.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Discussione: Per incrementare l'uso della bicicletta...basta un pò di buon senso

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 25 Maggio 2010 - 14:54
accedi per inviare commenti

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

MOBILITÀ CICLABILE IBRIDA. PRESENTATA ALL’ASSESSORE MASSARI LA BICI CON PEDALATA ASSISTITA PROGETTATA AL MIT DI BOSTON

Milano, 25 maggio 2010 – Una bicicletta assolutamente innovativa, progettata oltreoceano in uno dei templi mondiali della ricerca scientifica e tecnologica, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, è stata presentata oggi all’assessore all’Ambiente Paolo Massari.

La bici è giunta nel cortile del Palazzo del Capitano smontata, contenuta in una borsa portata a spalla da uno dei suoi “creatori”, il dott. Michael Chia-Liang Lin, il quale in pochissimo tempo l’ha estratta e assemblata. 

Molto leggera, anche nella semplicità della linea, la bici utilizza batterie di ultima generazione che si ricaricano in 90 minuti, contro le 2/3 ore necessarie per le bici elettriche attualmente sul mercato. La loro durata di vita è di 1500 ricariche, rispetto alle 600 circa di quelle montate sulle altre bici, e il costo di una ricarica è di soli 3 centesimi. 

Il segreto del mezzo sta nella ruota posteriore che, all'interno del mozzo, contiene l'intero sistema: batterie, motore e sistema di controllo. Per questo la bici ha preso il nome di Green Weel, cioè ruota verde.

Diverse le modalità d'uso impostabili dal ‘pc di bordo’, collocato tramite un supporto sul manubrio della bici e connesso alla ruota via Bluetooth; e molte anche le funzionalità del piccolo computer che può calcolare, ad esempio, la distanza percorsa, la quantità di Co2 risparmiata utilizzando la bici invece dell’auto sulla medesima distanza, la velocità e le calorie consumate. 

Il professor Federico Casalegno - direttore del Mobile Experience Lab del MIT e co-protagonista del progetto con lo Smart Cities group diretto da Bill Mi tchell, MIT Media Lab, che ha realizzato la Green Weel -  ha spiegato che si sta pensando di aggiungere alle varie funzionalità presenti anche un sistema GPS (Global Position System), grazie al quale, oltre che fornire dati per scopi statistici e informativi, si potranno anche evitare utilizzi ‘indesiderati’ e si riuscirà a recuperare facilmente il mezzo in caso di furto. Inoltre, in una prossima versione della GreenWeel, le ricariche di elettricità successive alla prima saranno effettuate semplicemente recuperando l'energia cinetica sviluppata frenando o viaggiando in discesa.

Entro la fine dell’estate ne saranno prodotti e certificati 400 esemplari. 

“Stiamo studiando insieme modalità e forme di collaborazione per la sperimentazione di questo straordinario mezzo nella nostra città – ha dichiarato l’assessore Massari, che ha voluto testare la bici su strada –. La diffusione e l’utilizzo della GreenWeel, che ha più di 35 km di autonomia elettrica e dunque risponde a qualunque esigenza di spostamento all’interno dei confini di Milano, avvicinerebbe di molto il raggiungimento dell’obiettivo che ci siamo dati: quello di una mobilità intelligente e veramente sostenibile”.

Il sito del progetto MIT: http://mobile.mit.edu/greenwheel

nella foto da sx: il dott. Michael Chia-Liang Lin, l'assessore Paolo Massari e il prof. Federico Casalegno

Allegato Descrizione Punteggio
Bici elettrica 0255.jpg
633.37 KB
0
Vota l'allegato
In risposta al messaggio di Fedora Ramondino inserito il 4 Maggio 2010 - 09:28
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]