.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 26 ospiti collegati
.: Discussione: Per la costituzione di un circolo "Decrescita Felice" a MILANO

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Fabio Cremascoli

:Info Messaggio:
Punteggio: 10
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Fabio Cremascoli il 14 Dic 2009 - 21:30
accedi per inviare commenti
Ciao Raffaele.

Penso che le tue osservazioni siano sacrosante. Ovviamente ogni nuovo progetto o iniziativa che si basa sul “ritorno di comunità” è più facile in alcuni contesti (città piccole, quartieri coesi) e meno in altri (metropoli, quartieri conflittuali). Rispetto al passato oggi ci sono problematiche emergenziali dal punto di vista ambientale ed economico, per cui è necessario ricercare delle soluzioni che possano essere attuate dai singoli, nell’ambito di reti sociali, più che basarsi su azioni strutturali e normative, che arrivano sempre dopo, ahimè.

Forse è vero che, per l’intento utopico del progetto della decrescita, siamo un po’ “figli dei fiori”, ma è anche vero che siamo anche molto meno ideologici e consapevoli che la pace e l’amore non bastino se non c’è da parte di tutti un impegno concreto fatto di piccoli passi quotidiani.

Non penso che farsi il pane o lo yogurt in casa per l'uso domestico sia un illecito... Lo scopo infatti non è il lucro, bensì la riappropriazione delle competenze di sussistenza ormai perdute: usiamo il computer, ma non sappiamo più piantare un albero...

In ogni modo grazie per la tua opinione e per la tua approvazione del progetto.

Cari saluti, fabio

In risposta al messaggio di Raffaele Mazzariello inserito il 14 Dic 2009 - 16:06
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]