.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 6 ospiti collegati
.: Discussione: Circa i Rom al Rubattino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 13 Set 2010 - 00:14
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Per opportuna informazione e riflessione.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Lista civica "Uniti con Dario Fo per Milano"
Facebook: Antonella Fachin
--------------------------------

Famiglia Cristiana
http://www.famigliacristiana.it/Informazione/News/articolo/lo-sgombero-degli-innocenti.aspx

Lo sgombero degli innocenti

C'erano 29 bambini pronti per andare a scuola il giorno dell'operazione di "bonifica" del campo
di via Rubattino. Ora non si sa che fine faranno. (di Stefano Pasta)
09/09/2010 

Un momento dello sgombero del cavalcavia della Tangenziale Est. Alle 7 di mattina di martedì 7
settembre, polizia e carabinieri hanno sgomberato la baraccopoli dell’area ex Innocenti di via
Rubattino, nella zona Est di Milano. Qui vivevano circa 200 rom rumeni in tende e piccole
baracche; il 13 settembre, 29 bambini avrebbero ripreso a frequentare le scuole del quartiere. Accanto
alla povertà materiale, descritta chiaramente dalla speranza di vita di 45-50 anni per chi nasce nei
campi, la precarietà è la difficoltà maggiore nei campi abusivi: ogni giorno ci si addormenta
chiedendosi se al mattino successivo arriveranno le ruspe. L’ex Innocenti è una delle tante
fabbriche abbandonate della periferia nord-ovest di Milano: nel 1996, nell’ambito del Piano di
Riqualificazione Urbana (PRU Rubattino), il Comune ne ha approvata la ristrutturazione, finora
mai eseguita. Così l’area è diventata uno dei luoghi delle periferie milanesi ciclicamente sgomberati
e rioccupati: nella sola via Rubattino, 14 sgomberi in due anni.

Lo sgombero era stato ripetutamente annunciato. Le famiglie, che in alcuni casi hanno subito
fino a nove sgomberi in dieci mesi, hanno scelto cosa salvare dei propri beni e, dopo mezz’ora, è
iniziata la demolizione delle baracche. Solo per donne e minori i servizi sociali hanno offerto
l’accoglienza nei dormitori per alcuni giorni; in 25 hanno accettato, ma la maggior parte ha
preferito non perdere, in un momento così difficile, l’unità della famiglia. Per proteggersi
dalla pioggia, i rom si sono rifugiati sotto i piloni della vicina tangenziale, da cui sono stati poi
allontanati nel primo pomeriggio. Le forze dell'ordine, che hanno pattugliato il quartiere fino
al giorno successivo, ha seguito i rom, allontanandoli ripetutamente per evitare che rimanessero
nella zona. Molte famiglie hanno passato la notte all’addiaccio, nelle piazze e sulle panchine di
Milano.

Presto si sposteranno e creeranno nuovi insediamenti precari. Proprio per questo, la Comunità
di Sant’Egidio, che insieme ai Padri Somaschi-Segnavia segue da anni queste famiglie, ricorda:
“Gli sgomberi, pur costando molto denaro pubblico, non servono a smantellare veramente i campi rom.
Solo investendo seriamente nell’inserimento lavorativo e abitativo di questi nuclei è possibile
superare la presenza di baraccopoli”. La sgombero del 7 settembre vede protagonista un’altra presenza
importante. Nonostante la data non fosse sicura, già dalle 6 di mattina, varie decine di
insegnanti, genitori dei compagni di classe e cittadini erano arrivati al campo; durante il
resto della mattinata, molti altri milanesi arriveranno per offrire aiuto alle famiglie. Alcuni
accompagneranno i rom negli spostamenti, altri porteranno cibo, coperte e tende alla sera. Una
famiglia decide di ospitare il compagno di classe del figlio con i genitori e i fratelli; una
maestra accompagna per la notte due famiglie presso la propria parrocchia.

Tutta questa mobilitazione dimostra come la scuola sia il primo luogo di integrazione per le
famiglie rom. Sempre di più, negli ultimi mesi, tanti incontri personali hanno cambiato la
percezione: i rom non sono più una categoria, ma “il compagno di classe di mio figlio”, “il mio
alunno”, volti con un nome e storie, relazioni e sofferenze. Proprio per salvaguardare questi
percorsi, il giorno successivo, durante l’inaugurazione dell’Anno Pastorale 2010-11 della
Diocesi, l’Arcivescovo di Milano, Dionigi Tettamanzi, ha detto che ai bambini rom di via Rubattino “deve
essere garantita la possibilità di cominciare regolarmente l’anno scolastico.” La sera dell’8
settembre, un gruppo di famiglie provenienti dall’ex Innocenti, tra cui un bambino di nove
giorni, è stato nuovamente allontanato.

Daniel, un papà, chiedeva: “E ora come facciamo per la scuola di Marius?” La risposta si trova
nel comunicato di Domenico Protti, presidente dell’Associazione Genitori della scuola di
Marius:
“Come nel novembre dell’anno scorso, come papà e mamme dei compagni di classe di questi bambini
eravamo presenti allo sgombero. Con noi le maestre dei nostri figli. Qualcosa è cambiato: si è
creata una rete di solidarietà, di affetto, di contatti che con le proprie sole forze è riuscita
a dare qualche speranza a qualcuna di queste famiglie. Sarà difficile, ma sono convinto che
qualcosa cambierà ancora. Le maestre cercheranno ancora i propri alunni e i nostri figli inviteranno i
loro compagni di classe ad una festa.”  

Stefano Pasta
In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 9 Set 2010 - 23:13
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]