.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 51 ospiti collegati
.: Discussione: Presidente Micaela Goren Monti: "Biciclette invece che auto blu"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Eugenio Galli

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Eugenio Galli il 24 Dic 2007 - 15:43
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Biciclette invece che auto blu

La presidente del Consiglio di Zona 1, Micaela Goren Monti, ha commentato in modo positivo la decisione di abolire le auto blu assunta dalla Giunta milanese, aggiungendo una proposta che non ci sembra abbia avuto particolare attenzione: quella di promuovere l’utilizzo della bici anche presso i rappresentanti del Comune.

Goren Monti ha dichiarato: “Milano è una delle città più indicate all'uso della bicicletta; tutta in piano, clima mite, poche piogge... ma al di là delle dichiarazioni poco impegno reale sulla ciclabilità”.

“Nel Cortile di Palazzo Marino - prosegue la presidente di Zona 1 - trovo regolarmente parcheggiate delle biciclette nere in dotazione a Consiglieri ed Assessori che non vengono mai utilizzate. Se al posto delle auto blu si cominciasse ad utilizzarle i vantaggi sarebbero moltissimi. Innanzitutto maggior attenzione e rispetto all'incolumità del ciclista milanese: rischiando la propria vita su strade dissestate, tra auto parcheggiate in doppia fila e binari abbandonati, ignorati da guidatori distratti o insultati da pedoni si sente da amministratore - come noi in zona 1 -  la necessità di prendere immediati provvedimenti a favore delle due ruote”. 

E conclude: “Non basta il bike sharing, ci vogliono marciapiedi  da condividere con i pedoni, l'utilizzo della parte esterna dei portici - oggi  usati  per le fioriere dei dehors  o per parcheggio delle moto - un tracciato orizzontale nelle zone pedonali. Chi ad esempio percorre lecitamente Vittorio Emanuele in bicicletta, si rende conto che la mancanza di regolare segnaletica mette in difficoltà sia il pedone sia il ciclista. (...) Milano, per vincere la giusta battaglia dell'Ecopass, deve avere il coraggio di una promozione reale delle due ruote, come ormai avviene nella maggior parte delle città europee, avendo come testimonial anche i suoi stessi assessori”.

Le parole della presidente del CdZ1 troveranno ascolto?

Fiab CICLOBBY onlus