.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 26 ospiti collegati

.: Eventi

« Novembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Pasquale Maria Cioffi
Lunedì, 22 Maggio, 2006 - 09:48

Curioso invito a PARTECIPARE

“Durante la notte tra domenica 21 maggio e lunedì 22,  la zona 1 si è curiosamente colorata di giallo: vetrine, portoni, muri portavano la firma del misterioso autore dell’invito. Invito ? Sì perché la zona è stata invasa da post-it gialli recanti un messaggio semplice ma di un’ infinita ricchezza, un invito a sognare, un invito a partecipare, un invito a emergere come persone che hanno sogni e che li vogliono realizzare, un invito a non lasciarsi trascinare ma a essere artefici del proprio futuro. L’invito è rivolto a TUTTI anche a te che mi stai leggendo in questo momento.

 
"...se sai sognare - ma dai sogni non farti dominare;
se riesci a pensare senza perderti nei pensieri,
se sai affrontare il Successo e la Sconfitta
e trattare questi due impostori nello stesso modo...
se per te ogni persona conta, ma nessuno troppo.. ...tu sarai un Uomo, figlio mio!."
 
 
Grazie  Kipling di aver reso eterna la passione e l'emozione che caratterizza l'essere padri. Padri dei nostri figli, ma anche padri di noi stessi, che possiamo scegliere DI VIVERE e non di lasciarci vivere.
 
L’invito che abbiamo distribuito in questo modo un po’ bizzarro, ma anche provocatorio, vogliamo che diventi un inno, un impegno di etica politica da parte di un politico che si propone di rappresentare le persone.
E contemporaneamente che sia un invito alle PERSONE, un invito a far sì che TUTTI con la stessa etica si impegnino per il bene della città con un piccolo contributo come è piccolo un post-it: un’idea di miglioramento, maggior impegno in una passione, maggior collaborazione, e soprattutto maggior partecipazione, anche solo scrivendo su questo sito.
 
Non dimentichiamo che Milano è il risultato di chi ci ha vissuto fin’ora…ebbene…tutti insieme, oggi, pensiamo al domani. “