.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 17 ospiti collegati
.: Discussione: Controlli anticlandestini sui mezzi pubblici

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonio Marino

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonio Marino il 3 Giu 2008 - 10:42
accedi per inviare commenti
Gentile signora Pisa, mi consenta: temo che la Sua rivisitazione circa le funzioni dei Vigli Urbani sia data da una palese non conoscenza dell'organizzazione del corpo succitato. I Vigili Urbani sono oggi Polizia locale ed in quanto tali equiparati nelle funzioni di ordine pubblico alla Polizia di stato con l'unica eccezione della competenza territoriale e dell'Istituzione alla quale rispondono: sono per l'appunto Pubblici Ufficiali solo sul territorio della Regione Lombardia e fanno riferimento all'Assessorato Regionale alla Sicurezza. La figura del vigile amico da Lei rimpianta non è stata soppressa; esiste ancora ed in taluni casi ancor meglio presente nella veste di Vigile di Quartiere. Inoltre esiste il Nucleo Tutela Trasporto Pubblico proprio per garantire la sicurezza degli utenti ATM inclusa la Sua e quella dei suoi compagni di viaggio della linea 58 altrettanto poco informati. Capisco la sorpresa: mai visti prima d'ora ma esistono e finalmente li vediamo operativi a tutto campo. Sarebbe opportuno chiedere alle due donne recentemente vittime, per mano di clandestini extracomunitari, di tentativi di stupro sui mezzi pubblici se avrebbero preferito in quel momento assistere ad una "retata" o subire le mani addosso di esseri che non senza fatica sono definibili umani. A Lei, che credo sollecitata nelle Sue affermazioni più dall'ideologia comunista che da convinzioni personali, vede le divise come fumo negli occhi, mercenari asserviti alla protezione del capitalismo, talmente limitati nell'intelletto da dover circoscrivere il loro operato al solo fare multe, dico: ringrazi il cielo che esistono donne e uomini disposti, per uno stipendio da fame, a prendersi una pallottola per permettere anche a Lei di vivere più sicura. Ne abbia maggior rispetto! Un giorno, quelli che ai Suoi occhi appaiono come dei kapò abilitati a rastrellare "poveri innocenti", potrebbero tornarle utili. Le Sue righe mi danno ulteriore spiegazione di come, dopo 60 anni, la sinistra massimalista sia stata destituita da responsabilità parlamentari: è sempre dalla parte sbagliata! Contro l'Italia e gli italiani. Proprio così, Signora Pisa.
In risposta al messaggio di Germana Pisa inserito il 31 Maggio 2008 - 15:46
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]