.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 73 ospiti collegati
.: Discussione: Considerazioni sul bilancio preventivo del comune di milano 2009

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 10 Dic 2009 - 12:07
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Le Richieste del Comune al governo

Moratti: niente fondi dalla Finanziaria? «Lotteremo per Milano»

Il sindaco: «Ci sono difficoltà, ma com'è successo con l'Expo, alla fine vinceremo»

MILANO - «I o sono fiduciosa. Ci sono difficoltà ma Milano ha sempre combattuto per vincere». Il sindaco Letizia Moratti è pronta all’ennesima battaglia in cui avrà come controparte il Governo, che lei invece auspica di avere al fianco. Parliamo di patto di stabilità, di fondi per le metropolitane, di tagli annunciati. Il giorno prima del vertice dell’Anci, che si svolgerà oggi a Roma, il sindaco dispensa ottimismo: «Anche su Expo all’inizio avevamo tutti contro e poi ancora sulle metropolitane. Non sono state battaglie facili, ma alla fine siamo stati ascoltati. Conto ancora sul fatto che, con la collaborazione di Comune e Provincia, supereremo ogni difficoltà come abbiamo fatto finora». Il sindaco sta facendo fronte comune con i suoi colleghi Sergio Chiamparino e Gianni Alemanno: «Domani (giovedì, ndr) non sarò presente al vertice dell’Anci e sarò rappresentata dall’assessore al Bilancio, Beretta. Ma la linea è chiara è unitaria: aspettiamo di vedere il testo definitivo della Finanziaria per i commenti. Ma ci aspettiamo si tenga conto del fatto che i Comuni contribuiscono a diminuire, non ad alzare il deficit dello Stato».

La mancata deroga del patto di stabilità per quan­to riguarda le opere di Expo crea problemi al con­to economico del Comune, che vedrebbe limitata la possibilità di investimenti. Senza contare il fatto che non è ancora chiaro dove il Comune troverà i soldi per la propria parte di investi­mento sulle nuove linee metropolitane, dopo che so­no saltati i dividendi di A2A e che è venuta meno l’ipotesi di un trasferimen­to alternativo da parte del­lo Stato. C’è poi la questione del pacchetto Calderoli, che prevede tagli ai numeri di consiglieri comunali, pro­vinciali, di zona e che met­te in discussione anche le fi­gure del direttore generale e del difensore civico.

La Moratti ha colto le ras­sicurazioni del ministro Cal­deroli («Fino a fine manda­to non succederà nulla e co­munque interverremo usando buon senso»), ma mette le mani avanti: «Que­sto sarà un altro tema di cui discuteremo insieme ai sindaci dell’Anci». Ieri, anche il consiglio co­munale ha presentato un documento bipartisan in cui si chiede «una comple­ta revisione del Patto di Sta­bilità degli Enti Locali che premi l’efficienza e l'effica­cia degli enti locali virtuo­si ». Un altro ordine del gior­no bipartisan riguarda la ri­chiesta al Parlamento di emendare il disegno di leg­ge sul processo breve, per inserire la truffa ai danni dello stato fra i reati non sottoposti alla nuova nor­ma: tentativo in extremis di salvare il processo sui de­rivati.

Elisabetta Soglio
10 dicembre 2009
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 9 Dic 2009 - 17:54
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]