.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 54 ospiti collegati
.: Discussione: Scuole di Via Russo: cosa deve accadere perchè qualcuno intervenga?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Laura Coletta

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Laura Coletta il 17 Set 2009 - 09:53
accedi per inviare commenti
Riporto le riflessioni pubblicate sul blog dell’AGelementare.russo in risposta alle dichiarazioni dell’ l’assessore ai Lavori pubblici e Infrastrutture Bruno Simini:

   
<< Che dire? Speriamo che piova tutti i giorni, da qui fino a quando il Comune di Milano avrà finalmente recuperato il ritardo pluri-decennale nella manutenzione ordinaria e straordinaria delle nostre scuole, perchè quando non piove di monitoraggio delle scuole da parte del Comune se ne vede poco, molto poco.
Però andiamo tutti a comprarci stivali e mantella, perchè allora passeremo molti anni sotto la pioggia...
A parte gli scherzi: l'assessore ci dice che stanno per spendere decine di milioni per rifare le impermeabilizzazioni.
In quale annualità del piano triennale delle opere è, questo intervento? Perchè di interventi promessa-chimera se ne possono trovare tanti nel famoso piano triennale (o dovremmo chiamarlo "piano dei sogni"?).

Naturalmente, se succederà davvero quello che l'assessore ci sta promettendo oggi, saremo ben felici di dargliene merito.
Però, lo abbiamo già detto tante altre volte, ciò che servirebbe davvero è un salto di qualità (e uno scatto di orgoglio, se siamo ancora la grande città che la nostra Amministrazione si picca di sostenere).

Le scuole elementari e medie di Milano sono in condizioni peggio che pietose!
Sono in condizioni indegne di questa città!

Per esempio, le bambine e i bambini che hanno appena cominciato la prima nella nostra scuola (prima elementare, signori, non prima liceo) sono costretti ad usare bagni con turche che probabilmente erano già lì quando i loro nonni frequentavano la stessa scuola. Magari qualcuno pensa che è una cosa romantica: la saggezza dei nonni a disposizione dei nipoti per evitare di sporcarti i pantaloni mentre fai la cacca...
A quei bambini, ai nostri figli, invece, quei cessi fanno solo schifo.
Che poi, volendo vedere, potere usare le turche tutto sommato è una fortuna per quelle creature, perchè dovete sapere che in quella scuola i bagni sono misti.

Tutto questo a Milano, la capitale dell'economia, della moda, di questo e di quell'altro, la sede dell'Expo... All'alba del 2010...

Invece di continuare con lo stillicidio di interventi di ristrutturazione singoli qua e là per la città, un anno dopo l'altro, è necessario varare un programma di recupero specifico, articolato su più anni, che coinvolga la Regione, lo Stato, finanziatori privati, proprio come si fa quando si decide che servono due nuove linee della metropolitana, un nuovo quartiere della moda, un nuovo teatro, un nuovo quartiere fieristico,...
Perchè per le scuole elementari e medie di Milano non si può fare??
Eppure un simile programma avrebbe una grande presa sui cittadini, molti dei quali sono genitori, zii, nonni.
Molta più presa, molti più consensi di tanti altri progetti che invece la nostra Amministrazione continua ostinatamente a sbandierare.

Intanto, apriamo l'ombrello e speriamo che piova tutto l'inverno...

Il Coordinamento dell’AGelementare.russo>>

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 16 Set 2009 - 16:06
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]