.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 110 ospiti collegati
.: Discussione: Il Comune di Milano sembra intenzionato a rinunciare alla Difesa Civica a Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 24 Feb 2010 - 16:24
accedi per inviare commenti
Dalla pagina Facebook "Salviamo il Difensore Civico metropolitano", segnalo/riporto:

COMUNICATO STAMPA - CONCLUSO IL PROCESSO GOOGLE

Barbetta: le persone con disabilità possono contare sulla presenza del difensore civico nel processo.

Milano, 24 febbraio 2010 – Riconosciuti colpevoli per violazione della privacy. Sentenza di assoluzione dei dirigenti Google nel processo che li vedeva imputati per diffamazione. Il Difensore civico del Comune di Milano era stato ammesso dal giudice parte civile, come la legge n. 104/1992 prevede, con riferimento al solo reato di diffamazione, formulando anche richiesta di risarcimento danni.

“Il riconoscimento di un risarcimento – commenta Alessandro Barbetta Difensore civico per la città di Milano – è un effetto eventuale derivante da una sentenza di colpevolezza. Il Difensore civico non tifa né per sentenza di colpevolezza né per sentenza di assoluzione. Riconosce comunque giusta la sentenza emessa dal giudice. Rimane l’interesse a conoscere le motivazioni.
Il nostro obiettivo è di assicurare alle persone con disabilità la presenza nel processo come parte civile per tutelare l’interesse pubblico a che sia rispettata la loro dignità di persone. Il riconoscimento di un risarcimento è solo un effetto eventuale e conseguente.

Il punto importante per le persone con disabilità è che il giudice ha ammesso la difesa civica come parte civile. E’ un precedente fondamentale che deve essere diffusamente conosciuto nel mondo della disabilità e ben ricordato in quello della giustizia, magistratura e avvocatura. E’ un fatto che si armonizza bene con la “Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità” ratificata un anno fa dal Parlamento italiano.

Continueremo su questa strada sia perché la legge lo prevede sia perché la nostra convinta coscienza lo suggerisce”.
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 11 Gen 2010 - 16:58
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]