.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 41 ospiti collegati
.: Discussione: Passaggio "erboso" in piazza Po

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Franco Paone

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Franco Paone il 14 Maggio 2008 - 10:33
Discussione precedente · Discussione successiva

Gli abitanti a est di piazza Po la attraversano per portarsi verso la parte opposta, la ovest, dove gravitano la quasi totalità delle strutture delle quali hanno bisogno di servirsi: supermercati, posta, banche, ASL, ecc.
   L'attraversamento longitudinale di questa piazza è stato creato in maniera "civile"... cioè "ammattonellato"; quello trasversale, del cui percorso si devono servire i sopracitati abitanti, è stato costruito "sterrato". Ciò ha sempre implicato pozzanghere a gogò quando piove, con conseguenti innumerevoli passaggi sull'erba, per non parlare di alcune belle scivolate sul fango prodotto. Ma, per sovraccarico, è stato volontariamente creato "interrotto" all'incrocio con quello longitudinale, sicchè il piccolo proseguimento fino alla strada, dove passano le auto, era "erboso", ma non lo fu più da subito, perchè i passanti pestando l'erba vi produssero un piccolo sentiero largo circa 30 centimetri.
   Qui è arrivato il bello, anzi il brutto. Una volta l'anno i curatori del verde ripiantano l'erba dove è venuta a mancare, transennano quel tratto per non farla pestare  e per permetterle di ricrescere, ma non fanno mai il conto con i colombi che si pappano pressochè tutto il seminato, e neanche con i soliti passanti che pestano e pesteranno l'erba a fianco per passare, sicchè non cresce e non crescerà più l'erba nè sul tratto rovinato dai colombi nè su quello a fianco rovinato dai passanti. Quindi il sentiero iniziale di 30 cm ogni anno raddoppia e oggi è di circa 5 metri !
    E pensare che proprio l'azione di ripiantare l'erba ottiene l'effetto contrario: l'allargamento a dismisura del tratto senz'erba che si fa fangoso durante l'inverno !
   Anni e anni fa ho impiegato circa tre mesi per poter comunicare il problema a una persona che mi avevano detto essere il responsabile, col quale però non sono mai stato messo in contatto. Ho dovuto mandare una lettera, alla quale non è mai stata data risposta. Proponevo che "piastrellassero" in qualche modo un piccolo passaggio e ripiantassero l'erba su quella superficie che si è andata sterrando (oggi di metri 2 x 5).
    Le conseguenze che qui sopra ho descritto le avevo paventate allora e si sono avverate. Se non si trova una soluzione il peggio andrà ancora a continuare.