.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 55 ospiti collegati
.: Discussione: MUGGIANO: UN'OASI A MILANO DA MIGLIORARE

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Marco Rossetti

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Marco Rossetti il 7 Giu 2007 - 18:54
accedi per inviare commenti


Egregio sig. Dotro, anzi se permetti diamoci del 'tu' non perchè ci conosciamo, ma per il fatto che siamo quasi coetanei ed abitanti della stessa Muggiano. Io sono a Muggiano da sempre, ci sono nato, la mia famiglia ci risiede almeno dal 1780, amo il mio territorio e non posso che apprezzare le belle parole che hai avuto sul nostro borgo. Sono cose che anch'io ho sempre apprezzato e desiderato, e credo che l'unicità del luogo sia stata la principale attrazione per molti dei nuovi abitanti. Con questo non voglio dire che Muggiano sia il Paradiso terrestre, sia ben chiaro, di problemi ce ne sono tanti e i miglioramente che evidenzi nel tuo post sono soltanto alcune delle azioni che si potrebbero portare avanti. E' vergognoso che un'amministrazione come Milano lasci una pseudo fontana abbandonata, come è altrettanto ignobile che un'amministrazione di una metropoli non sia in grado di gestire il problema nomadi che rappresentano, a detta di molti, il neo più grande della nostra periferia. Però in questi anni mi sono reso conto anche di un altro problema, da affiancare sicuramente all'incapacità di un Consiglio di Zona di fare quel poco che dovrebbe realizzare nei limiti del decentramento, ovvero la passività della gente. Mi spiego.
A Muggiano abitano quasi 3.000 persone, che se confrontate con le 600 della metà degli anni '90 rappresentano un aumento più che esponenziale, ma pochissime di queste anime vivono il proprio territorio, difendendolo e cercando di stimolare l'amministrazione in quegli interventi che pur doverosi, se non stimolati, tardano ad arrivare. Mi spiace dirlo, ma la maggior parte degli abitanti fa parte della nostra generazione, troppo 'appagata' o quantomeno indifferente. Per quanto se ne dica questi trenta-quarantenni sono privi di vigore. Più volte mi sono chiesto il motivo della mancanza di stimoli, a volte credo che i problemi non siano veramente tali, altrimenti il buonsenso costringerebbe ad agire: 'se non faccio nulla è perchè, tutto sommato, va ancora bene così'. Altre volte mi viene il dubbio che molti abitanti non si sentano ancora abitanti di Muggiano, nel senso che hanno la residenza, ma non ci vivono fino in fondo, magari serve una generazione. Ecco perchè muore un comitato di Quartiere, ecco perchè le azioni, a mio avviso, si limitano a lettere ad un giornale o lamentele di piazza, ecco perchè gli speculatori, i cementificatori hanno la strada spianata. Non pensi che se il 10% degli abitanti di Muggiano, ma che dico... il 5%  - 150 persone - , andasse in delegazione a palazzo Marino, in un batter di ciglia il banalissimo problema fontana si sarebbe risolto? Lo so è brutto dire queste cose, l'amministrazione dovrebbe fare, intervenire... ma nel nostro mondo che non non parla è sepolto nell'oblio, nella convinzione di tutti che tutto è a posto.

A risentirci
Marco Rossetti
In risposta al messaggio di Marco Dotro inserito il 5 Giu 2007 - 15:37
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]