.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: Discussione: Pannelli fotovoltaici nelle scuole milanesi.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Carlino Di Biase

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Carlino Di Biase il 22 Mar 2007 - 18:48
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Caro Enrico,
quantunque nelle mie osservazioni io non abbia affatto demolito il tuo pensiero, ma più semplicemente delimitato i perimetri di ciascun ente, mi trovo a rispondere a tue critiche spropositate rispetto al contenuto del mio testo.
Dissento nettamente da questo modo di vedere: questo comune, come tanti altri, non riesce a gestire neanche le case popolari e tu gli vuoi affidare anche la produzione di energia! Per me non è una rivoluzione copernicana, è un continuo mescolare ruoli e competenze in un turbine caotico.
Il comune pensasse a gestire ciò che gli spetta. Aem ed Enel, come altre aziende, non sono solo gestori, ma, soprattutto Enel, anche produttori di energia. Non capisco perchè aziende che dovrebbero avere anche le conoscenze adeguate per procedere, non lo facciano.
Sulla provincia non devo informarmi: i suoi progetti li conosco. Nel caso del fotovoltaico so che ha anche già realizzato qualcosa in alcune scuole, ma anche in questo caso ribadisco che gli enti pubblici di governo dovrebbero rendere disponibili le strutture a quelli che tu chiami gestori e che per me sono anche produttori. 

In genere non scrivo tra le righe, ma scrivo esattamente quello che voglio dire, senza giri nascosti; se hai capito qualcosa di diverso, sarei curioso di sapere cosa.

Io vedo inoltre che spesso la partecipazione di mandrie di plagiati a tante manifestazioni più che favorire la democrazia frena lo sviluppo (ultima la protesta in Campania contro l'inceneritore).

Alcuni poteri sono delegati ai nostri rappresentanti (per fortuna), altri sono condivisi in massa da tutti i cittadini.

Proprio in merito a questo e a ciò che faccio in consiglio di zona, ti invito a leggere gli ultimi documenti sulla partecipazione dei cittadini, comitati, associazioni, istituzioni, proprietari e costruttori allo sviluppo del nuovo cantiere Garibadi-Repubblica.
In questo caso la partecipazione ha permesso di istituire un tavolo, grazie al cdz9, a cui saranno invitati tutti gli attori citati per discutere insieme sul come procedere nella realizzazione di queste importanti opere in quei quartieri della città.

Mi occupo anche di altro, se vuoi ti dettaglio nelle puntate future, così potrai ridere e piangere sui nostri compiti.

Ti assicuro che farei molto altro se ne avessi i poteri che le passate giunte a l'attuale non vogliono delegarci.
Aspetto da sei mesi il collaudo di un ascensore da parte del comune. Visto che credi tanto in questo strumento di partecipazione a tutti i costi, se vuoi delego a te questo problemino. Provaci tu con il comune, forse da non candidato e da non eletto ti danno più retta rispetto ad un consigliere di zona usurpatore del denaro pubblico.

Carlino Di Biase
In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 18 Mar 2007 - 08:25
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]