.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 67 ospiti collegati
.: Discussione: Migranti: le facce della nuova Milano per favorire l'integrazione

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 17 Mar 2010 - 21:31
accedi per inviare commenti
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

Secondo anniversario della scomparsa

Nel ricordo di Chiara Lubich

A Palazzo Marino si è tenuto il Convegno “Semi di fraternità per un mondo più unito”, dedicato alla fondatrice e presidente del movimento dei Focolari, diffuso in 182 paesi nel mondo. Il Sindaco Moratti: “La sua eredità, dialogo e solidarietà per un futuro di pace”

Milano, 17 marzo 2010 – “Scommettere sull’amore, sul sentimento di fratellanza universale, su quella vocazione ambrosiana fondata sui valori di solidarietà, accoglienza e dialogo che si ritrovano nella vita di Chiara Lubich, cittadina onoraria di Milano". Con queste parole il Sindaco Letizia Moratti è intervenuta al Convegno “Semi di fraternità per un mondo più unito", dedicato al ricordo di Chiara Lubich, a due anni dalla sua scomparsa, fondatrice e presidente del movimento dei Focolari diffuso in 182 paesi nel mondo.

All’incontro, che si è tenuto a Palazzo Marino, in sala Alessi, oltre al Sindaco, sono intervenuti Stefano Zamagni docente dell’Università di Bologna e presidente dell’Agenzia per le Onlus, Antonio Maria Baggio docente della Pontificia Università Gregoriana di Roma, Emanuela Scandolara dell’associazione Arcobaleno, Maria Voce, presidente del Movimento dei Focolari e Monsignor Gianni Zappa moderator Curiae dell’Arcidiocesi di Milano.

“Nell’impegno internazionale della Lubich – ha sottolineato il Sindaco – c’è qualcosa che Milano sente molto vicino. La consapevolezza che il dialogo e l’incontro tra culture diverse bastano, da soli, a superare le incomprensioni tra i popoli; che i valori di solidarietà e comunione sono le basi su cui costruire un futuro di pace. Il suo esempio e il suo cammino di spiritualità sono la testimonianza vivente di come, l’amore per il prossimo, possa dare un senso concreto  all’attività umana. Un esempio da cui la politica, quella che mette al centro il concetto di servizio, deve sempre ispirarsi. Un insegnamento, a due anni dalla sua scomparsa, che continua a illuminare la nostra Milano".

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 9 Mar 2010 - 16:05
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]