.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 43 ospiti collegati

.: Eventi

« Febbraio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        

.: Link

.: Milano vivibile: non é un sogno impossibile
Inserito da Stefano Pillitteri il Mar, 11/04/2006 - 18:40
La mia lista:
forza italia
Dove mi candido:
Consiglio Comunale di Milano
Foto Candidato:
Milano vivibile: non é un sogno impossibile
Io in breve:

 
Tocca a me oggi, come a mio padre negli anni Settanta, e a mio zio un decennio prima, sollecitare il Tuo voto: la fiducia che mi serve per essere confermato quale Consigliere Comunale a Milano nelle liste di Forza Italia.
 
Oggi non sono molti i politici ‘di famiglia’. In parte è un bene. E’ del mio partito, Forza Italia, la scelta di affidare la guida della cosa pubblica a manager e imprenditori. Primo fra tutti il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Abbiamo avuto un ottimo Sindaco-imprenditore: Gabriele Albertini al quale succederà Letizia Moratti. Ambedue hanno portato nella Cosa pubblica il metodo e la capacità nel fare scelte coraggiose e decise apprese e messe in pratica nelle aziende di famiglia.
 
Tuttavia, questa è la mia opinione, nella ‘squadra’ devono trovar posto anche persone abituate da sempre a vivere del rapporto con gli elettori
 
Nella mia famiglia si è sempre respirata la passione e l’impegno politico. Avevo pochi anni e mio padre era già assessore alla cultura al Comune di Milano. Ricordo, e in maniera non poco vivida, le manifestazioni, gli incontri e tutti i rituali che caratterizzano la famiglia dove si vive di politica.
 
Ricordo la grande atmosfera di entusiasmo la consapevolezza di partecipare a una grande avventura. Mio zio Bettino portò il suo partito a un ruolo protagonista in una irripetibile stagione di grande libertà per il paese: gli anni ottanta.
 
La stagione ‘mani pulite’, la tragica “falsa rivoluzione” italiana”, si abbattè sulla mia famiglia con inaudita violenza. Furono anni drammatici, punteggiati da arresti di persone amiche. Tutti svergognati, colpiti in ciò che per un politico è il bene principale: la stima e la fiducia dei suoi concittadini. Salvo, poi, vedersi riconosciuti assolti ma solo dopo anni di sofferenza. 
 
Dopo la laurea in legge e la pratica forense, per tutti gli anni novanta ho svolto l’attività di avvocato nel settore penale. Un  esperienza estremamente intensa in cui ho sempre cercato di unire serietà professionale a senso di umanità.
 
E’ stata, poi,  Forza Italia (che ha il mio voto dall’ormai lontano 1994) a ridarmi la voglia di tornare alla politica attiva.
 
Con il 2000 decisi, dunque,che era giunto il momento di un impegno diretto.
 
Nel maggio 2001, contando  solo sull’impegno volontario di diversi amici venni eletto consigliere Comunale così come già mio zio negli anni sessanta e mio padre nei settanta.    
 

Cosa ho fatto finora nella vita:



Nel Consiglio Comunale sono stato Presidente della Commissione Consiliare Trasporti Traffico e Viabilità, un settore fondamentale per la nostra città.
Ho lavorato a fianco della Giunta e del Sindaco sostenendo le tante iniziative coraggiose ma anche proponendo correzioni e cambi di marcia sulla base delle indicazioni dei cittadini.
Ho promosso e seguito in prima persona la riqualificazione di diverse aree urbane.
E, come utente dei mezzi di trasporto urbano, mi sono adoperato affinché i disagi segnalati dai cittadini trovassero una risposta concreta da parte dell’ATM, l’azienda di trasporto pubblico milanese.
 

Vi spiego perchè mi candido:


Cosa farò nei prossimi 5 anni
Il mio impegno per la Milano di domani
 
Sicurezza, trasporti, abitazioni. Sono diverse le iniziative che ho avviato e cui ho collaborato in questi settori. Ho anche esaminato come metropoli, quali Londra e Parigi, hanno affrontato questi problemi, trovando esperienze positive che sono convinto sia possibile adottare, in modo originale, a Milano.
 
Più case, meno traffico, meno degrado
 
Sicurezza, trasporti, abitazioni. Sono problemi tra loro correlati, e che occorre pertanto affrontare in modo organico. La scarsità di case in città e gli alti prezzi degli immobili e degli affitti hanno spinto molti milanesi a trasferirsi fuori dalla loro città, per vivere in borghi e periferie senza nome.
Il pendolarismo che ne consegue comporta un aumento del traffico e dell’inquinamento. Aumenta, insieme al tempo passato in auto o sui mezzi di trasporto, lo stress. E peggiora la qualità della vita.
Nonostante gli sforzi attuati dall’amministrazione vi sono ancora troppe situazioni di degrado che affliggono diversi quartieri popolari della città.
E il degrado porta inevitabilmente insicurezza.
 
 
Milano abitabile, Milano vivibile, Milano sicura
 
Per cominciare a risolvere questi problemi, senza la presunzione di eliminarli, intendo mettere in atto azioni tese a:
¤ aumentare l’offerta di abitazioni,  soprattutto i bilocali più adatti accessibili alle famiglie di oggi e ai giovani
¤ migliorare la sicurezza e la vivibilità soprattutto nei quartieri periferici
¤ diminuire il traffico.
Questo attraverso una serie di misure, tra cui:
 
immediatamente
1) rendere disponibili gli alloggi sfitti
2) incentivare la co-locazione, soprattutto l’affitto di stanze per studenti
   da  parte delle persone anziane che vivono sole
   (progetto Una casa per due)
3) potenziare il servizio pubblico e aumentare le frequenze delle corse
4) aumentare i vigili di quartiere destinati al presidio della sicurezza e potenziare il sistema di controllo mediante telecamere anche nelle zone periferiche   
5) migliorare la manutenzione degli immobili di proprietà comunale
 
nel medio termine
5) dare impulso a un programma di costruzioni di immobili a prezzi calmierati
6) favorire i progetti di edilizia sostenibile e a misura d’uomo
7) costruire nuovi parcheggi di interscambio che intercettino il traffico proveniente dall’interland
8) privilegiare gli interventi viabilistici nel sottosuolo e aumentare le linee metropolitane
9) creare e sostenere centri di aggregazione sociale nelle aree più “difficili”
 
 
Se come me sei convinto che
il sogno di una Milano vivibile possa diventare realtà,
chiedo la tua fiducia, il tuo voto.
Grazie
 
Stefano Pillitteri
 
 

E-Mail Candidato:
stefanopillitteri@yahoo.it