.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 77 ospiti collegati
.: Discussione: Manifesto per Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Cittadino Anonimizzato a posteriori

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Cittadino Anonimizzato a posteriori il 24 Maggio 2010 - 16:13
accedi per inviare commenti

Alcune precisazioni .

Inizio con considerazioni un pò " filosofiche"  parlando di " competitività " , e poi torno sul turismo e sul territorio  . Spesso si sente anche dire  che la competitività  , per esempio tra aziende , darebbe luogo a prodotti migliori con vantaggi per i consumatori : secondo me prodotti davvero migliori sotto tutti i punti di vista si otterrebbero  invece con un approccio diverso , che è appunto quello della collaborazione tra singoli gruppi associazioni aziende stati ecc ...  Non proseguo nell ' analisi della competitività e della collaborazione perchè non saprei sinceramente che aggiungere . Quello che ho già detto mi sembra buon senso , non desiderio di industrie di stato e libero mercato vietato  . La proprietà privata - tranne che nel caso di monopoli o oligopoli insostenibili che per esempio nel periodo del socialismo reale ( Urss , ecc... ) di fatto pare che fossero rappresentati dagli apparati di regime escludendo molti cittadini e forse premiando i peggiori - credo che sia una buona cosa , e oggi penso che nemmeno il più accanito anarco-comunista del mondo vorrebbe abolirla tout court , anzi non solo penso che sia una buona cosa ma forse anche indispensabile  vista la complessità della maggior parte delle società umane odierne in cui sembra praticamente impossibile vivere di totale fiducia incondizionata verso tutti ,  e da molti me compreso probabilmente non è nemmeno desiderato vivere in una specie di comune universale in cui si divide e si condivide tutto con tutti sempre e comunque . Sarebbe interessante capire se un giorno l ' umanità saprà fare a meno di serrature lucchetti chiavi e chiavistelli vari cassette di sicurezza codici segreti passwords blindature varie cancellate ecc ... dal livello del microproprietario a quello del grande magnate : forse quel giorno allora tutti gli esseri umani avranno naturalmente il desiderio di condividere tutto con tutti , facilmente e senza problemi , non ci sarà chi si approfitterà , non ci saranno abusi personali di nessun tipo , furti , violenze , guerre , ecc... insomma , un altra dimensione , un altra vita , chissà quanto lontana nel tempo ( a meno che qualcuno non voglia sperimentare presto qualcosa di simile in qualche piccola comunità utopistica , o anche in qualche piccolo villaggio di campagna semi sconosciuto  , dove almeno fino a qualche anno fa le persone non chiudevano mai a chiave la porta di casa , sempre che poi non abbia magari sorprese un pò amare ) .

E tornando a Milano , e al turismo , penso che andrebbe valorizzato molto di più il territorio , non solo le solite aree centrali e famose , ma forse anche di più quelle più degradate e quelle più periferiche e abbandonate . Digressione : a me piacciono i grattacieli in genere e i nuovi grattacieli a Milano , tutti o quasi compreso il nuovo palazzo della regione anche se l ' avrei fatto da qualche altra parte per salvare e riqualificare il bosco di Gioia , city-life l ' avrei fatta senza le residenze ma con solo le tre o quattro torri più alte , ecc... dunque mi piacciono i grattacieli però : come non avere il sospetto  che qui a Milano come un pò ovunque nel mondo per ogni palazzo di una certa importanza che sorge da qualche parte vicino o lontano qualcos ' altro sfiorisce se non muore ? Come non avere il sospetto viste anche le note vicende di politica internazionale , che in un modo o in un altro i nuovi e per me molto belli futuri grattacieli milanesi non siano almeno in parte macchiati di sangue iracheno afgano di militari italiani e via dicendo ?  Io anche se non ho al momento disponibili per me stesso prove che categoricamente così non è , spero e tutto sommato penso che non sia ipotizzabile nonostante la quasi simultaneità cronologica delle due cose ( guerre e grattacieli ) e nonostante altri ragionamenti che si possono fare , che queste siano correlate , o che comunque lo siano in senso negativo .  Tutto sommato penso che i nuovi grattacieli - diversamente da un certo numero di altri manufatti edili sparsi per la città e per l ' hinterland : quelli sì mi piacerebbe che Adriano Celentano o qualcun altro si prendesse la briga di valutare se abbattere - daranno a Milano punti in più in quanto ad appeal , fascino , richiamo turistico internazionale e anche italiano ( certo , muoveranno denaro carte di credito altri codici segreti sistemi di sicurezza vari ecc... ma chi ha in mano progetti cantieri e comandi finanziari e politici  delle operazioni potrebbe fare in modo che siano forse tra i primi esempi di grattacieli se non inclusivi per tutti in ogni momento , quanto meno con spazi pubblici al loro interno , tipo i "soliti" belvedere panoramici da me e non solo molto apprezzati , ma anche di altro tipo , oltre ai previsti uffici appartamenti e alberghi ) 

 E quindi , riprendendo sulla valorizzazione del " territorio " , una cosa che secondo me va fatta è restaurare in modo conservativo e fedele all ' originale ( mi sembra di averlo già scritto da qualche parte ) il palazzo dei mercanti o della ragione , in centro praticamente davanti al Duomo ( se ricordo bene proprio in via dei mercanti ) : ho sentito persone prendersela con la scala moderna messa su un lato che secondo me invece non è malaccio , e solo un persona oltre al sottoscritto denunciare lo stato increscioso della facciata che dà sul corso pedonale , sia del muro che delle finestre tappate non si capisce bene con cosa : quello è il vero problema secondo  me , la scala anzi penso ci stia bene . Altra cosa che mi piacerebbe davvero che facessero : cambiare la fontana davanti all ' ingresso principale del castello sforzesco che secondo me ( e altri ) è davvero brutta : il getto d  'acqua per me è abbastanza bello , ma la fontana in se la trovo davvero brutta : non sarebbe male se ci sarà  un nuovo progetto di qualche bravo artista o bravo architetto , per farne una nuova al suo posto , magari entro l ' expo del 2015 .

 Chiudo parlando dei corsi d  'acqua e di parte del parco agricolo sud : confermo che sogno ancora prima o poi navigli riaperti e almeno in parte navigabili , se non tutti i navigli storici riaperti , anche canali nuovi purchè non solo in periferie poco abitate ma in mezzo alla città ( ... il giorno in cui ci saranno 10 linee di metrò e più , tunnel sotterranei per le auto , ecc... )   Intanto come quasi tutti mi schiero per il recupero della darsena ( con tutta la sua acqua di sempre ) e per una cura maggiore dei due navigli attuali : per esempio i "parapetti" in cemento ( o forse in pietra ) sulle sponde a me non piacciono , preferisco quelli in metallo ( credo ferro , o piombo , non saprei ) sia come materiale che sopratutto come disegno geometrico , per cui vorrei che tutti questi parapetti ( o come si chiamano !) venissero adeguati in tal senso , non solo a Milano ma ovunque sia il caso ( per esempio in quel di Boffalora  , per altro borghetto caratteristico e gradevole , su un lato del naviglio  c ' è addirittura un " parapetto " in cemento nudo  , bello grigio : semmai usino mattoncini ben delimitati tipo cottage inglese , che forse starebbero meglio ) 

 Ho scoperto nella zona sud della città il Lambro meridionale , vicino a condomìni forse un pò scialbi , comunque con un suo " argine " ciclopedonale per altro interrotto da delle recinzioni  : sarebbe bello se riqualificassero questo corso d ' acqua , in zona parco sud , così come le varie rogge semi nascoste e tenute spesso male .

E un domani perchè non pensare a connettere la martesana con il Lambro meridionale , facendola passare in superficie da via Melchiorre Gioia e poi non saprei dove di preciso per quali strade - purchè sempre in superficie - in modo da avere un vero fiumiciattolo dentro Milano ?  Sempre riguardo a quella parte di parco sud , ho visto che lì vicino hanno riqualificato una cascina , ma credo che qualche altro intervento concordato con i proprietari delle aree ci starebbe bene : non ci si potrebbe spostare un pezzettino di expo , anche molto piccolo , tipo una bella serra a scopo didattico con tutte le piante che non sono commestibili , o qualcos  'altro di attinente al tema della natura anche se non strettamente a quello dell ' alimentazione ?

In risposta al messaggio di Cittadino Anonimizzato a posteriori inserito il 23 Maggio 2010 - 14:08
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]