioni e i ruoli a cui il Comitato paritetico per il mobbing è stato istituito  e da chi è composto, dato che dalla definizione pariteticità si intende la presenza di componenti esterni, se è a termine e quali siano i poteri a esso attribuiti.
 
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 14:25

Interrogazione edilizia scolastica

 
 
Milano, 5 giugno 2008
 
 
 
 
 
c.a della Presidenza della commissione Consiliare Nr 17  EDUCAZIONE - SERVIZI ALL'INFANZIA del Comune di Milano;
del Settore Educazione del Comune di Milano;
dell’Assessorato all’Educazione e ai Servizi Sociali del Comune di Milano;
della Commissione Educazione del Consiglio di Zona 4 di Milano;
p.c. della Commissione Edilizia del Consiglio di Zona 4 di Milano
 
 
 
 
Interrogazione in merito al punto all’ordine del giorno della riunione di commissione Consiliare Nr 17  EDUCAZIONE - SERVIZI ALL'INFANZIA di venerdì 16 maggio avente come punto all’ordine del giorno “Criteri ed indirizzi per l'organizzazione degli interventi di Manutenzione Ordinaria e Straordinaria negli edifici scolastici”
 
considerato che
 
venerdì 16 maggio alle ore 14,30 presso la Sala Commissioni di Palazzo Marino è stata indetta la commissione consiliare Educazione e Servizi all’infanzia avente come punto all’ordine del giorno la discussione in merito ai “criteri ed indirizzi per l’ organizzazione degli interventi di Manutenzione Ordinaria e Straordinaria negli edifici scolastici”
 
considerato altresì
 
che è in fase di discussione consiliare la disposizione dell’Assessorato all’Educazione di delegare come competenza ai consigli circoscrizionali la definizione dei criteri di indirizzo e delle linee di controllo e di monitoraggio della qualità dei servizi scolastici inerenti alla ristorazione e alle mense, iniziando a impostare un decentramento delle funzioni che dovrebbe avere come obiettivo e finalità una gestione più razionalizzata del settore scolastico, se corrispondente alla proposta
 
preso atto
 
che tali progetti di delibera sono ancora oggetto di discussione della commissione di riferimento e che, oltre al monitoraggio del servizio mense, specificatamente non sono state previste né delineate competenze ulteriori affidabili ai consigli circoscrizionali in merito al settore dei servizi scolastici
 
visto in diritto
 
che sussiste una competenza analoga svolta da parte dell’assessorato educazione alla Provincia di Milano e che, in base alla compresenza di simili funzioni di primaria importanza per l’offerta scolastica, sarebbe opportuno garantire una gestione coordinata e coerente in merito alla manutenzione ordinaria delle strutture scolastiche nel suo complesso
 
si chiede
 
-  alla Presidenza della Commissione Educazione del Consiglio Comunale quali siano stati i punti trattati e discussi, le proposte espresse e definite, in merito al punto dell’ordine del giorno della seduta del 16 maggio, come da oggetto della presente interrogazione, e se è già prevista una proposta che definisca i criteri e le linee di indirizzo per l’organizzazione del servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture scolastiche da parte dell’assessorato competente;
- all’Assessorato competente se, in presenza di una proposta già definita in merito o di un progetto da delineare, è previsto il coinvolgimento degli organi consiliari decentrati e circoscrizionali e l’attribuzione ai medesimi di una parte della funzione che riguarderebbe il monitoraggio e il censimento delle necessità e delle urgenze di intervento strutturale, in quadrando una complessiva definizione di criteri e linee di indirizzo utili e funzionali a dare efficacia e maggiore razionalizzazione alla politica amministrativa di intervento;
- alla Commissione Educazione del Consiglio di Zona di indire una riunione di commissione in merito, con la presenza di un direttore del settore o di un rappresentante funzionario dell’assessorato, affinché si possa predisporre un elenco di proposte utili a integrare il progetto e il testo discusso in commissione affinché si dia centralità ai consigli circoscrizionali nella definizione delle linee di indirizzo per organizzare interventi strutturali di tipo ordinario o straordinario.
 
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 14:04

AL CINEMA PER I NOSTRI DIRITTI

Venerdì 20 giugno 2008 - ore 20.30 presso l' Associazione Casa della Cultura Via Borgogna 3, 20122 Milano. In occasione del 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato
nell'ambito della campagna PIÙ DIRITTI, PIÙ SICUREZZA
siamo lieti di invitarvi alla proiezione del film:

RENDITION - detenzione illegale

La proiezione sarà preceduta da una breve presentazione a cura di Fabio Strazzeri (Responsabile dell'Ufficio Rifugiati e Richiedenti Asilo per la Circoscrizione Lombardia di Amnesty  International) e saremo lieti di offrire un rinfresco.
Durante la serata sarà possibile firmare appelli a favore delle Campagne sui Diritti Umani promosse da Amnesty International.
Ingresso ad offerta (suggeriti 6,00 Euro)
Un film di Gavin Hood. Con Reese Witherspoon, Jake Gyllenhaal, Meryl Streep, Alan Arkin, Peter Sarsgaard, Omar Metwally, Yigal Naor. Genere Thriller, colore 120 minuti. - Produzione USA, Sudafrica 2007 - Distribuzione Eagle Pictures.

Per ulteriori informazioni:  Amnesty Lombardia  Via degli Angioli, 1 – 20121 Milano tel. (02)72003901 – fax (02) 878176

Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 11:44

Inollerabile taglio al fondo lotta alla violenza sulle donne

Accade in ogni famiglia, è l'elemento fondamentale della conduzione economica di un nucleo, di tagliare le spese qualora ci sia una diminuzione delle entrate. E' tanto elementare che può destare stupore ribadirlo, come concetto. Avviene, così, anche se gestire un paese è ben diverso e complesso di una famiglia semplice, con le casse del nostro stato e con l'inizio della seconda era tremontiana. Il decreto pubblicato su Gazzetta Ufficiale il 29 maggio scorso, quindi a tutti gli effetti normativa dell'ordinamento, coercitiva e vincolante, prevede il taglio drastico di un fondo costituitosi con la Finanziaria 2008, che prevede, scusate prevedeva, lo stanziamento in capitolo di bilancio di 20 milioni di euro: parlo del Fondo per la lotta alla violenza sulle donne. La motivazione èdovuta al fatto che è stata fortemente ridotta una cospicua entrata derivante dall'Imposta Comunale sugli Immobili, che garantiva fondi utili e funzionali a espletare una serie di servizi sociali e socio assistenziali, tra cui il finanziamento dei Centri Donna, dei Centri contro la violenza sulle donne e dei provvedimenti e delle misure utili a fare fronte alla prevenzione dei crimini commessi contro le donne, i vari reati che aumentano progressivamente negli ultimi anni. Il taglio poderoso rischia di mettere in crisi questa rete e di rendere le donne più vulnerabili e indifese difronte alle prepotenze e alle violenze commesse non solo dai migranti, come invece la comunicazione mediatica tende a sottolineare, enfatizzare e denunciare in modo persistente, ma, soprattutto, da parte degli stessi familiari, conviventi e consorti, all'interno delle mura domestiche. La percentuale di questi ultimi casi è nettamente maggiore alla percentuale dei primi. Ultimamente abbiamo assistito attoniti all'impossibilità, anche per assenza di una legge che estenda gli stssi diritti e gli stessi doveri alle coppie di fatto, more uxorio, delle coppie di diritto, di una donna di denunciare il prioprio compagno di vita, se così si può definire, in quanto autore di violenze e di atti efferati contro la propria persona. Ma abbiamo visto, tanto per capovolgere l'assioma omologante dei media amanti della cronaca nera a effetto, anche un uomo italiano perpetrare una violenza sessuale e una molestia contro una studentessa di poringine magrebina di ben 13 anni: un fatto, è questo, ignobile e barbaro, che deve sapere trovare una condanna severa e indefessa.
Il taglio che si perpetra con questa decreto finanziario del governo avrò ripercussioni gravi sulle azioni per la lotta contro le violenze sulle donne. Saranno ridimensionati i servizi di ascolto e di denuncia degli atti criminali, in quanto non ci saranno sufficienti fondi che possano permettere ai centri donna di poter fare fronte alle spese del personale, che deve essere altamente professionale, vista la delicatezza del tema; ma sarà anche fortemente ridotta la possibilità di assistere la donna vittima di un reato di tale tipo, venendo meno il sostegno alle strutture, anche sanitarie e di assisitenza psicosociale, utili a reintegrare la persona fortemente devastata da un crimine ignobile.
Il numero delle donne soggette ad atti criminali di violenza e di molestia è aumentato: si contano ben 14 milioni nell'ultimo anno i casi. L'aumento è dovuto anche al fatto che molte donne avevano il coraggio e la volontà di denunciare i reati commessi a proprio danno contro la propria persona da parte di terzi.
I centri preposti al servizio di tutelare la donna e di prevenire tali reati, perseguirli, anche giuridicamente, e garantire l'assistenza medico sanitaria e sociale alla persona, sono gestiti da parte dei singoli comuni e, pertanto, l'eliminazione di una fonte cospicua di entrata, dettata dall'unica imposta che l'Ente locale può emettere, poteva emettere, determina un ridimensionamento forte e intollerabile delle spese per i servizi sociali: partire dal taglio al fondo per la lotta contro la violenza sulle donne significa non comprendere l'importanza di un'attività volta a denunciare e a penalizzare comportamenti altamente criminali di prevaricazione. E' maggiormente intollerabile che tale taglio avvenga nella consapevolezza dell'importanza del servizio, sacrificando in nome di una misura, alquanto criticabile, e fortemente demagogica, il taglio dell'ICI, un'azione utile per la collettività e la società, anche dal punto di vista educativo e pedagogico del rispetto della persona e della eguaglianza.

Spero e invito l'amministrazione comunale a divenire interprete di questa denuncia, prendendo una posizione verso il governo e il Parlamento, richiedendo il ripristino dei fondi previsti dalla legge Finanziaria 2008, e ad assicurare una continuità nell'erogazione dei servizi dei centri donna e dei centri antiviolenza presenti a Milano.

Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano

Venerdì, 13 Giugno, 2008 - 08:06

Molinetto da lorenteggio:manifestazione e blocco del treno

 Manifestazione ieri a Corsico contro il raddoppio ferroviario a raso.

Alla vista di quello che stanno facendo al Molinetto di Lorenteggio è cresciuta la rabbia ed è stata bloccato un treno al passaggio a livello. Stanno realizzando un sottopasso ciclopedonale che sconfina in un’area parcheggio.
Alcuni minuti di tensione perchè la gente non si è voluta spostare dai binari fino a che il treno si è fermato a pochi metri.
C’è una situazione incresciosa.

SACAIM sta operando nonostante il divieto del Ministero dell'Ambiente.
Hanno modificato il progetto senza che nessuno sappia nulla, tantomeno i cittadini e si suppone che sia in atto un altro abuso.
I controlli istituzionali a Milano non ci sono, non si riesce ad individuare i responsabili che almeno diano spiegazioni ai cittadini ignari di via Gonin e via Molinetto.

I cittadini oggi si sono visti i cancellare i parcheggi ed hanno cominciato ad agitarsi.

Giovedì, 12 Giugno, 2008 - 22:25

22 Giugno 2008 Giornata Mondiale sciopero della fame ....

22 giugno – Giornata mondiale di sciopero della fame contro lo scudo
UnAltroMondo ONLUS aderisce alla campagna “No scudo” contro l'istallazione della base radar degli Stati Uniti in Repubblica Ceca.
Puoi firmare la petizione online su www.nonviolence.cz, collegarti al sito www.nonviolenza.net e infine aderire con noi alla giornata mondiale di sciopero della fame contro lo scudo spaziale, per dire con noi ai potenti del mondo: “Smettetela di alimentare la macchina della guerra e cominciate a nutrire la gente!”
Spot di Fiorello contro lo Scudo spaziale

http://it.youtube.com/watch?v=uUfIUwmdlKs

Giovedì, 12 Giugno, 2008 - 14:17

Marco Roveda. L'ecobusiness ci salverà?

www.lifegate.it

E' in libreria il nuovo saggio della collana “I Sostenibili”, Salerno Editrice, dedicato alla storia di Marco Roveda. Le idee, l'ispirazione, le strategie di LifeGate in una nuova luce.

La collana di libri 'i Sostenibili' appena lanciata dalla prestigiosa Salerno Editrice è interamente dedicata a storie, vite e persone che hanno lasciato un segno.
Il nuovo saggio, un libro-intervista-biografia a firma di Enzo Argante, si intitola “Marco Roveda. L’ecobusiness ci salverà?”. Dopo Oliviero Toscani ed Ermete Realacci, innovatori nei loro campi, è la volta dell’eco-imprenditore Marco Roveda, l’uomo che ha saputo conciliare etica e profitto, che ha tracciato la via del business nel rispetto dell’ambiente.
Il fondatore di LifeGate è oggi un "punto di riferimento per il mondo dell’eco-sostenibilità - così Enzo Argante chiarisce la scelta del protagonista del suo terzo libro-storia - e l’obiettivo è individuare i nuovi leader, figure esemplari che rappresentino un modello di riferimento per gli altri”.
Continua Argante: “Marco Roveda raffigura la quintessenza della nuova impresa sociale: l’impresa che lavora sui profitti finalizzati all’evoluzione del sistema, ai nuovi equilibri e alla sostenibilità. Quello di Marco Roveda è un percorso cristallino: per l’imprenditore esiste la possibilità di fare business puntando al risanamento e ai valori”. Infine Argante sottolinea: “La storia e l’esperienza di Roveda segnano il tempo di un’evoluzione di mercato. Marco dimostra in maniera inequivocabile che questo non è opportunismo, ma è un sano e genuino spirito imprenditoriale. Uno, dieci, cento Roveda farebbero la differenza e segnerebbero il confine che c’è tra l’opportunismo e quest’opportunità concreta”.
La penna di Argante ci regala un ritratto di esperienze e svolte: il quadro di una vita alla ricerca di un significato. La ricerca di un valore, che Marco Roveda individua nella legge dell’armonia e dell’equilibrio: l’alchimia che unisce azienda e consapevolezza, desiderio di affermazione e senso di appartenenza al mondo. L’incontro tra l’ingegno dell’imprenditore e la forza dell’uomo, tra la crescita economica e la salvaguardia ambientale.
Numerosi i temi affrontati: emergono argomenti di attualità, modi inediti e alternativi di guardare ai meccanismi dell’imprenditoria e della società. Sullo sfondo, l’impegno di conciliare azione e pensiero, la volontà di tendere a un nuovo modo di stare nel mondo, di essere felice.
E' così che Marco Roveda cambia vita e diventa pioniere: dall'esperienza di Fattoria Scaldasole alla creazione di LifeGate, che promuove verso aziende e persone la strada per lo sviluppo sostenibile, in equilibrio tra profitto e pianeta. Perché produrre fa rima con sapere. E il sapere deriva dal vivere nel mondo, per il mondo.
Francesca Crippa, Matteo Aiolfi

Mercoledì, 11 Giugno, 2008 - 18:05

Tagli l'ICI? Penalizzi lo spettacolo a la cultura

ALLARMI - Ci risiamo. Tagli a Fus e cultura
Stefano Miliani
29 maggio 2008, L'Unità

Il neo ministro per i Beni e le attività culturali può metterci tutta la buona volontà, però - come succedeva ai suoi predecessori con il precedente governo Berlusconi e con il precedente ministro Tremonti - anche Bondi deve sottostare alla minaccia o all’esecuzione bruta di tagli «tremontiani » al dicastero. Avverte la Uil che gli «importi cosiddetti incrementali » previsti dalla Finanziaria per il2008, aumenti automatici o quasi, vengono o eliminati o, quando va bene, ridimensionati. Si parte dal Fus: sul Fondo unico dello spettacolo grava come primo incubo una sforbiciata di una cinquantina di milioni di euro dopo che il Fus era risalito, dopo i progressivi dimagrimenti sotto Berlusconi, a 511 milioni con Rutelli. Rischiano ad esempio la costruzione del nuovo auditorium e teatro musicale del Maggio fiorentino, legato alle manifestazioni per i 150 anni dell’Italia, e il festival pucciniano di Torre del Lago(Lucca)pianificato per i 150 anni dalla nascita di Puccini. Quanto al cinema, reduce dal successo a Cannes di due film come Il divo e Gomorra, entrambi finanziati dallo Stato, potrebbe perdere per strada cinque milioni di euro, quelli a favore degli investimenti nel cinema chiamati tax credit: ciò non farà un baffo a cinepanettoni o fiction, però ferirà autori del tipo Sorrentino o unGarrone. Risposta di Bondi: i tagli ci sono perché il governo deve coprire il decreto legge sull’Ici, sono meno sostanziosi di quanto dichiarato, il 6,78% per l’anno 2010 (ma la Uil conferma la propria versione), quelli al tax credit sono dolorosi e il ministro confida in un ripensamento. Intanto Cerami, ministro ombra Pd, scrive a Bondi: Prodi e Rutelli avevano fatto detassare parte degli utili per chi investe nel cinema (tax shelter), la Commissione europea esamina il provvedimento a giorni, collaboriamo, il governo non interrompa l’azione. Sulla salvaguardia del paesaggio e gli «ecomostri» brilla un’autentica perla. Accompagnando il Codice dei beni culturali riscritto e approvato in extremis e bi-partisan, Rutelli aveva trovato15milioni di euro per demolire le costruzioni abusive: essenziali perché buttar giù costa. Le norme restano, quei soldino, e senza chi potrà accollarsi le spese? Non i Comuni.Altre robuste sforbiciate feriranno istituti culturali per 3,4 milioni di euro (esempio: l’accademia della Crusca), il funzionamento di soprintendenze, musei, archivi e biblioteche di quasi 5 milioni di euro per il 2008 e di 11,8 per il 2010...
Risuonano note già sentite in passato, speriamo vengano intonate meglio.

Mercoledì, 11 Giugno, 2008 - 17:47

12 giugno presidio associazioni ROM con conferenza stampa

COMUNICATO STAMPA
12 GIUGNO ORE 12 LE ASSOCIAZIONI ROM PROMUOVONO UN PRESIDIO CON CONFERENZA STAMPA DAVANTI ALLA PREFETTURA DI MILANO CONTRO I PROVVEDIMENTI DISCRIMINATORI VERSO ROM E STRANIERI
Giovedì 12 giugno alle ore 12 le associazioni rom – Opera Nomadi, OsservAzione, Federazione Rom e Sinti insieme, Romanodrom – promuovono un presidio davanti alla prefettura per protestare contro i gravissimi atti discriminatori nei confronti di cittadini italiani di etnia rom e una caccia ai diversi che favorisce spinte xenofobe e razziste nel nostro paese.
Contestualmente chiedono un incontro con il prefetto di Milano, nominato commissario straordinario per la “questione rom” per avere informazioni sui compiti e sugli obiettivi del suo incarico, per chiedere certezza del rispetto dei diritti e delle libertà civili delle persone di qualunque etnia siano, per impedire occasioni di strumentalizzazione e conflitto come il raduno dell’estrema destra previsto presso il campo di via Triboniano.
Molte sono le adesioni, di persone e di associazioni questa iniziativa che ha l’obiettivo di avviare una campagna pacifica per costruire un percorso insieme con tutti coloro - forze politiche e sociali, cittadini, senza pregiudizi di schieramento - che ritengono necessario riportare il dialogo nelle realtà concrete del malessere, non lasciare soli gli esclusi, confrontarsi con le radici del disagio sociale e insieme costruire le ragioni e i valori di una cittadinanza che considera la legge uguale per tutti e protegge chi cerca accoglienza e dignità.
Promuovono:
Opera Nomadi, OsservAzione, Federazione Rom e Sinti insieme, Romanodrom
Aderiscono:
Vittorio Agnoletto, Mario Agostinelli, Alfredo Alietti, ALJ onlus, ANED Milano e Torino, ARCI Milano, Associazione Enzo Tortora, Associazione Peppino Impastato, Associazione UnaltroMondo onlus,  Associazione"Watching The Sky, Aven Amentza, Fulvio Bella, Giulio Bonali, Paolo Cagna Ninchi, Ionit Calderaru, Camera del Lavoro di Milano, Sandra Cangemi, Flora Capelluti, CDEC, Guido Ciappino, Eleonora Cirant, Udila Ciurar, Comitato per le libertà e i diritti sociali, Coordinamento nazionale per la Jugoslvia, Rebecca Covaciu, Stelian Covaciu, Bianca Dacomo Annoni, Paola Ferroni, Elena Gaetti, Steed Gamero, Nico Grancea, Gruppo EveryOne Ivana Kerecki, Alessandro Iosa, Roberto Malini, Corrado Mandreoli, Adriano Martellosio, Graziella Mascia, Manilio Mele, Stefano Menzio, Mondo Senza Guerre, Luciano Muhlbauer, NAGA, Moni Ovadia, Partito umanista, Luigia Pasi, Fabio Patronelli, Matteo Pegoraro, Dario Picciau, Leonardo Ragozzino, Alessandro Rizzo, Glenys Robinson, Ernesto Rossi, SDL intercategoriale, Sergio Segio, Sinistra critica, Sucar Drom, Raffaele Taddeo, Laura Todisco, Unaltralombardia, Unione delle comunità ebraiche italiane, Pino Vanacore, Roberto Veneziani, Tommaso Vitale, Daniela Zucchi
Grazie per l’attenzione
Per informazioni: Dijana Pavlovic   339.7608728
                               Maurizio Pagani  339.3684212

...
156 157 158 159 160 161 162 163 164
...
RSS feed