.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 120 ospiti collegati
.: Discussione: Circa i Rom al Rubattino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 8 Dic 2009 - 10:11
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Per opportuna informazione pubblico il messaggio di Dijana Pavlovic, vicepresidente della federazione Rom e Sinti insieme.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
-------------------------------------------
Dichiarazione di Dijana Pavlovic,
vicepresidente della Federazione Rom e Sinti insieme

Moratti e De Corato tra uno sgombero e l'altro delle comunità rom di Milano applaudono Carmen, la bella zingara, libera e affascinante

Il 7 dicembre, festa di Milano e della Scala, anche quest'anno si svolge all'insegna dell'ipocrisia e dell'insulto ai più deboli. La giunta si gloria delle spese sostenute per le festività ostentando un lusso inutile – l'albero illuminato più alto del mondo - che stride crudelmente contro la condizione di miseria di migliaia di famiglie milanesi che non trovano nel Comune nessun sostegno. Soprattutto nei confronti dei più deboli tra i deboli, i Rom, si pratica una crudeltà feroce perché esercitata nei confronti di chi non ha null'altro che la propria debolezza. Almeno pochi anni fa agli ultimi era permesso di partecipare alle feste: alle cooperative rom erano affidati gli appalti per l'illuminazione natalizia, ma questa giunta ha deciso di togliergli questo "privilegio", lasciando senza lavoro e senza reddito queste famiglie.
Oggi quello che mi colpisce è l'ipocrisia di Moratti e De Corato, che stasera, insieme alle pellicce e allo sfarzo della Milano opulenta e cieca, applaudiranno Carmen, la zingara libera e affascinante, stereotipo romantico che tanto piace, dimenticando per un attimo l'ultimo sgombero di pochi giorni fa che ha sradicato 40 famiglie e i loro bambini che erano riusciti a cominciare un percorso di integrazione frequentando le scuole, ma già preparandosi al prossimo che andrà ad arricchire il record di De Corato, che si vanta del più grande numero di sgomberi mai praticato.
Di fronte a tutto questo io sono grata alle parole del cardinale Tettamanzi nel suo discorso alla città:La risposta della Città e delle Istituzioni alla presenza dei rom non può essere l'azione di forza, senza alternative e prospettive, senza finalità costruttive. La Chiesa di Milano, il volontariato e altre forze positive della Città hanno dimostrato, e rinnovano, la propria disponibilità per costruire un percorso di integrazione. Non possiamo, per il bene di tutta la Città, assumerci la responsabilità di distruggere ogni volta la tela del dialogo e dell'accoglienza nella legalità che pazientemente alcuni vogliono tessere. Ma mi domando: queste parole saranno in grado di attraversare l'ipocrisia e la crudeltà di questa giunta?
Dijana Pavlovic, vicepresidente della Federazione Rom e Sinti insieme
In risposta al messaggio di Alberto Farina inserito il 6 Dic 2009 - 19:37
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]