.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 91 ospiti collegati
.: Discussione: Appalti Expo, le mani della 'ndrangheta

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Giulio Gallera

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Giulio Gallera il 1 Lug 2008 - 18:02
accedi per inviare commenti
Sono Giulio Gallera, il Presidente del gruppo di Forza Italia al Comune di Milano e approfitto dell'opportunità offertami da partecipaMi e della cortesia del moderatore per cercare di chiarire la mia posizione e quella della maggioranza.
Noi siamo profondamente convinti che bisogna mettere in campo ogni strumento ed ogni utile iniziativa per contrastare il fenomeno delle infiltrazioni mafiose tuttavia abbiamo espresso la nostra contrarietà a dar vita ad un organismo del tutto privo di ogni potere e di ogni concreta e reale capacità di di intervento quale "la commissione consiliare antimafia".
Dietro al nome altisonante infatti non c'è altro che un organismo inutile perchè così è previsto dalle leggi che regolano la vita degli enti locali (nello specifico il testo unico degli enti locali).
Non avremmo alcun potere di convocare i magistrati che lavorano nella Direzione Distrettuale Antimafia, non avremmo alcun potere per ottenere informazioni riservate, non avremmo alcun potere per convocare il prefetto, il questore o le forze dell'ordine; non avremmo alcun potere per audire collaboratori di giustizia.
Per cui che senso ha costituire una commissione per ascoltare da qualche sociologo una relazione che posiamo benissimo ascoltare in uno dei tanti convegni sul tema.
Il Comune di Milano, e nello specifico i dirigenti del comune, hanno fatto moltissimo e con notevoli risultati.
I Dirigenti del Settore Lavori Pubblici grazie a controlli e verifiche capillare ed alla definizioni di rigidi protocolli d'azione hanno escluso più di 300 imprese "a rischio inquinamento mafioso" dagli appalti e dai subappalti.
I Dirigenti del Settore Commercio, poi, da anni lavorano a stresso contatto con la magistratura segnalando tutte le compravendite di negozi (uno degli strumenti maggiormente utilizzati per il riciclaggio del denaro sporco).
Quindi dobbiamo continuare a combattere con ancora maggiore determinazione le infiltrazioni mafiose ma non attivando organismi inutili bensì intensificando l'azione della nostra struttura amministrativa e rendendo maggiormente costante la collaborazione con la magistratura.
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 26 Giu 2008 - 10:34
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]