.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 110 ospiti collegati
.: Discussione: Ferrante: «Anche Corritore nella mia lista»

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 6 Apr 2006 - 16:50
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

L'annuncio del candidato di centrosinistra alle comunali di Milano
Ferrante: «Anche Corritore nella mia lista»
L'ex prefetto avrà al suo fianco il consigliere economico del governo D'Alema. «Ma spero di convincere anche Milly Moratti»

MILANO - L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa trasmessa anche sul web.
Bruno Ferrante, candidato del centrosinistra alla poltrona di sindaco di Milano, avrà al suo fianco anche Davide Corritore. Il consigliere economico del governo D'Alema, che ha partecipato alle primarie di fine gennaio, sarà infatti inserito nella lista di persone che l'ex prefetto vuole portare con sé. Ma Ferrante ha anche un altro obiettivo: convincere Milly Moratti, moglie del patron dell'Inter Massimo e cognata di Letizia, candidato sindaco del centrodestra.

«La caratteristica della mia lista è quella di avere come riferimento la società civile e di cercare il dialogo anche con mondi diversi» ha detto Ferrante. A proposito di Milly Moratti, ha affermato: ««È una grande risorsa per la città e ci uniscono molti punti di vista. Ne abbiamo già ragionato molto insieme, è un obiettivo che mi sono posto e che spero di raggiungere quanto prima».

E' poi toccato a Davide Corritore illustrare punti e priorità della sua campagna elettorale: le primarie e Internet. «Milano sia punto di riferimento nazionale della democrazia partecipata, diventando la prima città italiana che istituzionalizza le primarie comunali». Al centro del programma anche «la diffusione capillare dell’accesso rapido a Internet in ogni luogo della città e in tutte le fasce della popolazione». Il progetto è quello di un piano regolatore per la Rete in grado di realizzare in maniera effettiva ed efficace una democrazia partecipata attraverso l’accesso al web.