.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 133 ospiti collegati
.: Discussione: Alla Comasina: Asilo assediato dai rom. «Togliamo i figli»

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 17 Set 2007 - 11:28
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
La scuola confina con un insediamento abusivo

Asilo assediato dai rom. «Togliamo i figli»

Nell'edificio alla Comasina decine di intrusioni ogni notte. Gli abitanti: pronti a farci giustizia da soli. Le mamme: mancano controlli

Ciocca di capelli neri, tagliati, sotto un poster di Shrek. Pacchetto di biscotti e confezioni di passata vicino a una scatola di Lego. Set da cucina, appoggiato su un disegno del bimbo Andrea «dedicato alla mia nonna»: piatti, scodelle, posate. Cuscinoni da divano stesi a terra, per farci dei letti. Ci vivono. Ci mangiano. Ci dormono. In via Spadini, l'ex Cbm, il Centro per il bambino maltrattato, è stato da tempo chiuso dal Comune. Chiuso. Abbandonato. E usato da chi non ha una casa: zingari, per lo più. Una reticella divide il Cbm da un nido per 15-20 bimbi. Dicono le mamme che «i figli devono restar chiusi dentro. Manco possono uscire in giardino. Chi si fida? ». Giurano le mamme che, o cambia l'andazzo, o «i figli all'asilo non li mandiamo più. Ne abbiamo parlato al mondo intero, della situazione». Risposte? «Zero. Si capisce». Si capisce, se non per altro perché è il solito discorso, che va bene per le nostre belle periferie milanesi: mica è il centro, chissenefrega, i problemi vengono (casomai) dopo, molto dopo. E però è rischioso.

La Comasina è uno di quei posti dove non parlano per niente. Dove, se minacciano, spesso fanno. Raccontano i ragazzini che «prima o poi andiamo dentro e diamo fuoco» e che «organizzeremo un blitz alle quattro di notte, li sorprendiamo e vediamo ». Ammonimento d'una mamma, che conosce gli adolescenti del posto: «Eh no. Niente giustizia fai da te. Non facciamo stupidate». E dire, che alla stessa mamma, gliel'han consigliato pure i vecchi del quartiere: «I politici non vi ascoltano? D'accordo. La risolviamo a modo nostro. Al modo della Comasina ». Un modo che sottintende metodi spicci, nudi di oratoria e dialogo. Clima teso? Un pochino. Con la solita premessa: «In ogni modo, s'intende, non siamo razzisti. È soltanto che abbiamo timore più per noi, per i nostri figli. E se, a qualcuno degli occupanti abusivi viene voglia di farsi una capatina nell'asilo? Che ne so io, delle loro intenzioni? Senza contare, ormai, i furti». Siete sicuri che siano per mano loro? «Sì, sono gli zingari».

Perché, ne avete beccato qualcuno in flagrante? «No, ma si sa. Sono loro. Sono gli zingari». Siano ladri o semplici poveri cristi senza una dimora (notizia di ieri, per voce del sindaco Riccardo De Corato: «Da aprile, sgomberati 15 edifici occupati e 12 baraccopoli »), certo è che sono inquilini irregolari. Organizzati alla grande. Al Cdm, l'astuzia dell'incaricato a render difficile la vita agli intrusi, ecco, dicevamo, ha portato a bloccare le porte e renderle impossibili da scardinare. Ma ci si è dimenticati delle finestre: è bastato romperne una per entrare, con tanto — ecco l'organizzazione — di sedie, dall'altra parte, all'interno, per consentire una comoda discesa senza rompersi un ginocchio. Assai malinconici, poi, i lucchetti ai cancelli: questi son talmente bassi, che non ci vuole un olimpionico per scavalcarli. Figurarsi uno che sa che l'aspettano cibo e letto.

Andrea Galli
17 settembre 2007