.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 31 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Lucio Chiappetti

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Lucio Chiappetti il 3 Dic 2009 - 15:14
accedi per inviare commenti

"A milano non avere l'auto e' un problema perche' i mezzi sono poco frequenti, perche' fuori degli orari di punta diventano ancora piu' rari, perche' la rete metropolitana fa ridere, perche' i taxi costano come delle limousine, perche' il trasporto ferroviario fa pena."

Sinceramente, pur concordando parzialmente con alcune delle affermazioni di cui sopra, alcune mi paiono esagerate, e soprattutto non condivido la conclusione che " A milano non avere l'auto e' un problema ". Ho vissuto una cinquantina d'anni a Milano (piu' un paio scarsi in Inghilterra e un paio abbondanti in Germania) e mi sono sempre spostato solo con i mezzi nelle citta'. Ovunque, anche a Milano. Per lavoro e per diporto (pensate che a volte andiamo a farci un giro in tram tanto per fare un giro).

E' vero che la rete metropolitana e' storicamente piu' ridotta che in molte altre citta' ... ma non la si costruisce da un giorno con l'altro. Ma dove c'e' funziona (o funzionava, prima del recente calo di attenzione alla manutenzione).

E' vero che il servizio ferroviario urbano e suburbano non e' confrontabile con S-Bahn e RER (e qui, a parte gli investimenti strutturali a lungo termine, forse ci sarebbero miglioramenti organizzativi possibili quasi a costo zero)

E' verissimo che i taxi costano cari (pero' se ci fosse meno traffico, potrebbero andare piu' veloci, fare piu' corse e quindi guadagnare lo stesso o di piu' con tariffe ridotte).

Non vedo invece (salvo gli orari del tutto marginali tipo la sera) questa scarsa frequenza dei mezzi (almeno in termini di orari tabellari), anche confrontata con altri paesi (in Germania stavo in una citta' di 130mila abitanti dove l'intervallo tipico tra le corse di bus e tram era 15 minuti). Quello che osservo e' semmai che gli orari reali sono erratici rispetto a quelli tabellari (a causa del traffico auto) e i tempi di percorrenza possono essere lenti (ma sempre a causa della mancanza della semaforizzazione asservita e soprattutto del traffico).

Quindi a essere un problema e' il numero eccessivo di auto ! 

In risposta al messaggio di Alberto Liati inserito il 26 Nov 2009 - 12:11
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]