.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 37 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 22 Dic 2009 - 13:15
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Da milano.corriere.it:

«esonerare le auto senza filtro antiparticolato». Il Pd: questione ambientale in consiglio

«Ecopass? Gli Euro 4 diesel non pagano per un anno»

La trattativa con il Pdl. «Ma ad aprile si deciderà se annullare definitivamente la proroga»


MILANO - Arriva la mediazione su Ecopass. Il ticket d’ingresso verrà prorogato di un anno. E fin qui nulla di nuovo. Ma, e questa è la novità, anche la deroga per gli Euro 4 diesel senza filtri anti-particolato verrà prorogata di un anno, salvo verificare alla fine di aprile se eliminarla o continuare fino al 31 dicembre 2010. Giornata dedicata all’Ecopass. Dopo gli strappi e la rivolta dei consiglieri di maggioranza, arriva l’ora della trattativa. Si riunisce il direttivo del Pdl. Assente il coordinatore cittadino, Luigi Casero, costretto a casa per un infortunio (che comunque che si è tenuto in contatto via telefono con il gruppo). Presente il vicesindaco Riccardo De Corato che ha ascoltato le richieste del direttivo del Pdl capitanato da Giulio Gallera e Carlo Fidanza. La prima: «Chiediamo un maggiore coinvolgimento nelle scelte strategiche per la città — attacca Gallera —. Dalle moschee, al commercio, al traffico a Ecopass, il gruppo è stato ignorato. Chiediamo ufficialmente al partito di coinvolgerci nelle scelte fondamentali per la città». Richiesta accolta: «Abbiamo sempre tenuto conto del gruppo— attacca Casero —. Forse c’è stato un malinteso. L’ascolto esiste da sempre e sarà ancora più frequente e più fruttuoso. Tanto che per la decisione finale su Ecopass ci rivedremo con il gruppo ad aprile».

Ad aprile si terrà infatti una giornata di lavoro («un seminario») proprio sul tema della pollution charge. Sarà l’occasione, insieme al sindaco e alla giunta per decidere il destino finale di Ecopass: proseguire nella sperimentazione, trasformarlo in congestion charge, eliminarlo. Ma anche capire se gli Euro 4 diesel senza Fap dovranno pagare il ticket o meno. È la richiesta avanzata dal gruppo del Pdl: «Se bisogna continuare con Ecopass— continua Gallera — si deve continuare come si è iniziato: con la deroga per gli Euro 4 diesel senza Fap. Anche perché nulla è cambiato. I filtri non sono ancora disponibili. E quindi chiediamo che gli Euro 4 non paghino il ticket fino alla fine del 2010. Siamo fiduciosi». «Ne ho preso atto — replica il vicesindaco, Riccardo De Corato —. Domani decideremo con il sindaco e con la giunta». Risposta prudente. Ma l’orientamento del sindaco Moratti e della giunta sembra preciso e segna il punto della mediazione possibile. Si proroga di un anno l’Ecopass e la deroga degli Euro 4 diesel senza Fap. Questo sarà il contenuto della delibera (o delle delibere) che domani arriveranno in giunta.

Ma ad aprile si rifarà il punto. Solo allora si deciderà se far pagare anche gli Euro 4 diesel o mantenere la proroga per tutto l’anno. Una decisione che dovrebbe riportare calma e serenità tra giunta e maggioranza e far seppellire l’ascia di guerra. «È quello che abbiamo chiesto— attacca il vicecapogruppo del Pdl, Carlo Fidanza —. Il mantenimento delle deroghe per gli Euro 4 diesel non vuole dire essere il partito degli automobilisti. Non vogliamo penalizzare chi, non per propria scelta, non può installare i filtri antiparticolato». Ma in Consiglio non si spegne la polemica. Il Pd va all'attacco con il capogruppo Pierfrancesco Majorino: «Non può essere la giunta a decidere. Se ne discuta in Consiglio». Stessa dichiarazione di Basilio Rizzo: «Non può essere una delibera di giunta. Ci chiediamo quando verrà interessato il Consiglio comunale».

Ultimo appunto. Le scintille tra Gallera e il neoassessore all’Ambiente, Paolo Massari, sulle conoscenze dell’assessore in materia di inquinamento. attiva» nell’adottare misure di mobilità alternativa: nei 23 centri dove è presente il bike sharing, il capoluogo lombardo è quello con il maggior numero di biciclette (1.400), contro le 150 di Roma e le 130 di Siracusa. Anche il car sharing ha fatto registrare un aumento del 15,14 per cento rispetto a un anno fa, con 4.097 utenti. «La nostra città— aggiunge De Corato — si sta distinguendo per l’impegno nei confronti dell’ambiente. Lo dimostrano i lavori per le due nuove linee metropolitane, il prolungamento della rete esistente, il potenziamento del trasporto pubblico, il bike sharing, l’Ecopas e il car sharing».

22 dicembre 2009

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 21 Dic 2009 - 16:02
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]