.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 54 ospiti collegati
.: Discussione: REFEZIONE SCOLASTICA (Commissioni Mensa)

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 23 Mar 2010 - 21:57
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Dopo il ritrovamento di pezzi di cotenna bovina

Lasagne sì o no? Referendum nelle scuole

Milano Ristorazione chiede ai genitori se vogliono o meno mantenere il piatto nei menù della refezione

MILANO -
Pizza scadente, polpette al gusto di cloro-ammoniaca, lasagne «pelose»: troppe le proteste di genitori e studenti, sfociate nello «Schiscetta Day» - con i bambini che si sono portati il pranzo al sacco da casa - e nello «Sciopero in bianco» dei bambini di una scuola elementare in zona Niguarda. E Milano Ristorazione prova a cambiare tattica: via alle «scelte condivise». E' così partito oggi il referendum «lasagne sì, lasagne no» per permettere ai genitori di esprimersi liberamente circa il mantenimento o meno di questo piatto nel menù.

PRO E CONTRO -
In questo caso, la protesta dei genitori, ricorda Milano Ristorazione in una nota, è partita a seguito del ritrovamento di particelle di «cotenna bovina» in alcune porzioni di lasagne. «Poichè abbiamo ricevuto anche diverse lettere di bambini che, invece, vogliono le lasagne, ci siamo affidati allo strumento del referendum», spiega Michele Carruba, presidente di Milano Ristorazione. «Bisogna sottolineare - prosegue Carruba - che nella preparazione delle lasagne può accadere che una piccola parte di cotenna sfugga anche ai controlli più attenti e puntuali, perchè non esistono dispositivi capaci di rilevare tali elementi. I vari produttori da cui è possibile acquistare questo prodotto forniscono regolarmente anche i supermercati, per cui il rischio di tale evento è possibile anche acquistando il prodotto per usi familiari». Il rischio peraltro - sempre secondo Milano Ristorazione - è calcolato in un caso ogni milione di chilogrammi di prodotto. «Va sottolineato comunque - spiega infine la società - che, fatto salvo la sgradevolezza del fatto, tutto ciò è assolutamente irrilevante dal punto di vista igienico-sanitario».

Redazione online
23 marzo 2010
In risposta al messaggio di Martino Santoliquido inserito il 27 Gen 2009 - 15:08
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]