.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 56 ospiti collegati
.: Discussione: Acqua potabile "L'oro di oggi e del domani"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 12 Giu 2009 - 12:24
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Qui di seguito riporto il comunicato del Comitato Italiano per il Contratto Mondiale sull'Acqua in merito alla delibera del Co.Vi.R.I. (Comitato per la Vigilanza sulle Risorse Idriche) che BOCCIA la legge regionale della Lombardia sui servizi idrici sostanzialmente perchè incentiva le vendite dell’acqua e non prevede un limite massimo di crescita delle tariffe.

Insomma una brutta legge a favore degli operatori privati e a danno della collettività.

Cordiali saluti a tutte/i
 Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
-----------------------------------------------------
COMUNICATO STAMPA

Il Comitato di Vigilanza sulle Risorse Idriche ricorre a Napolitano contro il Piano d’Ambito dell’ATO di Pavia

Il Co.Vi.R.I. boccia la legge acqua della Lombardia!

Dichiara il Contratto Mondiale sull’Acqua: “Moratoria sulle gare. In Lombardia il sistema più
sicuro è l’affidamento pubblico “in house” dei servizi idrici”

Milano, 10 giugno 2009
“La legge sui servizi idrici della Regione Lombardia incentiva le vendite dell’acqua e non prevede un limite massimo di crescita delle tariffe!”. Ad affermarlo è il Comitatodi Vigilanza sulle Risorse Idriche (Co.Vi.R.I. - www.coviri.it), l’organismo istituzionale preposto alla
vigilanza sulla gestione dell’acqua in Italia.

Il Co.Vi.R.I. ha bocciato il Piano d’Ambito approvato dall’ATO di Pavia, poiché “incentiva a incrementare
le vendite dell’acqua in violazione del principio di un uso sostenibile della risorsa e di una politica di risparmio”


e non prevede un limite massimo di crescita annuale delle tariffe. È una vera e propria stroncatura quella
del Comitato di Vigilanza, che nella stessa delibera ha determinato di presentare un ricorsostraordinario al Capo dello Stato per l’annullamento del Piano d’Ambito pavese

. Sarà quindi
Napolitano a decidere delle sorti dell’acqua in provincia di Pavia e, per esteso, in tutta la Lombardia.

Infatti i motivi della bocciatura del Piano di Pavia riguardano le storture contenute nella legislazionedella Lombardia sui servizi idrici.
La bocciatura del Co.Vi.R.I. giunge a distanza di soli 2 mesi dalla precedente sentenza dell’Antitrust, la

quale aveva criticato la medesima legislazione lombarda, ritenendola distorsiva del mercato e della

concorrenza. L’Antitrust scriveva che “il modello lombardo sembra preludere alla duplicazione di
posizioni di monopolio”, poiché disegna “una organizzazione del servizio idrico che prevede la separazione
tra l’attività di gestione della rete e quella di erogazione del servizio”.


Alla luce della duplice contestazione dell’Antitrust e del Co.Vi.R.I., e dei ricorsi di costituzionalità

avanzati dai Governi Prodi (2006) e Berlusconi (marzo 2009), il Comitato italiano per un Contratto
Mondiale sull’Acqua chiede al Consiglio Regionale della Lombardia una moratoria sulle gare per iservizi idrici

, attraverso la sospensione della legge regionale per la parte relativa alla suddivisione
tra gestione ed erogazione e la messa sul mercato di quest’ultima.

Il Comitato Italiano rinnova l’appello a tutti i Sindaci dei Comuni della Lombardia, ed in particolare a

quelli che hanno sostenuto il referendum, affinché si interrompano i percorsi, avviati in molti ATO tra
cui quello della provincia di Milano, per la separazione di gestione ed erogazione e si sospendanole eventuali gare

, in quanto tali provvedimenti rischiano di essere impugnati per illegittimità.
Secondo il Comitato italiano, in presenza di queste scenario, in Lombardia il sistema più sicuro (e

legittimo) è l’affidamento diretto di tutto il servizio idrico (gestione ed erogazione) a societàtotalmente pubbliche. Il tutto come consentito dalla nuova legge regionale n. 1/2009, votata
all’unanimità dal Consiglio Regionale a seguito dell’azione referendaria intrapresa da ben 144 comuni

lombardi e nel rispetto di quanto previsto dall’art. 23bis della vigente Legge 133, che consente la

gestione “in house”. In base a tale normativa, gli ATO hanno la facoltà di affidare direttamente
l’intero servizio idrico a società cosiddette “in house”, cioè di proprietà esclusivamente pubblica,

senza ricorrere ad alcuna gara, passaggio, quest’ultimo, che aprirebbe ai privati.
Il Contratto Acqua, insieme ai comitati lombardi impegnati a difesa dell'acqua pubblica, rinnovano

pertanto l’appello a tutti i Sindaci, compresi i nuovi eletti, a farsi carico della gestione diretta e

totalmente pubblica di un servizio di interesse generale, sottraendolo alla speculazione del mercato.

Comitato Italiano per il Contratto Mondiale sull’Acqua

Per informazioni contattare

R. Lembo - E. Molinari – R. Fumagalli

In risposta al messaggio di Germana Pisa inserito il 31 Mar 2009 - 20:02
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]