.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 31 ospiti collegati
.: Discussione: Consiglio comunale straordinario su Ecopass: portiamo la voce dei cittadini a Palazzo Marino?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 16 Nov 2009 - 10:28
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Il Pd: città allo sbando. Letizia non si ricandidi

Ecopass e ambiente: fuori Croci

In giunta Massari. La Moratti: un solo assessore per smog e pulizia. Il ticket? Dipenderà dai cittadini

MILANO - Era successo a Vittorio Sgar­bi. Licenziato nel giorno del suo compleanno. È successo lo stesso a Edoardo Croci, padre di Ecopass. Ieri, nel giorno del suo quarantottesimo genetlia­co, ha ricevuto in regalo l’addio ufficiale dalla giunta. Firmato Letizia Moratti. Al suo posto ar­riverà il consigliere del Pdl, Pao­lo Massari. Ma il coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa ag­giunge una postilla: «Ci vuole un superassessorato all’Am­biente. Come abbiamo creato la delega alla fluidificazione del traffico, dovrà essere creata una nuova delega per la pulizia della città e dei muri». Una sor­ta di «commissariamento» del­l’Amsa dopo le polemiche sulla Milano sporca. «Ringrazio l’assessore Croci per il preziosissimo lavoro che ha svolto - attacca il sindaco in visita al Castello - Croci ha por­tato a conclusione le priorità che gli erano state affidate con il finanziamento dei metrò da parte del Cipe. E ho deciso, con lo stesso Croci, di valorizzare le sue competenze tecniche in un’altra posizione che sarà de­terminata di comune accordo».

La replica di Croci è da gran si­gnore: «Il mio obiettivo non è il posto ma i risultati». Il sindaco insiste su un pun­to. La decisione è stata tutta sua. Nessuna pressione dai par­titi. Esclude che l’addio di Croci abbia a che fare con il suo pros­simo «sbarco» nel Pdl. «Non c'è nessuna attinenza. Ho fatto una valutazione in relazione all' importanza di lavorare su un rapporto diretto con la città, avendo concluso le grandi prio­rità strategiche. È una scelta che ho preso da sola». Insom­ma, «nuovo corso» e una nuo­va priorità: il rapporto più stret­to con la città. Ha individuato in Massari la persona giusta. «Per continuare a valorizzare il consiglio comunale in particola­re una persona che è alla terza legislatura e quindi ha un rap­porto molto intenso e diretto con la città: cosa per noi molto importante». Probabilmente, come sottolinea la stessa Morat­ti, con qualche delega in più ri­spetto alle ultime di Croci. Ma nel gruppo del Pdl sono già scoppiati i primi mal di pancia e i risultati si vedranno sicura­mente quando si tratterà di vo­tare il Pgt. Da parte sua, Massa­ri annuncia: «Il ruolo dell'asses­sore all'Ambiente è uno: tenere pulita Milano sia per quanto ri­guarda l'aria che la terra. Su questo mi impegno nel prossi­mo anno e mezzo a lavorare. La città deve essere pulita dallo smog, dall'immondizia e dall'in­quinamento acustico».

Durissimo il giudizio dell’op­posizione. A partire dal Verde, Enrico Fedrighini, gran sosteni­tore di Ecopass: «Questo atto rappresenta le dimissioni della Moratti da sindaco civico di Mi­lano. L'aria che respirano i mila­nesi torna ad essere una que­stione irrilevante rispetto agli interessi dei commercianti, alle lobby dei parcheggi in project financing, ai promoter del tun­nel Linate-Expo. Ora davvero la Moratti assomiglia al suo prede­cessore Albertini». E annuncia una manifestazione pubblica in­sieme al consigliere Carlo Mon­talbetti davanti a Palazzo Mari­no il 26 novembre, in occasio­ne del Consiglio straordinario sul traffico. Ancora più duro il capogruppo del Pd, Pierfrance­sco Majorino: «È la triste para­bola di un sindaco che partiva fuori dagli schemi ed è diventa­ta semplicemente un esponen­te del Pdl con tanti guai nella ge­stione della città. A questo pun­to mi chiedo se non sia meglio che Moratti ci pensi su seria­mente se ricandidarsi nel 2011». La replica arriva dal vicepresi­dente della Camera, Maurizio Lupi: «Il cambio di passo che porta a raccogliere il lavoro svol­to in questi anni è fondamenta­le. E noi stiamo mettendo a frut­to il lavoro degli ultimi 4 anni».

Maurizio Giannattasio
16 novembre 2009
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 15 Nov 2009 - 22:17
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]