.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 141 ospiti collegati
.: Linea Diretta con il Consiglio di Zona 1
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Giovanni Gronda il Mer, 06/12/2006 - 08:16
Tutti sanno che a Milano si muore di smog ma non tutti si rendono conto di quanta gente effettivamente muoia ogni giorno.
Scrivo questo post quindi per far riflettere e per chiedere a tutti voi di controllare se il mio conto è giusto.

1) Ogni anno muoiono in media 8220 persone nelle 13 maggiori città italiane per problemi respiratori causati dal PM10 (vedasi allegato Articolo del Primario Dott Harari a riassunto di un importante quanto autorevole studio dell' Organizzazione Mondiale della Sanità OMS).
2) Nelle 13 maggiori città italiane vivono 8 836 000 persone (circa).
3) Siccome a Milano vivono 1 200 000 persone questo significa che ci sono a Milano (1200000/8836000)*8220=1113 morti all'anno (molti di più considerando che Milano è più inquinata di Catania, Genova ecc).
4) I PM10 sono causati per il 70% dalle emissioni dei veicoli su gomma (auto, moto, motorini e camion) (FONTE ARPA).
5) Dal punto 3 e 4 si deduce che a Milano muoiono almeno 3 persone al giorno per smog e, di questi, 2 sono causati dalle emissioni di auto, camion, ecc.
6) Nella Zona 1 abitano 100 000 persone circa (1 decimo della popolazione Milanese circa). Questo vuol dire che in zona 7 muoiono circa 110 persone all'anno a causa dei PM10.
7)A questi morti (1113/365=3 al giorno) si devono aggiungere i morti a causa dell'ozono e della bronchite cronica ostruttiva (esclusa dallo scopo dello studio dell'OMS) che da sola causa 25000 morti/anno in Italia (è la 4a causa di morte nei paesi industrializzati) ma per ora "trascuriamoli" come tracuriamo i malati di malattie polmonari che non muoiono ma che vivono con malattie croniche.
L'abuso di utilizzo dell'auto ci sta uccidendo tutti (in particolare bambini e anziani sono i più sensibili) e noi non facciamo nulla, anzi.
Il futuro sono ultra convinto in questo, della mobilità nella nostra città sta nelle corsie preferenziali per i mezzi pubblici (ora bloccati dalle auto private) e nelle biciclette, e questo non solo per lo smog: rumore, incidenti, pericoli guastano la nostra vita e ci impediscono la sacrosanta libertà di movimento (chi ha il coraggio oggi di lasciare i propri figli andare in bicicletta per il quartiere?)
Non fare più nuove strade e quelle che ci sono dividerle equamente tra auto, bus e bici: questo è il progresso.
Ovviamente a tutti e 3 i concittadini deceduti oggi per smog auguro di riposare in pace.
Spero vivamente di aver clamorosamente sbagliato i conti.
Allego qui sotto l'articolo del Corriere con alcuni dati da me citati.
Ciao a tutti
Dott.Ing. Giovanni Gronda 
Milano per molte caratteristiche urbanistiche e ambientali ha una situazione di traffico inquinante e di veleni da riscaldamento affine a quella delle sei città degli Stati Uniti per le quali già nel 1996 l’autorevole rivista medica «American Review for Respiratory Diseases», aveva pubblicato i risultati di uno studio sugli effetti dell'inquinamento atmosferico. La ricerca documentava un aumento del 26% dei casi di asma nelle aree più inquinate. Qualche settimana fa la stessa rivista ha pubblicato i risultati ottenuti controllando la stessa popolazione per tutti questi anni. I morti per tumori polmonari e malattie cardio-vascolari sono risultati direttamente proporzionali ai livelli di particolato fine: tanto più particolato tanti più decessi e viceversa. Altri studi hanno provato un ritardo di sviluppo polmonare nei bambini cresciuti in aree inquinate. Sappiamo poi che l'aspettativa di vita di un uomo che vive in una città molto inquinata è ridotta di un anno e mezzo. Possiamo affermare che ciò che vale per le sei città americane è purtroppo temibile anche per Milano.
Le malattie polmonari sono in crescita ovunque, l'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che nel 2020 ci saranno 4 malattie polmonari nella nefasta «top ten» delle cause di morte nel mondo: bronchite cronica, polmoniti, tumori polmonari e tubercolosi. Sempre l'Oms ha recentemente condotto uno studio su 13 città italiane tra le quali Milano: tra il 2002 e il 2004 gli effetti a lungo termine delle concentrazioni di Pm10 superiori ai 20 microgrammi per metro cubo hanno causato una media annuale di 8.220 morti. Ai quali si aggiungono altri 516 decessi causati dall'ozono.
La diffusione della spirometria consentirebbe una diagnosi precoce di asma e di bronchite cronica, quest'ultima da sola responsabile di 25.000 decessi all'anno nel nostro Paese. La Regione Lombardia discuterà nei prossimi giorni il nuovo piano socio-sanitario 2006-2008. Il Corriere ha recentemente auspicato un'attenta azione di prevenzione e diagnosi precoce delle malattie polmonari. Compito dei medici sarà quello di coadiuvare l'azione delle istituzioni avviando studi che misurino i danni conseguenti all'inquinamento e promuovendo azioni di diagnosi precoce e di sensibilizzazione che possano arginare la crescita esponenziale delle malattie polmonari in particolare a Milano e in Lombardia.
Direttore U.O. di Pneumologia
Ospedale San Giuseppe
sharari@fatebenefratelli

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Oliverio Gentile il Sab, 11/11/2006 - 12:14

dal Sito Web del Ccmune di Milano

http://www.comune.milano.it/webcity/portale/homepage.nsf/vaTuperTu/DSEV-6VERRD

GIUNTA. I PRESIDENTI DEI CONSIGLI DI ZONA IN AUDIZIONE CON SINDACO E ASSESSORI

Dopo gli incontri avuti con il Presidente di Zona 1, Micaela Goren Monti con il Presidente di Zona 2, Luca Lepore e con il Presidente di Zona 3 Pietro Viola, oggi è toccato al Presidente della Zona 4 Paolo Zanichelli.
Da un mese, infatti, con cadenza settimanale, i Presidenti dei Consigli di Zona partecipano, su invito del Sindaco Moratti, alle sedute della giunta comunale.
"Si tratta di un lavoro congiunto, innovativo nel metodo che ha lo scopo di creare un filo diretto e una maggiore sinergia fra la Città, le sue zone e le varie componenti dell’amministrazione cittadina" ha spiegato l'assessore alle Aree cittadine e Consigli di Zona Ombretta Colli presentando la nuova iniziativa di Palazzo Marino.  L'audizione dei Presidenti di Zona è il miglior strumento per conoscere e comprendere le problematiche della Città e consentire una maggiore identificazione dei cittadini con le diverse strutture operative del Comune.

La Giunta Moratti è intenzionata a muoversi nella direzione di un progressivo trasferimento di competenze e di poteri alle nove zone di Milano.

Nel corso dei precedenti incontri tra i Presidenti dei Consigli di Zona e la Giunta, le principali problematiche emerse hanno riguardato, in particolare, richieste per la sorveglianza di strisce pedonali, semafori e delle segnaletiche di stop, con un’attenzione particolare nei confronti dei bambini all’uscita dalle scuole. Una miglior programmazione per la raccolta dei rifiuti e della pulizia notturna delle strade, il riposizionamento di alcune fermate di autobus e tram; un maggiore coinvolgimento nella pianificazione dei parcheggi e il rinnovo dell’arredo urbano, oltre alla riqualificazione e ristrutturazione di piscine, anfiteatri, centri diurni e biblioteche.

Da tempo il Comune ha già avviato un'intensa attività di confronto fra i singoli consigli di zona su alcuni temi di particolare rilevanza per i cittadini, quali il tema della sicurezza nelle periferie, con particolare attenzione alle aree di maggior rischio e degrado e della casa.

"Rimane il problema però - ha concluso Colli - che la Finanziaria varata dal Governo prevede tagli per 2 miliardi e 800 milioni agli enti locali. Dopo l'approvazione definitiva della manovra, vareremo il bilancio del Comune e speriamo di avere la disponibilità economica per dar corso a questo progetto".

Lunedì 13 novembre, alle ore 18, l’assessore Ombretta Colli incontrerà i cittadini della Zona 4 residenti in piazzale Corvetto, piazzale Gabrio Rosa e via Monte Velino per discutere dei problemi legati alla sicurezza e al degrado della zona.

In risposta al messaggio di inserito il
:Info Utente:







Inserito da il Inserito da Filippo Maraffi il Lun, 11/09/2006 - 14:34

Sono Filippo Maraffi, Consigliere di Zona 1 al terzo mandato in Rifodnazione Comunista.
In questa settimana saremo costretti a prendere atto di una nuova viabilità in Largo La Foppa che è semplicemente demenziale.
Chi verrà dalla zona del Monumentale non potrà più raggiungere l'Ufficio di Igiene di Via Statuto ma sarà caostretto ad un lungo giro intasando ulteriormente la via San Marco e la Via Moscova....il tutto non per migliorare la viabilità, ma come scritto nel testo ufficiale, per mettere una telecamera in Via Moscova che multerà chi non rispetterà la nuova viabilità.
Se i cittadini ci danno una mano forse siamo in tempo a non dover "prendere atto" di una delle più insulse decisioni dell'ex-Sindaco, Commissario al Traffico Gabriele Albertini

Sempre disponibile per ogni altro problema
Filippo Maraffi

www.filippomaraffi.it
filippom@tiscali.it

In risposta al messaggio di inserito il
...
4 5 6 7 8 9 10 11 12
RSS feed