.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 68 ospiti collegati
.: Discussione: Palazzo Marino: ancora rimpasti?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 30 Ott 2009 - 14:29
accedi per inviare commenti
La notizia viene rispresa anche dal notiziario settimanale ChiamaMilano di oggi.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
------------------------------------------
LA PRIMA VITTIMA
Il Sindaco cede su Croci, da tempo nel mirino della maggioranza. Basterà per ottenere il via libera alla ricandidatura?

Appena una settimana fa avevamo pronosticato che la politica della mobilità si sarebbe presto trasformata da argomento di polemica all’interno della maggioranza in ostaggio delle trattative tra le componenti del centrodestra, prima in vista delle prossime elezioni regionali e poi delle amministrative del 2011.
Siamo stati facili profeti, non per bravura, ma per palmare evidenza dei fatti e delle contrapposizioni in seno alla compagine che governa Milano da oltre un quindicennio.
Il pesante ridimensionamento dell’Assessore Croci, mai amato dalla propria maggioranza e nemmeno troppo nascostamente detestato dalla lobby dell’auto ben rappresentata nel PdL, soprattutto dall’ala proveniente da AN, costituisce solo l’inizio di un conflitto che occuperà il centrodestra milanese per i prossimi due anni.
Il Sindaco, che aspira alla ricandidatura ma sa bene che parte consistente del PdL milanese e lombardo vorrebbe altri candidati per le amministrative che si terranno tra poco più di un anno e mezzo, ha aperto la trattativa con il “fronte interno”.
Il trasferimento della strategica delega sul traffico da Croci, tecnico scelto dal primo cittadino e spesso difeso in questi primi tre anni di mandato anche quando l’Assessore si è prodotto in uscite che hanno fatto andare su tutte le furie Lega e PdL, a De Corato, uno degli assessori maggiormente ridimensionati dal post-Albertini, la dice lunga sia sul clima politico che si respirerà a Milano nei prossimi due anni sia su quanto possa essere sacrificabile sull’altare delle convenienze elettorali la politica della mobilità, che, dovrebbe essere superfluo insistere, riveste un’importanza capitale per Milano.
Il siluramento di Croci –chiesto a gran voce da molti consiglieri di maggioranza ormai da due anni– ha riportato in primo piano anche le altre crepe all’interno del centrodestra milanese. La Lega, che dall’exploit elettorale del 2008 si sente sottorappresentata in Giunta, non ha atteso per far sapere che il cambio della delega sul traffico dovrebbe aprire una discussione più ampia. In più la componente ex FI del Popolo della libertà vede nell’attribuzione al Vicesindaco delle nuove competenze un’alterazione degli equilibri interni. Tanto più che il Sindaco dovrebbe cedere a De Corato anche il controllo della Polizia Municipale.
Intanto l’ecopass sarà sottoposto finalmente al verdetto dei milanesi. Difficile prevedere che l’esito della consultazione possa dare torto alla nuova strategia di Palazzo Marino.

Beniamino Piantieri
In risposta al messaggio di Eugenio Galli inserito il 30 Ott 2009 - 01:17
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]