.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 154 ospiti collegati
.: Discussione: Palazzo Reale: restauriamolo!

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alessandro Fortuna

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alessandro Fortuna il 20 Giu 2009 - 10:50
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Salve a tutti: siamo un gruppo nato all'interno di Facebook:

Milano rivuole il Salone delle Cariatidi di Palazzo Reale

Movimento di pensiero per la ricostruzione, com'era e dov'era, del Salone delle Cariatidi nel Palazzo Reale di Milano. Il salone da ballo principale, una delle meraviglie di Milano, è ridotto ad un rudere da quando fu bombardato durante la II guerra mondiale.
Vogliamo che sia ricostruito fedelmente tutto l'apparato decorativo e che siano ricollocati gli arredi originali.
Milano potrebbe inaugurare la Sala e il Palazzo finalmente riportati all'antico splendore con un grande ballo "alla viennese" in occasione dell'Expo 2015.
 

http://www.facebook.com/group.php?gid=58693602059#/group.php?gid=58693602059

Dopo un'indagine paziente ma certo non completa della situazione, ci sembra che la situazione del Palazzo, o meglio delle sue parti più rappresentative, possa essere così descritta:

"Il problema del recupero di Palazzo Reale riguarda ancora oggi più di metà dell'Appartamento Principale, cioè oltre alla Sala delle Cariatidi, quasi tutte le sale che affacciano su Piazzetta Reale e, entrando nel Cortile d'Onore, quelle che affacciano nella metà di sinistra nonchè la Chiesa di San Gottardo. Del patrimonio di Palazzo Reale, svuotato prima della devastazione, i mobili a quanto pare ci sarebbero, i parquets di Maggiolini forse anche, (smontati nel 1942), i quadri e gli oggetti anche, così come i disegni degli stucchi di Albertolli e compagni (per rifarli com'erano dove sono spariti e per integrarli dove sono danneggiati), le foto d'epoca pure. Insomma quel che è mancato finora è il coraggio di rimettere insieme il tutto, recuperando tutto ciò che è stato disseminato in sedi istituzionali alla mercè di chiunque; ovviamente non si possono rifare gli affreschi crollati e perduti definitivamente."