.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 45 ospiti collegati
.: Discussione: Nuove case a Rubattino. Quando?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 9 Ott 2007 - 16:40
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Gentile Signor Villa,
purtroppo ai consiglieri di Zona non è (ancora) dato sapere quando l'operatore privato manterrà gli impegni assunti con la sottoscrizione della Convenzione con il Comune di Milano.
Di certo l'immobile di Suo interesse non può essere costruito sino a quando l'operatore privato non avrà ultimato i lavori della prima fase e iniziato quelli della seconda fase.
 Questa seconda fase, come senz'altro sa, riguarda la sistemazione del parco cittadino sino a Lavanderie di Segrate e la realizzazione di nuovi immobili nel parco (ad es. per facoltà di farmacia ecc.).
Nell'area a est della tangenziale è ancora funzionante e in attivo una fabbrica con 70 dipendenti circa: la INNSE, che realizza presse in gran parte esportate verso l'Europa dell'Est e la Cina.
Purtroppo chi ha progettato la "sistemazione" dell'area ha pensato di ignorare la fabbrica e di "spostarla", senza tener conto delle dimensioni dei macchinari di precisione ivi installati e dei costi per il loro spostamento e per la nuova "calibratura": chi è disponibile a sostenere questi costi? Pare nessuno.
Il centro-sinistra ha chiesto che i progetti tengano conto dell'esistente -ultima testimonianza della grande Innocenti-Maserati- perché il parco cittadino può -e deve- essere realizzato senza compromettere i 70 posti di lavoro e può costituire un esempio significativo della continuità tra passato (area industriale) e futuro (area residenziale e terziario) senza contrapposizione tra le due funzioni.
Nel silenzio dell'amministrazione comunale, ho presentato -assieme ad altri consiglieri di zona- una proposta di mozione urgente per un consiglio monotematico di aggiornamento sul PRU Rubattino.
Allego il testo della mozione, la cui urgenza è passata per il voto favorevole di soli 16 consiglieri su 41.
15 consiglieri del centro-destra hanno votato contro l'urgenza.
 
Si vede che per loro il rispetto delle regole da parte degli operatori privati non ha rilevanza.... l'unica cosa che conta è "non disturbare il manovratore privato" che deve poter fare i suoi ... comodi quando e come vuole.
Mi chiedo: il Comune, la parte pubblica dove sta e cosa fa? I cittadini da chi sono rappresentati e difesi?!?!
Perché il Comune giustifica sempre e comunque i ritardi della Rubattino 87 srl, ora di proprietà di AEDES?

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
In risposta al messaggio di Andrea Villa inserito il 17 Set 2007 - 08:14
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]