.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 49 ospiti collegati
.: Discussione: Ristorazione a Milano .

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Cittadino Anonimizzato a posteriori

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Cittadino Anonimizzato a posteriori il 7 Ago 2009 - 02:43
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Mi piace molto il fatto che a Milano sono presenti molti ristoranti rosticcerie e alimentari da mezzo mondo , però noto anche molte mancanze . In breve  , vorrei che TUTTE le cucine della terra fossero presenti in città e in Lombardia  , e noto l ' assenza per esempio di ristoranti ungheresi , cechi , rumeni , bulgari , russi , scandinavi , francesi , polacchi , baltici , della ex jugoslavia , tedeschi ( a parte qualche birreria ) , canadesi , sudafricani , austriaci , iracheni , albanesi , cambogiani , vietnamiti , olandesi , irlandesi , britannici , tibetani , senegalesi , nigeriani , keniani , boliviani , portoghesi , giordani , afgani , ecc ... e sopratutto di ristoranti lombardi e del nord Italia  , come valtellinesi , trentini , friulani , valdaostani , ecc...
Oppure ce ne sono di tutti questi e non me sono ancora accorto ?
E poi anche i ristoranti vegani mi pare scarseggino . Mi pare di aver letto qualche pubblicità al proposito ma non ricordo di averne visto uno in città . Penso che mangiare prodotti che non abbiano comportato la sofferenza e l ' uccisione di altre creature viventi sia una cosa ottima e salutare  ( senza cadere in quello che secondo me è un delirio montato ad arte per confondere le acque  , cioè che anche gli alberi da frutto soffrono per la raccolta dei frutti , il grano per la trebbiatura , le verdure per la raccolta , ecc...  certo che se un frutto viene strappato con sgarbo anzichè essere colto o raccolto appena caduto ... ) se non per il corpo almeno per lo spirito , cosa che dovrebbe essere più importante , però io stesso ho apprezzato in più occasioni cotolette polpette bistecche goulash salumi prosciutti carpacci ecc...  , quindi mi auguro che si giunga al più presto alla pratica universale di usare gli animali per gli scopi umani solo dopo la loro morte NATURALE  , cosa che penso sia assolutamente possibile ( anche nel caso dei pesci )  , salutare e doverosa . Pazienza se si dovrà rinunciare all  ' agnello pasquale  al vitello e ad altre " specialità " ottenute uccidendo giovani animali ! Non vorrei sbilanciarmi troppo  , ma mi lancio ad immaginare che se fossimo capaci di rispettare tutte le altre forme di vita , migliorerebbero moltissimo anche le nostre condizioni di benessere  , di felicità personale e di armonia e pace sociale e planetaria .
Importante anche sviluppare la filiera corta  - i cosidetti km. "zero" - senza però ostinarsi a voler difendere l  'attuale sistema agricolo ed alimentare che mi pare necessiti di decisivi miglioramenti :  non sono mai stato un appassionato del parco agricolo sud - salvo le abbazie le roggie ed alcune cascine - che preferirei nettamente che venga in parte riforestato e in parte edificato e popolato con intelligenza , secondo i migliori standard ecologici ,  con un disegno armonioso e con collegamenti sopratutto su ferro , piste ciclabili protette , ecc... Piuttosto mi piacerebbe che si facilitasse e si diffondesse la pratica degli orti urbani , sia in giardini privati per chi ne dispone , che su balconi e in terreni liberi di proprietà pubblica . Gli spazi sottratti all ' agricoltura potrebbero essere recuperati anche con i grattacieli agricoli , di cui vi sono esempi in www.verticalfarm.com , e in www.genitronsviluppo.com ( il primo in inglese , il secondo in italiano ) . Inoltre un bel rimboschimento permetterebbe anche di disporre di frutti di bosco , miele , castagne  , funghi ( anche se i 35 e più gradi in estate in pianura padana mi fanno sorgere qualche dubbio .. tuttalpiù verrebbero dei boschi e dei relativi prodotti alimentari adatti al clima continentale padano con inverni freddi ed estati calde .. anche se un buon rimboschimento potrebbe favorire il calo delle temperature estive , se fosse fatto a livello globale  )  .  Penso che tutto ciò possa rientrare nel primo tema dell ' expo " nutrire il pianeta " , favorendo a Milano l ' attività imprenditoriale di molti immigrati non italiani che potrebbero dedicarsi alla ristorazione di qualità ( e non penso solo a cose elaborate "ricercate" e alla moda )  , così come anche di valtellinesi , alto atesini , insubri , bergamaschi , bresciani  , veneti , molisani , abruzzesi , ecc... . Ma ricordiamoci anche del secondo tema - last but not least - " energia per la vita " ( solare , eolico , ecc... se ne parla un pò anche in www.genitronsviluppo.com  ) .