.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Schifo in zona 2

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Marco Righetti

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Marco Righetti il 12 Nov 2007 - 15:36
accedi per inviare commenti
Gentile Adriana,
grazie, lo farò senz'altro. Intanto ho sottoposto il testo ad una persona amica, membro del Consiglio di Zona 2. Spero col suo aiuto di individuare la modalità più appropriata per divulgarlo e raccogliere le firme. Spero anche, prima o poi, di poter parlare col Presidente della Zona 2, che non ho ancora il piacere di conoscere. Ben vengano le sinergie, più siamo meglio è. Intanto, ecco di seguito il testo in anteprima. Ogni suggerimento è il benvenuto.


Milano, 12 Novembre 2007
A tutti gli abitanti della Zona 2 di Milano
Chi scrive è un cittadino qualunque che abita come voi in questa Zona 2 di Milano.  E’ superfluo soffermarsi sulla situazione di crescente degrado in cui ci troviamo a vivere. Sia ben chiaro: razzismo o altre forme di discriminazione non c’entrano nulla. Qui parliamo di illegalità, criminalità, insicurezza, paura, violenza, maleducazione, sporcizia, abbandono, trascuratezza, disprezzo delle più elementari norme di convivenza civile. Sono questi i nemici che vogliamo combattere, a prescindere dai diversi schieramenti politici e culture.
In molti di noi, incluse purtroppo le forze dell’ordine a giudicare da certe testimonianze, sembra essere subentrata un forma di rassegnazione. Le istituzioni (qualunque esse siano) sembrano assenti. Giornali, televisioni, siti internet straboccano di articoli, servizi, discussioni: tutti parlano, tutti vedono, ma nessuno sembra poterci fare nulla.
Davvero non c’è più speranza? Dobbiamo veramente arrenderci? Le alternative sono:
1)       cercare di sopravvivere sperando che quando (non se) qualcos’altro di brutto accadrà, non debba accadere proprio a noi
2)       mollare tutto ed andarsene a vivere da qualche altre parte
3)       cercare in qualche modo di reagire, evitando di isolarci e di cadere preda di esasperazione e depressione.
Riuniamoci, facciamo comunità, impegnamoci un po’ di più personalmente, partecipiamo ad iniziative. Sempre, ben inteso, nel rispetto delle leggi e delle regole civili.
Cosa fare in concreto? Innanzi tutto fare sentire la nostra voce. Ecco alcuni esempi di azioni già in corso:
-          invio di continue segnalazioni ad autorità e organi di informazione;
-          raccolta di adesioni per organizzare al più presto una assemblea del Consiglio di Zona 2 e magari, a seguire, una manifestazione;
-          creazione di una rete che ci colleghi direttamente gli uni agli altri, lavoratori, commercianti e forze dell’ordine, possibilmente facendo leva su comitati cittadini già esistenti.
Se avete la possibilità di navigare in Internet, collegatevi al sito www.partecipami.it e accedete al forum di discussione della Zona 2: sono già pubblicate varie testimonianze che parlano di noi. Registratevi al sito ed intervenite nelle discussioni.
Sì, è un processo lungo ed impegnativo, ci vuole costanza, il tempo da dedicare è poco, si ha un po’ di paura ad esporsi, ci si sente sconfortati perché “tanto nessuno ci ascolta e/o fa nulla”, inoltre non vi sono garanzie di successo. Certamente da soli non possiamo fare molto, ma almeno proviamoci, facciamo numero, non soccombiamo passivamente. Svegliamoci noi e intanto speriamo che finalmente si svegli anche chi ci governa e ci amministra. In altre zone di Milano, come in altre città, qualcosa si sta muovendo. Muoviamoci anche noi, e se in passato è già stato fatto qualcosa, facciamolo ancora, e ancora, e ancora.
Se siete d’accordo sui contenuti di questa lettera firmate il foglio allegato: servirà intanto per verificare il numero di persone che vive i nostri stessi disagi ed è disposta a fare sentire la propria voce. E’ rivolta anche agli uomini e alle donne non italiani, onesti e di buona volontà, che abitano nella Zona 2 e che hanno davvero voglia di integrarsi nella nostra comunità.
Inoltre, se volete, indicate a fianco della firma un vostro riferimento (numero di telefono e/o indirizzo di e-mail) per essere eventualmente contattati di persona. Sempre se volete, scrivete nei fogli allegati i vostri commenti, suggerimenti, richieste. Ricordatevi comunque del sito www.partecipami.it, pubblicizziamolo e teniamo alta l’attenzione.
Per ora un grazie sincero e un grande augurio a tutti per un futuro migliore nella nostra Zona 2.

In risposta al messaggio di Adriana Bianchi inserito il 12 Nov 2007 - 14:31
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]