.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Milano Expo 2015 e le infrastrutture: metropolitane, strade,...

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 19 Lug 2010 - 11:35
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

i cantieri riguardano la tratta che collega la stazione Garibaldi allo stadio di San Siro

Troppi ritardi, a rischio i fondi per il metrò

La giunta deve approvare l’affidamento dei lavori entro sette giorni o il Cipe è pronto a togliere i finanziamenti

MILANO - Corsa contro il tempo per la linea 5 della metropolitana milanese. Sindaco e giunta devono firmare in settimana l’affidamento dei lavori per il secondo lotto, da Garibaldi a San Siro, al consorzio che ha già realizzato la prima tratta, da Bignami a Garibaldi. Il rischio è che, prolungando ancora i tempi che già sono ritardati rispetto alla iniziale tabella di marcia, il Cipe possa decidere di revocare i contributi già stanziati, come ha fatto per la metropolitana leggera di Bologna.

Secondo le interpretazioni più pessimiste, infatti, se i fondi non vengono impegnati entro l’anno potrebbero uscire dalle tabelle ministeriali. Ma i dirigenti di Palazzo Marino sono ottimisti: «Stiamo recuperando i mesi persi per intoppi burocratici — assicura il direttore generale del Comune, Antonio Acerbo— e in agosto verranno avviate le opere propedeutiche al cantiere». Nel frattempo, venerdì scorso i vertici dell’assessorato al Bilancio e dei Trasporti insieme a tecnici e funzionari hanno intanto incontrato i rappresentanti del Consorzio Linea 5, definendo il contenzioso sui costi aggiuntivi e delle varianti per la prima tratta, da Zara a Bignami: rispetto alla iniziale richiesta di un pagamento aggiuntivo di un centinaio di milioni di euro, il Comune ne ha versati 31 e la delibera è già stata approvata dalla giunta.

A questo punto, come spiega l’assessore al Bilancio, Giacomo Beretta, «abbiamo dovuto rifare il piano economico, che i privati stanno esaminando, e abbiamo stilato l’atto per avviare l’estensione della convenzione. Ma in settimana dobbiamo assolutamente firmare l’affidamento, perché siamo davvero al limite con i tempi tecnici». Definendo la questione nei prossimi giorni, anche grazie ai poteri del sindaco-commissario di Expo (visto che la M5 è una delle opere infrastrutturali inserite nel dossier dell’evento 2015), potrebbe invece partire la consegna delle aree e la cantierizzazione, cioè tutte le opere preliminari agli scavi cui faceva riferimento l’ingegner Acerbo. Di fatto, il cronoprogramma prevedeva che l’affidamento per la seconda tratta venisse firmato in maggio. ma Acerbo insiste: «Non ci sono problemi e se partiamo in agosto, la linea sarà pronta per l’inaugurazione dell’Expo, anche perché nel frattempo abbiamo raddoppiato il numero di talpe al lavoro». Più complessa, come noto, la questione della linea 4, che andrà da Linate a Lorenteggio. Il sei settembre prossimo scade il termine per la presentazione delle offerte e «entro fine anno», assicurano in Comune, si procederà all’aggiudicazione. Ma questa, è tutta un’altra storia.

E. So.
19 luglio 2010

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 19 Gen 2009 - 16:54
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]