user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight' at line 3
query: SELECT bc.*, buc.weight
									FROM blog_categories bc, blog_user_category buc
									WHERE buc.uid = 172, AND buc.catid = bc.catid
									ORDER BY buc.weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'candidati'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'links'
									ORDER BY weight' at line 3
query: SELECT *
									FROM blog_blocks
									WHERE uid = 172, AND type = 'links'
									ORDER BY weight in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near '' at line 3
query: 	SELECT 	cp.nid AS pagina
												FROM 	users u LEFT JOIN candidati_pagine cp ON u.uid = cp.uid 
												WHERE	u.uid = 172, in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
user error: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' AND type = 'blog'' at line 1
query: SELECT nid FROM node WHERE uid = 172, AND type = 'blog' in /mnt/data/sites/partecipami/includes/database.mysql.inc on line 66.
Il Blog di Fabrizio Casavola | www.partecipaMi.it
warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mnt/data/sites/partecipami/includes/common.inc:386) in /mnt/data/sites/partecipami/themes/com06/globals/cookies.php on line 34.

.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 32 ospiti collegati

.: Eventi

« Febbraio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  

.: Ultimi 5 commenti


Nessun commento...

.: Il Blog di Fabrizio Casavola
Giovedì, 11 Maggio, 2006 - 10:05

Benvenuti!

Ciao a tutti. Mi piacerebbe che questo blog fosse un spazio di confronto e di discussione, in cui ciascuno si senta libero di esprimere la propria opinione. Sono convinto che incontrarci in questo spazio virtuale e pubblico, per discutere della polis e avanzare idee, dubbi e proposte, sia il primo passo per rendere la città di Milano un po' più nostra
Forse basta provarci...

Raffaele Barki

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 23:15

La Casa come problema Sociale

La Casa è diventato il problema di carattere Sociale di Milano.
La speculazione edilizia con l'esplosione dei prezzi immobiliari e l'incapacità di gestione e/o creazione del patrimonio immobiliare dell'edilizia sociale hanno provocato una tragica condizione di esclusione abitativa.
Nella nostra Città mancano all'appello circa 40.000 alloggi !

Devono essere inserite quote di edilizia a canone sociale nei programmi di riqualificazione urbana (PRU) e nei piani integrati di intervento (PII).
Nelle convenzioni si deve utilizzare il meccanismo della cessione gratuita al COmune di alloggi da dare in affitto o di aree private da destinare agli interventi di edilizia popolare o non profit.
Si deve provvedere all'utilizzo degli alloggi sfitti, alla ristrutturazione degli alloggi inagibili o non assegnabili per condizioni di degrado, mancanza di servizi, metratura insufficiente.

COME LA PENSATE ???

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 23:05

Gandolfi: "una campagna elettorale senza manifesti per rispetto dell'intelligenza dei cittadini"

Questione di principio – “Non ho mai potuto sopportare quei manifesti con sopra i faccioni sorridenti (sovente con foto di dieci anni prima) e brevi slogan ad effetto ma senza nessun vero contenuto. Sono un'offesa all'intelligenza dei cittadini
Oltre al fatto che poi quei manifesti con i nomi in caratteri cubitali danno origine ad una lotta incivile di chi ne mette di più, uno sopra l’altro e staccando quelli degli avversari: cumuli di carta che deturpano la nostra città
Non li ho mai sopportati e non intendo entrare in questa logica perversa. Non metterò neanche mezzo manifesto: ne faccio una questione di principio ... ma anche di metodo.”  
Questione di metodo – “Chi si candida per amministrare una città importante come Milano deve dimostrare fin dalla campagna elettorale la capacità di ottenere gli obiettivi che si prefigge con la minima spesa possibile. Questo è il primo modo per dimostrare ai cittadini che quando si avranno in mano i destini e le risorse economiche della città non si sprecherà neppure un euro dei soldi della comunità.
Mi hanno sempre lasciato perplesso quelli che sono disposti a spendere migliaia di euro per la campagna elettorale per andare a fare il consigliere comunale. Se sono pronti a spendere così tanti soldi di tasca loro per una campagna elettorale, saranno poi ancora più propensi a spendere senza troppi scrupoli i soldi pubblici.
Il buon amministratore si vede già da come fa la sua campagna elettorale: se spende poco e ottiene il risultato di essere eletto, allora sarà anche in grado di amministrare al meglio i soldi pubblici.”

Questione di contenuti – “Quasi superfluo rilevare che i manifesti elettorali sparsi qua e la per la città sono assolutamente privi di qualsiasi contenuto. Perchè metterli? Quale messaggio politico danno? Assolutamente nessuno.

Molto meglio una campagna elettorale in cui ci si confronta con la gente nei mercati e per strada, scambiando idee e opinioni. Fare capire il proprio pensiero e le ragioni per cui dovrebbero dare la preferenza proprio a te.
La mia campagna elettorale vuole privilegiare i contenuti.
Per questo rifiuto di fare anche un solo manifesto elettorale e mi dedicherò totalmente alla campagna elettorale per le strade e nei mercati. Userò molto anche internet e il mio sito (www.lucagandolfi.it), già ricco di contenuti, dove ne saranno man mano aggiunti altri grazie ai suggerimenti che mi verranno dati dai cittadini per strada e nei mercati.

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 22:49

Le donne fanno la politica e ci riescono!

Questa è la storia di un gruppo di impavide torinesi  che si incontrarono nel 2001 alla Casa delle Donne della loro città. Ce n’erano di tutti i tipi, donne che hanno a cuore se stesse e le altre e poi giornaliste, mediche, avvocate, sindacaliste.
L’idea era di essere soggetti e non oggetti della politica: proporre e non semplicemente difendere i propri diritti, avere spazio e dignità e non, al massimo, ottenere provvedimenti riparatori.
Cominciarono dunque a farsi sentire in città con azioni visibili contro il Piano Sanitario della Giunta di allora, che imponeva ticket altissimi sui farmaci e tagliava senza scrupoli l’assistenza alle aree deboli nella regione.
Poi il colpo di genio: scrissero da sole la delibera che avrebbero voluto e la imposero all’assessore ai servizi sociali del Comune di Torino.
Ottennero:
la formazione di un tavolo permanente con loro stesse, tutti gli  assessori competenti in materia di welfare e politiche sanitarie, chi gestisce i soldi, i rappresentanti delle strutture ospedaliere e delle ASL, l’associazionismo e il sindacato;
che il tavolo in questione, il più trasversale possibile, avesse fondi da spendere;
che si potesse avvalere degli Istituti di Ricerca della Regione;
che promuovesse la salute in tutte le età, etnie e situazioni della vita, anche con competenze di valutazione e di ricerca.
Naturalmente l’assessore di allora ne fu sconvolto. Oggi il rapporto si è molto evoluto, grazie al fatto che l’iniziativa divenne punto di forza della campagna elettorale di una donna che si candidò alle elezioni, le vinse e che mantiene tuttora l’impegno e garantisce i fondi. La presenza di interlocutrici politiche ha favorito l’evoluzione di un rapporto non utilitaristico ma utile per entrambe le parti.
Ne è seguita una ricerca sui consultori di Torino. Questa ha favorito il contatto con tutti i soggetti interessati e con operatrici e operatori, rafforzato da un convegno di restituzione in cui le partecipanti hanno ottenuto l’ECM.
Si è imposta oggi l’urgenza di un incontro tra gli Osservatori sulla Salute che stanno già lavorando anche a Milano, Bologna, Firenze, Venezia, Napoli e Roma. L’idea è di costituire un tavolo nazionale di rete e di ricerca con i seguenti obiettivi:
costruire e rafforzare relazioni, conoscere i luoghi della prevenzione e della salute che già esistono, valorizzarli e diffonderne le pratiche;
rafforzare i rapporti con le donne nelle istituzioni;
aggiornarsi costantemente sulla conoscenza delle leggi e sulla loro applicazione;
avviare ricerche globali sulla salute, ad esempio sull’infertilità, il desiderio di maternità o di genitorialità, etc.
coordinarsi su azioni realizzabili a livello regionale, tra le quali
-         la richiesta di gare ad evidenza pubblica che quotino i prezzi degli anticoncezionali da distribuire all’interno dei consultori, chiedendo alle farmacie se vogliono aderire; si possono diminuire così i prezzi dei prodotti quali gli IUD, i contraccettivi postcoitali e degli anticoncezionali;
-         la richiesta di passaggio di tabella da “C” ad “A” per le pillole anticoncezionali;
-         la diffida agli Ospedali che rifiutano la pillola del giorno dopo definendola erroneamente abortiva e quindi oggetto di obiezione di coscienza;
-         promuovere la maternità consapevole e prevenire la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili;
-         la richiesta dell’uso della RU486 sulla base del diritto di scelta e fare campagna;
-         attivare campagne di pressione contro la coercizione all’obiezione di coscienza;
-         reintrodurre, a livello di sensibilità sociale, l’idea della gestione sociale delle strutture consultoriali.
A Milano, come OSAdonne, Osservatorio sulla Salute delle Donne, ci stiamo muovendo in questa direzione, con il proposito di innervare la politica istituzionale con nuovi soggetti, contributi e risorse. Questo obiettivo si crea principalmente con un costante rapporto con tutti i cittadini,  le istituzioni,  i sindacati, le associazioni e i movimenti.
Basta volerlo ..
           

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 22:10

Ballymena, Irlanda del Nord: dove il settarismo è di casa

L'Irlanda del Nord è oggi una terra arcobaleno. I cattolici si sono numericamente avvicinati al 50%, ma insieme alla loro crescita si sono verificati due fatti apparentemente contraddittori.
Da un lato, la crescita del settarismo e della lacerazione del Paese; dall'altro, l'emergere del fenomeno delle coppie miste (una su cinque nel capoluogo, Belfast).

Michael McIlveen, un quindicenne cattolico che viveva vicino a Ballymena, contea di Antrim, a stragrande maggioranza protestante, pochi giorni fa è stato ucciso a colpi di mazza da baseball da quattro o cinque persone. Sembra evidente a tutti che il motivo sia l'eterna lotta tra cattolici e protestanti.
Naturalmente, trattandosi di una brutale aggressione a un minorenne, i capli lealisti (a cominciare dall'Ordine d'Orange) e anche tutti i politici protestanti hanno condannato l'omicidio senza mezzi termini.
Così ha fatto Ian Paisley, deputato a Westminster e parlamentare europeo, segretario del DUP (primo partito nordirlandese), eletto proprio a North Antrim.
Il fatto che Paisley abbia condannato l'omicidio non deve essere preso come un'ovvietà: egli infatti ha fondato il DUP per contrastare le più morbide posizioni dell'unionismo "ufficiale" e l'ha mantenuto su posizioni settarie fino ad oggi.

Un esempio? Notizia di oggi. Il luogo è sempre Ballymena.
Il consiglio comunale (poi dicono che in Italia siamo burocratici...) doveva stabilire se scrivere "welcome" sulla porta dell'ufficio del turismo anche in tedesco, francese e... gaelico.
Gaelico. Ovvero "irlandese". Una delle due lingue ufficiali della Repubblica d'Irlanda, ma soprattutto un'occasione per lanciare un messaggio ai settari.
Il consiglio comunale, dominato dal DUP, ha detto no. Ha detto che se si comincia con tre lingue, si deve finire col metterle tutte. Ha detto anche che la "gente del sud" non ha bisogno del gaelico perché parla l'inglese e potrà comprendere "welcome".
Senza dubbio. Così come potranno comprenderlo i tedeschi, i francesi, i russi e chiunque nel mondo.
La significatività del gesto simbolico, però, è stata "accantonata" (o meglio: è stata ben compresa!) dai rappresentanti del settarismo protestante.

In fondo, non è un po' quello che è appena accaduto in Italia, dove forti della loro maggioranza le sinistre hanno piazzato quasi chi desideravano alle tre più alte cariche dello Stato?

La democrazia risponde alla domanda: "come scegliere chi governa?".
Il liberalismo risponde alla domanda: "che limiti dare a chi governa?".

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 18:30

Le sinistre occupano lo Stato: cosa risponde la CdL?

L'elezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica impone riflessioni sulla politica nazionale.
Non si discute l'onestà morale dell'uomo, ma il risultato che le sinistre hanno conseguito dopo le elezioni politiche.

In particolare, abbiamo oggi un presidente del Senato (Marini) cattolico di sinistra, un presidente della Camera (Bertinotti) comunista e amico della sinistra radicale, un presidente della Repubblica (Napolitano) ex comunista.
Un risultato sorprendente, data l'effimera distanza di voti tra le due coalizioni. Un risultato che non rappresenta il Paese, tant'è che Prodi, dopo l'elezione di Marini e Bertinotti, aveva calcisticamente esclamato: "2-0".

Le sinistre pigliatutto hanno messo poi, oggi, la ciliegina sulla torta (democratica?) segnando il terzo gol. E se forse è un bene che alla più alta carica dello Stato sia andato un riformista e non Massimo D'Alema, dobbiamo valutare l'impatto sulla democrazia di questo Paese.

Non arriviamo ad affermare che la democrazia sia in pericolo, ma non possiamo non constatare che (se fosse stato per le sinistre) oggi avremmo avuto D'Alema (che non ha ancora chiarito i suoi rapporti col mondo delle cooperative rosse, la scalata Unipol, eccetera) al Quirinale.

Allo stesso tempo, però, non possiamo non registrare lo sbando del centro-destra: una coalizione capace di aggregare, contro ogni pronostico, la metà esatta del Paese, e che non è in grado di apparire unita nemmeno nelle trattative pre-elezione del presidente: l'Udc in particolare ha trovato il modo di smarcarsi per l'ennesima volta, peraltro nel modo peggiore (appoggiando, almeno nelle dichiarazioni, l'ex comunista Napolitano), quando invece sarebbe stato più giusto contrapporre un nome di incontestabile prestigio e rappresentanza, consci che la CdL non avrebbe avuto i numeri per imporre il "suo" candidato preferito.

Lo sbando della CdL, arroccata sulla scheda bianca quasi a certificare la propria inadeguatezza nella scelta di un presidente realmente condiviso, fa il paio con il dilagare delle sinistre, che trattando le prime sedute parlamentari della nuova legislatura come fossero una partita di calcio si preoccupano di segnare gol, 1-0, 2-0, 3-0, e se potessero andrebbero avanti, con l'accortezza di acontentare prima l'uno poi l'altro alleato.
Così, dopo il biscottino al mondo sindacale (con Marini) e dopo il dolcetto alla sinistra radicale (con Bertinotti), non si poteva non accontentare il maggiore partito delle sinistre, i Ds.
E allora, habemus presidentem Napolitano.

Cosa pensano gli italiani che hanno votato per la CdL ritenendola una credibile alternativa a queste sinistre? Forse sono già consapevoli che di meglio non si potesse fare, le schede bianche dei loro parlamentari sembrano dimostrare questo.
E invece, un diverso senso di responsabilità avrebbe suggerito la presentazione di un candidato a cui le sinistre non avrebbero potuto dire di no, per smascherare il loro concetto di distribuzione delle cariche dello Stato.

Non è stato fatto. Abbiamo 347 schede bianche e 42 voti a Umberto Bossi che denunciano l'incapacità della CdL di rappresentare i moderati in un momento troppo importante per il Paese.

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 15:02

Comitato per la promozione di una progettazione partecipata nell'area di Porta Genova

Apro il dibattito sull'argomento.

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 13:23

Il Programma Umanista

Questo programma si ispira ai seguenti punti:
- l'essere umano come valore centrale
- la non-violenza come metodologia per arrivare a un mondo di pace
- la solidarietà con chi è discriminato
- i diritti umani, tra cui il diritto alla salute, educazione, casa, retribuzione
- la democrazia diretta e la sovranità del cittadino
- la ricerca dell'equilibrio tra l'uomo e l'ambiente naturale
Decenni di clientelismo prima e affarismo poi hanno reso Milano una città dai due estremi: lusso, alta moda e affari da un lato; indigenza, emarginazione e degrado dall’altro. I dati contenuti in numerosi studi, dimostrano che la distanza tra ricchi e poveri sta inesorabilmente aumentando. Questo divario non è il risultato di misteriosi meccanismi o sviluppi imprevedibili, ma di politiche sbagliate e interessi di parte. La città è stata gestita come un'impresa inseguendo gli interessi economici di pochi e trascurando la dimensione sociale.
Il programma del Partito Umanista si basa quindi sulla premessa che il modello del cosiddetto “libero mercato” e delle privatizzazioni ha fallito, avendo portato all’esclusione sociale di molte fasce della popolazione: giovani, pensionati, malati, disoccupati, ecc.
Proponiamo un nuovo modello economico basato sulla partecipazione dei lavoratori che avrà come priorità non il conseguimento di profitti ma l’utilità sociale dell’impresa. Proponiamo inoltre un modello di amministrazione pubblica dove il Comune fornisca direttamente numerosi servizi e intervenga come regolatore in tutti i campi. 

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 12:05

Monumentalità del centro e rilancio delle periferie

Quando parliamo di monumentalità e decoro del centro storico, non intendiamo proporre un modello ingessato per il futuro di Milano.
Noi siamo convinti che lo stallo economico della città si risolva cercando lo sviluppo per un nuovo boom, basato non più sull'industria ma su nuovi processi "produttivi" legati all'eccellenza e al terziario.

Non abbiamo in mente una Milano statica e desolata, tutt'altro.
Ma vogliamo focalizzarci sul fatto che il dualismo esistente rovini la città.
Per dualismo intendiamo la compresenza da un lato di un centro storico che attrae lavoro, turismo e tempo libero, e dall'altro di periferie sempre più emarginate: è un problema che Milano vive da tempo, ma che attanaglia anche altre grandi città nel mondo.

Ci accorgiamo poi che l'uso del centro storico porta a un processo di degrado dello stesso.
La Milano "entro i Bastioni" è ormai un contenitore di tutto: e invece andrebbe rispettata, amata, non deturpata.

Per ora è un dato di fatto che la vita giornaliera di Milano si svolga soprattutto in centro. Tale concentrazione è causa, tra l'altro, di sempre maggiore traffico automobilistico e inquinamento.

Tale impostazione va superata: vanno riscoperti i vantaggi delle periferie e di un sistema urbano davvero integrato.
Pensiamoci. Le periferie sono più grandi, contengono più spazi ora inutilizzati, conservano più associazionismo, ma presentano anche maggiori problemi di marginalità e conflitti.

Riportare le periferie al centro di una visione d'insieme significa ottenere due effetti positivi contemporaneamente:

* restituire al centro storico una "qualità di vita e di uso" più a misura umana e valorizzarlo nella sua bellezza e monumentalità;
* fornire alle periferie nuove occasioni di sviluppo e di attenzione.

In questo senso, decentrare servizi, eventi, manifestazioni e (in generale) occasioni di uso economico e sociale della città è la strada giusta per far crescere le periferie preservando il decoro del centro storico.

Mercoledì, 10 Maggio, 2006 - 10:41

La mangiatoia (II)

Come proposta abitativa, la comunità di via Idro propone al comune di Milano di passare alle microaree. Non solo sono soluzioni già esistenti in Italia, ma comportano anche un notevole risparmio sui costi di approntamento e di gestione. Recentemente, avevo scritto su come spariscono i soldi DI TUTTI, per la gestione di una specie di moderno lager. Quanto segue riguarda il campo di Barzaghi/Triboniano, non a caso è quello nelle condizioni più spaventose, ma anche quello che ha visto più soldi buttati dalla finestra

21 marzo - Ci sono lavori in corso, ne parlava un recente comunicato di Aven Amentza: ... si è cominciato dai Rom bosniaci, una famiglia allargata di 50 persone. Essi hanno assistito, dal fango del prato, in cui hanno trascorso questi mesi di pioggia e gelo, alle varie fasi dei lavori e, con grande sconcerto, a quella che ha portato all’installazione dei containers...
L'incendio dell'8 marzo scorso ha provocato nel settore dei Rom rumeni un gran rimescolamento, se il campo era prima un labirinto inestricabile, ora la situazione è persino peggiorata: come ricordava una recente denuncia: "Non corrisponde al vero anzi, è una palese e sfacciata menzogna, che vi fosse la possibilità di accogliere quanti si fossero rivolti per chiedere un riparo. [...] Solo 7 o 8 persone, compresi alcuni bambini, hanno potuto occupare un letto in camerata." Nel settore dei Khorakhané (Bosniaci) quanto scritto a febbraio è praticamente uguale. Davanti a un camper, fa bella mostra uno scaramantico estintore.
Sono gli stessi Rom, con i volontari di Aven Amenza, che mi accompagnano nel cantiere dove si sta costruendo il loro nuovo campo. Subito prima dell'ingresso, due segnali forti e di segno opposto:
- tre famiglie si sono accampate accanto al muro di cinta esterno. Le loro roulottes sono bruciate nell'incendio dell'otto marzo e da allora vivono in tenda. Avevano perso tutto e un negoziante lì vicino ha dato loro tre tende nuove, per 18 euro. Non so se questo negoziante posso chiamarlo benefattore, o soltanto una persona onesta.
- questo cartello fa bella mostra di sé:
Comune di Milano - Lavori di messa in sicurezza e adeguamento igienico sanitario campo nomadi - 2° intervento - campo nomadi di via Triboniano
Importo progetto Euro 1.000.000,00
Importo base d'asta Euro 749.662,51
Oneri per la sicurezza Euro 42.237,83
Importo del contratto Euro 611.349,78
Inizio lavori 29/08/05
Fine lavori 28/08/06
Sospensione lavori dal 30 /08/05 al 14/09/06
Gara in data 15/04/05 Euro 611.349,78. Gara al ribasso del 18,45%

Preciso di non avere competenze in materia, ma che mi sfugge la logica di come sono stati spesi un miliardo e due del vecchio cono.
I 50 Khorakhané sono accampati da questo inverno in una spianata, attrezzata di 6 bagni chimici (tutti funzionanti per fortuna). Al cantiere lavorano 5 operai. Il nuovo campo è un rettangolo di circa 20/25 metri per lato, con una gettata di cemento e una rotonda. Al centro è stata ricavata una strada vagamente circolare, con in mezzo una fontanella comune. Nella rotonda forse potrebbe manovrare un Ape piaggio, non di più.
Il resto dello spazio è occupato dal blocco dei bagni e da 6 container, staccati di un paio di metri (e anche meno) l'uno dall'altro. Se per caso dovesse scoppiare un incendio, diventerebbero una trappola micidiale.
PIANTINA
I 6 container. ...mentre la gru li sollevava per collocarli sul terreno, hanno potuto constatare che essi erano ampiamente danneggiati nella parte sottostante. Alcuni lo sono anche nell’interno e nel soffitto. Insomma, ci piove. Uno dovrà essere sostituito, perché i suoi allacciamenti non corrispondono a quelli che l’impresa ha realizzato nel terreno. (op. cit.).
Controllo le targhette su ogni container: provenienza Commissariato del Friuli, costruiti nel 1992, ultima revisione nel 1993.
OK, ho fatto una rapida ricerca. Container simili, ma nuovi li vendono proprio in via Triboniano (hanno persino un sito web, cercatelo con google) i costi variano tra 1.400 e 5.800 euro l'uno a seconda del modello. Rimane da capire dove siano spariti gli altri soldi da quest'estate: tra bagni chimici, una passata di ruspa e una gettata di cemento.

27 marzo - Il "TRASLOCO" prosegue in maniera tranquilla. La polizia era già ai margini del campo ieri sera. Stamattina sono arrivati gli incaricati del comune. Chi era senza permesso di soggiorno aveva già levato le tende da qualche giorno.
Uno spazio sterrato (grossomodo, netà campo di calcio) assolutamente spoglio di servizi e strutture, viene man mano riempito con le roulottes di tutti i residenti, anche chi è arrivato da meno di 4 anni. La polizia comunale sta mediando con le famiglie, i problemi più grossi al momento sono il trasporto delle roulotte + vecchie (alcune sono senza ruote, altre senza gancio, altre ancora rischiano di disfarsi per strada) e la sistemazione dei nuclei familiari, per evitare che sorgano conflitti tra loro.
La Protezione Civile vorrebbe terminare il lavoro entro stasera, ma non credo che si a possibile.
Inoltre, l'area sterrata non è in grado di accogliere tutte le roulottes e penso che dovrà essere predisposto uno spazio ulteriore.

4 aprile - L'area del trasloco è praticamente una spianata non asfaltata ottenuta con materiale di recupero per far filtrare l'acqua piovana. Il giorno stesso del trasloco sono arrivati 12 bagni chimici. Come previsto già nella prima mattinata di settimana scorsa, l'area predisposta non poteva accogliere tutti i residenti. Facendo una stima approssimativa, attualmente "ospita" circa 150/200 persone; circa altre 200/250 (quelli che risultano residenti, ma da meno di 4 anni) sono accampate in un prato ricavato all'ultimo momento.
Facile prevedere che il prato finirà allagato alle prime piogge. In compenso la prima area attrezzata è fornita di un solo punto di prelievo idrico (l'acqua viene prelevata da un tubo), i tecnici comunali stanno valutando se vale la pena prevedere un altro sistema sempre di tubi di plastica, per avere qualche punto di prelievo in più. Mancano totalmente le bocchette anti-incendio, davanti ad alcune roulottes ci sono degli estintori, parte dei quali sono quelli distribuiti dal Comune anni fa. In ogni caso, su tutta l'area non ci sono allacciamenti alla corrente elettrica e non sono previsti per tutta la durata dei lavori.
Nessuna variazione riguarda la situazione igienica: 3 cassoni per la raccolta dei rifiuti, che sono svuotati in maniera irregolare.
Si suppone che il gruppo dei Rom rumeni rimarrà in questa situazione per circa 6 mesi, quindi i lavori di sistemazione dovrebbero terminare entro la data prevista (14/09/06). La spesa rientrerà nei 611.349,78 euro stanziati. Tuttora, il Comune non ha fornito planimetrie o relazioni su come sarà l'area al termine dei lavori. Si sa solo che verrà attrezzata con container, come nel settore adiacente dei Rom Khorakhané, quindi si presume con pezzi vecchi di una quindicina d'anni. Ultima annotazione per chi sinora era in roulotte o ha perso le sue proprietà nell'incendio dell'8 marzo scorso: i container vengono forniti vuoti e ogni assegnatario dovrà provvedere al mobilio.

...
296 297 298 299 300 301 302 303 304
...
RSS feed