.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 74 ospiti collegati
.: Salute: Palmeri e Landi a presentazione indagine Doxa sugli italiani e il fumo
Segnalato da:
Oliverio Gentile - Lunedì, 17 Maggio, 2010 - 14:42
Di cosa si tratta:
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

SALUTE.  PALMERI  E LANDI A PRESENTAZIONE INDAGINE DOXA SUGLI ITALIANI E IL FUMO

Milano,  17  maggio 2010 - Domani, martedì 18 maggio, alle ore 11.00, nella Sala Montanelli del Circolo della Stampa, in corso Venezia 16, il Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri e l’assessore alla Salute  Giampaolo Landi di Chiavenna interverranno alla presentazione della ricerca Doxa  “Io fumo, tu fumi, egli fuma. Quanti italiani fumano ancora?” realizzata  per   l’Istituto  Superiore di Sanità  in collaborazione con la Lega  Italiana per la Lotta contro i Tumori-Sezione provinciale di Milano e l’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri.  Sarà inoltre illustrato un  focus sulle abitudini/motivazioni che inducono al fumo le  donne milanesi.

Partecipano:  Piergiorgio Zuccaro, direttore dell'Osservatorio Fumo Alcol e Droga dell'Istituto Superiore di Sanità; Franca Fossati Bellani, presidente Lega  Italiana per la Lotta contro i Tumori; Eva Negri, ricercatrice presso l'Istituto di Ricerche Farmacologiche  Mario Negri  e  Paolo Colombo, ricercatore dell'Istituto Doxa. Modera la giornalista Francesca Senette.

P.S.

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

Presentata ricerca

Fumo, giovani a rischio

L’assessore Landi e il presidente del Consiglio comunale Palmeri hanno presentato lo studio di Lilt e Istituto Negri che evidenzia un elevato consumo tra le ragazze

Milano, 18 maggio 2010 - Diminuisce il numero degli italiani che fumano, ma a Milano è allarme tra le ragazze. Attualmente in Italia fuma il 21,7% delle persone dai 15 anni in su, corrispondenti a circa 11,1 milioni di italiani, di cui 5,9 milioni uomini e 5,2 milioni donne. La fascia d’età in cui si registra la prevalenza maggiore è quella dei 25-44 anni con il 26,6 %, contro il 21,9% della fascia dei 15-24 anni e il 25,7 di quella dei 45-64 anni.

A Milano fuma oltre una ragazza su 3 (37%) e la fascia d’età prevalente è 15-24 anni (a livello nazionale invece 25-44 e 45-64 anni). Le milanesi che fumano sono il 21% contro il 20% della media nazionale. Sono alcuni dei dati emersi dall’indagine condotta dalla Doxa per conto dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano e l’Istituto Mario Negri. La ricerca è stata presentata a Milano in vista del prossimo 31 maggio, Giornata Mondiale senza Tabacco, indetta sin dal 1988 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. 

“Gli italiani, soprattutto le donne, fumano ancora troppo – ha dichiarato l’assessore alla Salute Giampaolo Landi di Chiavenna – e le milanesi più di tutte. Un problema di cui il mio Assessorato intende farsi carico promuovendo iniziative che si sintonizzino con l’universo femminile. Un intervento mirato, proprio come quello che abbiamo adottato con i giovani. Dopo l’ordinanza che vieta la vendita di alcolici  prima dei sedici anni, siamo passati dai principi punitivi alla premialità, sia per quanto riguarda l’abuso d’alcol sia per il fumo, istituendo dei percorsi a premi per quei giovani che vogliono smettere di fumare e bere in maniera responsabile. Si tratta di un approccio che rappresenta non solo una novità metodologica, ma anche una risposta a dati inquietanti. Basti pensare che chi inizia fumare a 15 anni, e non smette, corre un altissimo rischio di sviluppare un tumore al polmone  molto precocemente, già a soli 40-45 anni”.

“Di fronte al preoccupante aumento del fumo tra i giovani – ha proposto il Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri – accanto alla prevenzione vanno potenziati i controlli sui tabaccai che violano palesemente la legge, vendendo sigarette agli under 16: questo limite c’è ed è chiaro, va quindi rispettato e fatto rispettare. Lo  spirito  non  vuole  essere  repressivo  ma  educativo,  rafforzando la consapevolezza  di  un  problema  che  tocca  la salute dei ragazzi, con il coinvolgimento  di  genitori, locali, negozi e scuole. Vanno sensibilizzate in  particolare le fumatrici, mostrando i danni visibili e invisibili della sigaretta,  quelli  immediati  e  quelli  futuri,  anche  estetici,  perché adottino  comportamenti  sani  e  corretti e aiutino i loro coetanei a fare altrettanto”.

Dove:
Sala Montanelli del Circolo della Stampa, in corso Venezia 16
Quando:
Martedì 18 Maggio - 10:00