.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 59 ospiti collegati
.: Discussione: Masseroli illustra gli interventi al quartiere Adriano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 14 Maggio 2010 - 13:49
accedi per inviare commenti
prende vita un nuovo quartiere... dormitorio!
Le case hanno una forma e dimensione diversa da quelle degli anni '60 e '70, ma purtroppo l'approccio socio-urbanistico è rimasto invariato, fermo a quegli anni: continuano a mancare i servizi pubblici!

Per opportuna riflessione riporto l'articolo pubblicato oggi sul notiziario settimanale ChiamaMilano.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
Facebook: Antonella Fachin
------------------------------------------
MA ‘NDÒ VAI SE I SERVIZI NUN CE L’HAI?
Nuovi alloggi e un nuovo quartiere per la città, ma a mancare sono ancora una volta i servizi

A partire dall’autunno prossimo Milano avrà un nuovo quartiere residenziale in zona Cascina Gobba, sull’area dell’ex Magneti Marelli.
Da settembre le prime famiglie entreranno nei circa duemila alloggi in costruzione al Quartiere Adriano, milleduecento dei quali saranno in edilizia convenzionata.
“Il  quartiere nasce con l'obiettivo di riqualificare  un  pezzo di città offrendo servizi e risposte al fabbisogno abitativo”, ha dichiarato l’Assessore all’Urbanistica Carlo Masseroli. Peccato che i servizi di cui i nuovi abitanti avranno bisogno, come è già successo per il quartiere di Santa Giulia, arriveranno solo più avanti.
“Per vedere il quartiere definitivamente concluso – ha ammesso candidamente l’Assessore - bisognerà aspettare ancora qualche anno”.
Almeno due per il Supermercato, la cui costruzione inizierà a fine 2011, così come per la scuola media. I nuovi bambini dovranno fare come quelli che già vivono nel quartiere: andare alla scuola di Piazza Udine o a Loreto.
“Eppure una soluzione ci sarebbe stata –spiega Andrea Fanzago, consigliere comunale del Pd–. Proprio lì vicino c’è il Centro di formazione Achille Grandi, che la Regione Lombardia ha ottenuto nel 2008 dalla Provincia, nonostante mesi prima il Comune avesse chiesto lo stabile per costruirvi la scuola. Poi è cambiata la Giunta comunale e Formigoni ha chiesto al nuovo Sindaco 8 milioni di euro, cifra considerata poco vantaggiosa dall’Amministrazione. Tra l’altro secondo i tecnici del Comune pare che la scuola si voglia realizzare al posto del centro sportivo previsto in costruzione. Questo allungherebbe l’iter dei lavori, perché bisognerebbe prima procedere con la delibera per il cambio di destinazione d’uso”.
Nella zona mancano anche l’asilo nido e la scuola materna, che dovrebbero essere pronti tra circa due anni.
Ma i problemi riguardano anche la mobilità del quartiere già abitato da circa 11 mila abitanti: da anni aspettano l’interramento dell’elettrodotto e il prolungamento della metrotranvia dall’attuale capolinea di via Anassagora fino a Cascina Gobba. Anche quelli, assicura l’Amministrazione, arriveranno nei prossimi anni insieme alla realizzazione della strada interquartiere.
L’ultimo punto interrogativo riguarda il progetto di due nuove torri residenziali: se dei duemila nuovi alloggi centinaia sono ancora invenduti, a che serve costruirne altri?
“L’inaugurazione dell’Assessore Masseroli –conclude Fanzago–più che altro mi è sembrata un grosso spot”.

Giulia Cusumano
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 12 Maggio 2010 - 15:41
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]