.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: Discussione: PD EXPO DAY: UN'OCCASIONE PER MILANO O UN AFFARE PER POCHI ?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 16 Feb 2009 - 11:37
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Dal gruppo Facebook "Insieme per l'Expo 2015":

http://it-it.facebook.com/topic.php?uid=48014638420&topic=7226

Fiorenzo ha scritto 2 ore fa
Sono stato all'Expo Day del PD sabato mattina a Palazzo Marino accogliendo l'invito di Majorino. Diversi spunti interessanti; tre su tutti: 1.lo "sdoganamento" di Rampello da parte della sinistra; Majorino presentandolo ha detto che al momento della sua scelta (Giunta Albertini) c'erano state critiche ingenerose;
2. la seconda via (di tre) indicata da Boeri: l'expo ospiterà per sei mesi il mondo a Milano ma non è scontata la modalità di questa rappresentazione: quella che ogni nazione avrà un suo padiglione è un vecchio schema (che in parte anche Shangai sta utilizzando); è aperta la riflessione su come l'area di Rho Pero risponderà a questo problema
3. l'Expo non è un evento per Milano ma per il Paese (Massimo Ferlini) e - aggiungo io - è necessario che per avere qui 29 milioni di visitatori (come da dossier di candidatura "rivalidato" dal Sindaco nel suo intervento) venga mobilitata tutta la capacità attrattiva del nostro Paese e tutta la nostra creatività per costruire un modello di Expo innovativo.
Per il resto richiami alla sostenibilità del progetto (Poggio), al fatto di coinvolgere molti soggetti (Micheli), a non ridimensionare il progetto (Adamo) e un fermo no all'ipotesi del Commissario per la governance (Penati).
Interessante il riferimento del Sindaco a quanto sta facendo Londra per le Olimpiadi 2012: un software che permette di selezionare e coinvolgere nelle gare non solo le grandi imprese ma anche le PMI fio a 200.000. La Moratti ha poi confermato che non ci sarà nesssun landmark fisico (torre) per questo che vuole essere a tutti gli effetti un evento anticiclico.
Due osservazioni finali:
- sala Alessi piena ma senza target giovani; l'unico che c'era un relatore, il Presidente dei giovani musulmani che ha chiesto la Moschea;
- lo scrittore Scurati ha invocato per l'Expo un "arco mitico" (come nelle fiction americane di miglior fattura) ma ad indicarlo non possono essere politici, imprenditori, costruttori ("i cattivi") ma uomini di cultura e intellettuali: chissà perchè. Penso invece che - al di là di un facile demagogismo - tutti possano dare il loro contributo a inventare un'Expo memorabile. Non sarebbe stato male se qualcuno tra i promotori dell'Expo Day l'avesse ricordato a Scurati.
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 12 Feb 2009 - 12:14
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]