.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 21 ospiti collegati
.: Discussione: Partecipazione virtuale? a Milano e oltre

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Isabella Guarini

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Isabella Guarini il 17 Set 2007 - 19:33
accedi per inviare commenti
La lettera di Fiorella De Cindio contiene argomenti molto interessanti e generalizzabili a tutte le amministrazioni locali. In primis dirò che la partecipazione virtuale ci libera dall'obbligo della presenza fisica. Esserci o non esserci a una riunione è la stessa cosa. Specialmente per le donne, la partecipazione alla vita politica è  impedita  per questioni di tempo e spazio. Nel senso che, almeno fino a oggi, la politica dei partiti si svolge in tempi impossibili per una donna o per qualsiasi persona che lavora e ha una famiglia. Anche i luoghi nei quali si svolgono  le attività politiche sono difficili da raggiungere, senza parlare delle cariche che comportano  quasi un abbandono delle proprie abitazioni. Penso, tuttavia, che allo stato attuale non ci sia la possibilità di connessione per tutti i cittadini. Per questo ci vorrebbero consistenti investimenti per eliminare le discriminazioni. Per ora i cittadini si dividono in quelli che possono partecipare, se vogliono, e quelli che non possono  senza esserne nemmeno consapevoli. Cresce l'analfabetismo tecnologico con il rischio di ampliare le fasce d'emarginazione   a quei ceti  che sono  interessati alla politica nella maniera tradizionale.

Isabella Guarini
In risposta al messaggio di Fiorella De Cindio inserito il 12 Set 2007 - 13:02
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]