.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 32 ospiti collegati
.: Discussione: Lo schifo dei mercati milanesi-monnezza

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 14 Lug 2010 - 15:25
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Gentile Donatella,
ahimè nelle vie mercatali gli alberi, se non sono già di grandi dimensioni, deperiscono a vista d’occhio: rami spezzati, fogliame bruciato, alberi “avvelenati” da liquami vari, cortecce danneggiate ecc.
"Niente di nuovo sul fronte occidentale"... mi passi la battuta!
Non sono preveggente, ma solo attenta osservatrice della nostra città!
A Milano non si ha cura degli alberi! Si infiorano le aiuole, ma gli alberi sono solo “tollerati”, nonostante l’enorme servizo di utilità che svolgono nel depurare l’aria e nell’abbattere la calura accentuata dai materiali assorbenti il calore come ad esempio l’asfalto, il cemento ecc.
Ciò a cui Lei ha purtroppo ha assistito è sintomatico del malcostume tollerato, alla faccia dei raggi verdi che dovrebbero arricchire di viale alberati e piste ciclabili immerse nel verde la nostra città di Milano!
I danni intenzionalmente arrecati agli alberi da ambulanti incivili si sommano ai danni provocati da automobilisti incuranti che:
-    nella migliore delle ipotesi, parcheggiano la loro vettura sul terreno in prossimità degli alberi, terreno che viene così continuamente pressato e si indurisce al punto da essere pressoché impermeabile e da non consentire alle radici di "respirare": la crescita dell'albero, soprattutto se molto giovane, viene seriamente compromessa e può anche morire,
-    nell’ipotesi peggiore, urtano –più o meno volontariamente- il tronco degli alberi in fase di parcheggio/manovra, provocando lesioni alla corteccia degli alberi (la parte più delicata, come ben sappiamo, dato che la linfa scorre appena sotto la corteccia) e l’albero alla fine deperisce, le infezioni fungine si diffondono e muore.

Sacrosanta la Sua richiesta che il settore parchi e giardini intervenga con la piantumazione nel prossimo autunno, calendarizzando anche questo ripristino!
... i soldi per i buffet a palazzo Marino ci sono e quindi ci devono essere anche per gli alberi di Milano (anche se la misera figura fatta dal Sindaco Brichetto Moratti e dalla Giunta nei confronti del maestro Abbado, la dice lunga sull’indifferenza e la mancanza di cultura ambientale in certi ambienti politici!).
Le suggerisco comunque di coinvolgere anche la Zona territorialmente competente. Come?
In due modi:
1.       intervenire al prossimo consiglio di zona (sul sito del Comune di Milano dovrebbe essere riportata la data e l’odg) con sufficiente anticipo per iscriversi a parlare: potrà effettuare la Sua segnalazione ed esporre le Sue richieste di ripiantumazione e tutela delle alberature delle vie di Milano;
2.       chiedere un sopralluogo in giorno di mercato alla commissione istruttoria competente per materia (direi: Ambiente, Parchi e Giardini, Decoro e Arredo Urbano), con la partecipazione eventuale della commissione che tratta di Commercio, Artigianato, Mercati Comunali: in questo modo i consiglieri di zona potranno constatare quanto da Lei denunciato e successivamente predisporre una delibera al riguardo.
Tra i suggerimenti che potrà avanzare: posa di rastrelliere orrizontali intorno agli alberi affinché la terra non sia pressata dal peso delle vetture, ma possa uniformemente distribuirsi su un'area più ampia (gli archetti di protezione sono invisdi agli ambulanti); piantumazione di alberi di dimensioni tali da superare con i propri rami l'altezza dei tendoni delle bancarelle, per evitare "involontari" (?!?) danni ai rami (in via Ampere vengono bellamente strappati e lasciati a pochi centimetri dalla bancarella! chi sarà stato? ci vorrebbe il RIS per l'analisi del DNA del vandalo Cool!).
Personalmente La invito a perseguire il buon vecchio detto: “INSISTO, PERSISTO, AVANZO E CONQUISTO“, ovviamente non in termini “guerrafondai” ma con spirito di civile partecipazione al bene comune, perché nella nostra città, purtroppo, nulla è facile, nulla è ovvio, neanche l’amore per gli alberi!
 
Cordiali saluti
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Lista civica "uniti con Dario Fo per Milano"

In risposta al messaggio di Donatella Cerioli inserito il 14 Lug 2010 - 12:14
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]