.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 9 ospiti collegati
.: Discussione: Un obiettivo primario: difendere il Parco Agricolo Sud

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 30 Giu 2010 - 11:49
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

La polemica - Podestà aveva detto: «Non è un totem, si può costruire»

Palazzo Marino e il Parco Sud
«Nessuna speculazione sul verde»


Ordine del giorno sottoscritto dal consiglio: non si potrà costruire né ora né mai. Esulta il centrosinistra

MILANO - Il Comune in difesa del «totem » verde. Nell’aula di Palazzo Marino i capigruppo consiliari hanno sottoscritto un ordine del giorno per dire che sul Parco Sud non si potrà costruire né ora né mai. Non solo: il Consiglio comunale ha approvato, sempre nella seduta di ieri (la cinquantesima dedicata alla discussione del piano di governo del territorio), un emendamento che riduce i diritti volumetrici generati dalle aree del polmone verde. Da 0,2 metri quadrati a 0,15. Esulta il centrosinistra: «È la risposta migliore agli appetiti del partito del cemento», dice Enrico Fedrighini dei Verdi. Stessa posizione espressa dal capogruppo pd Pierfrancesco Majorino.

Lunedì era stato proprio il presidente della Provincia
ad aprire il dibattito: «Il Parco Sud non è un totem». Ieri il dibattito in Comune. Tocca all’assessore provinciale al Territorio di Palazzo Isimbardi, Fabio Altitonante, chiarire la posizione della Provincia: «Non c’è nessun bisogno di un difensore del Parco Sud, ci pensa già la Provincia. Come ha spiegato il presidente Guido Podestà è possibile realizzare alcuni adeguamenti valorizzando il più grande parco agricolo d'Europa». Carlo Masseroli, assessore comunale all’Urbanistica, ribadisce la «linea» del Comune: «Il nostro obiettivo è trasformare il Parco Sud in una grande area verde urbana a disposizione della città.

Lo strumento più efficace per avviare il processo
è proprio l’approvazione del piano di governo del territorio che permetterà al Comune di tornare in possesso delle aree e di trasferire in altre zone i diritti volumetrici dei proprietari dei terreni». Le parole di Podestà? «Le condivido al cento per cento». Stamani Masseroli sarà proprio al Parco Sud per una conferenza stampa alla cascina Battivacco, una delle tante aziende agricole della zona. Il progetto che il Comune vuole rilanciare, di concerto con gli agricoltori della zona, è quello del Parco delle Risaie. Salvaguardia dell'ambiente, ma non solo: svago, sport e tradizione per valorizzare il mondo agricolo della bassa milanese.

Andrea Senesi
30 giugno 2010

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 29 Giu 2010 - 15:20
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]